mercoledì, novembre 21, 2018

Ipse dixit ennesimo

Se avessero generato danni realizzando il loro programma, avremmo potuto contestarne l’efficacia delle loro riforme. Invece con loro non importa aspettare le leggi: come in quella vecchia pubblicità, con loro basta la parola. Dici Salvini e Di Maio e, zac, l’Italia subisce un danno sui mercati.
Renzi: è ora di una alternativa.

Quello che temo e che penso accadrà è che le prossime settimane finiscano per mostrare drastiche conseguenze nei mercati italiani, sui titoli e sull'economia, così vaste che potrebbero spingere gli elettori a non votare per i populisti di destra e di sinistra.
Impropriamente citato con "i mercati insegneranno agli italiani come votare".
Oettinger, il 29 Maggio.
Il Commissario Europeo al Bilancio.

Non fa nessuna differenza, quella di Oettinger non era una profezia, era una promessa. Un po' come quando viene il picciotto a dirti che ti conviene assicurare la bottega contro gli incendi.

Renzi si vanta di questo, che la "Europa" e i "mercati", su direttive di non si sa chi, puniscano gli Italiani per come hanno votato. Lui si vanta di essere dalla parte di chi da le direttive. Che è precisamente la ragione per cui gli hanno detto di togliersi dai piedi. Ma a quanto pare è fiducioso che le Elite Apolidi lo rimetteranno in cattedra a suon di bombe. Certamente, acqua di rose rispetto a certi "professori" del passato, i quali ci hanno traditi, cioè portati (tradire) legati al carnefice.

martedì, novembre 20, 2018

Mentalità servile

A riprova che il "sinistrismo" è una malattia mentale.

Riassumendo, il circo della "sinistra" ha deciso tempo fa che, dopo averci svenduti alle Elite Apolidi sottoscrivendo tutti i "contratti capestro" sotto forma di trattati, per rabbonire la "commissione" che ti scatena contro i "mercati", bisognava scambiare il deficit con l'invasione degli immigrati. Invertendo l'equazione, domandiamoci perché la "commissione" dovrebbe essere felice se l'Italia viene invasa dagli immigrati e di conseguenza, quale è la vera ragione per cui adesso ci ricattano. A margine, mi sembra evidente che tutte le "Massime Cariche" della "sinistra" siano responsabili di Alto Tradimento.

domenica, novembre 18, 2018

Il termostato della sinistra

Cito un articolo del Corriere che riporta l'intervista a ennesima giovane eroina che cerca di riformare il PD che se non ci fosse finirebbe il mondo, ingiungendo ai dirigenti di "ritirarsi", per lasciare posto alle nuove leve.
Perché il Pd non intercetta più la gente?
«Abbiamo sbagliato su sicurezza e immigrazione, reale e percepita. Se ci sono 40 gradi e ne percepisci 5 e dici che hai freddo, è inutile che io ti ripeta che fanno 40 gradi».
Cominciamo col solito giornalista galoppino appecorato che pone domande che contengono già la risposta. Prego riflettere sul concetto di "intercettare la gente". Veniamo alla risposta. L'elettore italiano per la "sinistra" è un cretino che si mette il maglione ad Agosto perché "ha freddo" quando ci sono "40 gradi". Quindi il PD deve smettere di sostenere la "verità" dei 40 gradi ed adeguarsi alla "menzogna" del "freddo percepito", ovvero dire "si si, stai buono che adesso accendiamo il riscaldamento", invece di essere arrogante e dire "stai buono che ci sono 40 gradi".

Naturalmente il giornalista di guarda bene da ricordare all'intervistata gli slogan de "pagheranno le nostre pensioni" oppure de "fanno i lavori che gli Italiani non vogliono fare" o anche de "salvare delle vite", col barcone ripescato spendendo milioni che bisognava farne un monumento, per non citare quelli più graditi alle piazze dei manifestanti come "siamo tutti clandestini", "meno erasmus più immigrati", "studenti meticci", eccetera.

Alla sopracitata giovane eroina della "sinistra" non viene il dubbio che effettivamente non ci siano 40 gradi. Che magari il termostato della "sinistra" è regolato sulla temperatura della villa di Soros in qualche paradiso tropicale invece che quella di una via di periferia dalle parti di San Donato.

Dov'è la notiziona? Che se il PD non raccoglie consenso e quindi voti dipende dal fatto che i dirigenti non ammettono i propri errori. Perché, come si vede, le nuove leve invece hanno capito tutto.

Nel frattempo Repubblica mi informa gioiosa che:
La coppia franco-tedesca ha il dovere di non far scivolare il mondo verso il caos.

Il mondo è di fronte ad un crocevia", ha detto il presidente francese. "O precipita in una fascinazione senza fine per una tecnologia senza coscienza, ad un nazionalismo senza pensiero e ad un fanatismo senza valori, oppure riesce a fare sue le straordinarie conquiste del progresso in modo che tutta l'umanità ne possa trarre profitto.

Il discorso di Macron si è concluso tra gli applausi dei parlamentari tedeschi, con tanto di standing ovation.
Perché l'alternativa evidente è tra Macron e il mondo nel caos. A questo Renzi gli spiccia casa, come dicono a Roma. Che gente cosi sia libera di circolare e che ci siano milioni di persone che ci vedono un "profeta", mi risulta incomprensibile.

Per tirare su il morale all'eventuale lettore di questo post, ecco un capolavoro di musica e interpretazione. Una visione che entusiasma, che solleva lo spirito, che ci motiva tutti a fare nostre le straordinarie conquiste di cui parla Macron. Toglietevi il maglione che ci sono 40 gradi, percepiteli! Elevo una prece per quelli che pensavano a Bello Figo come uno scherzo.

Se ancora non siete soddisfatti, vi propongo una selezione di miei post precedenti che aiutano a unire i puntini. La lettura nuoce gravemente alla salute, sappiatelo.

giovedì, novembre 15, 2018

E' troppo poco, troppo tardi

Apro il sito di Repubblica e in testa trovo un riquadro intitolato "diritti" col quale mi informano che:
- Carta d'identità, il Garante della Privacy boccia l'introduzione di "padre" e "madre".
- Il Csm boccia il decreto sicurezza: è incostituzionale.
Nel caso io non mi fossi ancora rassegnato al fatto che è inutile votare, è inutile illudersi, è tutto già deciso, l'Italia non è più uno Stato sovrano, il Parlamento è privo di autorità e funzione, tanto che la maggior parte degli Italiani ormai non sa più che esiste e a cosa serve, le "istituzioni" lavorano per altri, contro gli Italiani. Abbiamo Generali i quali dichiarano che lo scopo delle Forze Armate non è più quello di difendere i confini ma di assicurare la libertà di movimento attraverso i confini. La Magistratura rigetta Leggi approvate dal parlamento in nome del "dovere di accoglienza" e in nome della "comunità internazionale". Un fantomatico "garante" che ci dice che i documenti italiani devono riportare lo "stato civile" riconosciuto in altri Paesi o da un sindaco di un Comune, anche se è in Italia è illegale. Aveva ragione il Presidente Mattarella, le ultime elezioni erano da annullare. Questo tira-e-molla sta diventando una agonia, che sciolgano le Camere, chiudano le porte e i portoni a Roma, sospendano le elezioni sine die e ci mettano in Governatore - Commissario incaricato dalla "comunità internazionale" che tanto il resto del macchinario gira già per conto suo, rendendo conto ad altri. Realizziamo finalmente il "meticciato", poi cominciamo a migrare in giro per il mondo, il Mondo Nuovo.

martedì, novembre 13, 2018

Sempre peggio coi furbofoni

Oggi mi arriva simpatica email da Intesa San Paolo, che sarebbe la banca di cui sono cliente. Mi comunicano che a breve non potrò più usare la O-Key per autenticarmi nel servizio di Internet Banking. La O-Key è un aggeggino con un bottone che genera un numero e il sito della banca mi chiedeva due codici numerici corrispondenti a username e password e poi il numerino generato dalla O-Key. Ecco, adesso mi dicono che a seguito di una direttiva europea, sempre sia lodata la UE, hanno deciso di sostituire questo meccanismo con la "smart O-Key" con consiste in una "app" sul furbofono. O quanto è bello usare la "app" del furbofono, fatto sta che per potere usare il servizio di Internet Banking devi avere un furbofono. Perché tutti devono avere un furbofono, giusto? Uno di quegli aggeggi sigillati, con il software che fa cosa gli pare e tu non ne sai niente e che dicono alla loro mamma dove sei e cosa stai facendo in ogni momento.

Poi, bontà loro, mi dicono che se non ho il fubofono, mi arriverà un SMS, tipo quello che manda Google quando ti dice che non ti riconosce. Ma la banca me lo farà pagare, ad un costo che sarà spiegato nella solita revisione contrattuale del servizio. Beh, comunque a naso direi che col numero di operazioni che faccio mi conviene comunque pagare lo SMS piuttosto che comprare un furbofono e sottoscrivere un contratto per la connessione.

Un Anello per domarli, un Anello per trovarli,
Un Anello per ghermirli e nel buio incatenarli,
Nella Terra di Mordor, dove l'Ombra cupa scende.

La cosa che mi fa ridere è che ci sono degli svitati che si preoccupano dei chip impiantati sottopelle. Perché invece avere in tasca il furbofono è una cosa tanto differente, no?

domenica, novembre 11, 2018

I giornalisti

Io non ho alcuna simpatia per il Movimento 5 Stelle e nemmeno per Roma e il suo sindaco. Però leggendo le notizie devo osservare che Di Maio e compagnia più che avere ragione a proposito dei giornalisti stanno descrivendo un fenomeno per quello che è.

Nel post precedente si parlava della vita di Salgari, uno che si è suicidato perché non riusciva a campare col suo mestiere di scrittore. Ecco, nella sua epoca non erano molti gli Italiani in grado di scrivere, eppure la professione non consentiva lauti guadagni. Figurarsi oggi che una buona parte degli Italiani ha una formazione scolastica sufficiente e che tutti gli Italiani hanno gli strumenti per scrivere e pubblicare i propri scritti, come dimostra questo modesto blogghettino. La realtà è che chiunque può fare il giornalista, perfino i vituperati Salvini e Di Maio, che infatti credo siano entrambi iscritti all'ordine.

Quale può essere la conseguenza? Che per campare uno scrive per chi lo paga. Per chiunque lo paghi. Per scrivere qualsiasi cosa il committente richieda. Un allenatore dell'Inter tempo fa accusava i giornalisti di essere "prostitute intellectuali". Come si vede, niente di nuovo sotto il sole. Non piace l'idea della prostituta? Allora usiamo un altro termine, che ne so "mercenario", "soldato di ventura", "lanzichinecco". Si tratta comunque di gente che non ha altro da "vendere" che le braccia e un'arma. Non solo non è una bella vita quindi non si tratta di bella gente ma il mestiere delle armi è sangue e merda e quella è anche la "nobile professione" di cui parliamo. Non è un caso che io ho smesso da anni di guardare la TV, non compro periodici e quotidiani e ascolto saltuariamente la radio.

Non vorrei che questo discorso sembrasse strumentale. Le stesse cose che ho scritto si applicano alla "informazione" in tutto il mondo, anzi, mi sembra che in molti Paesi la situazione sia anche peggiore della nostra. Non è nemmeno una novità, basti vedere il ruolo che aveva la stampa nel mercato azionario da cui crollo della Borsa americana nel 1929 o il fatto che Mussolini (ex maestro elementare) fu direttore dell'Avanti.

sabato, novembre 10, 2018

Salgari

Mi sono imbattuto per caso nella Biografia di Salgari. Se ne ricava un quadro dell'Italia dei primi del Novecento che fa abbastanza spavento.

Milioni di parole

Che si potrebbero riassumere dicendo "sono un cretino".
Ho restituito il nuovo iPad Pro.
Ho dovuto smettere di leggere questo articolo perché mi stava uscendo il sangue dagli occhi come succede a certe statue miracolose della madonna o dei santi. Abbiamo scoperto, udite udite, che i gadget col "touch screen" servono solo a cazzeggiare. Premio Nobel.