giovedì, dicembre 29, 2005

Il Web 2.0 e il valore medio dei contenuti

Riflessione del giorno: IL WEB 2.0 E IL VALORE MEDIO DEI CONTENUTI
Cos'e' il Web 2.0? Prendo spunto dal blog di Simone. Faro' un ragionamento da "utente". Una volta, tanto tempo fa, a qualcuno era venuta l'idea di collegare i computer tra di loro usando il telefono. Vi ricordate il film "Wargames"... accoppiatore acustico eccetera. Io non ho mai provato con quello pero' avevo un modem a 2400bps(3K) e lo usavo per collegarmi alle famose BBS che altro non erano che computer a casa di qualcuno che tu chiamavi facendo una normalissima telefonata col tuo modem e dall'altra parte ti rispondeva il modem del gestore della BBS che ti dava accesso a parte del suo harddisk. Eistevano dei software ingegnosi, in modalita' testo, che permettevano di inviare e ricevere dei file (non tutti sanno che lo ZIP e' stato inventato proprio per le esigenze dei modem di quei tempi) e anche di scambiarsi dei messaggi, che non erano ancora le email. La cosa bella era che le BBS erano poi collegate tra di loro in un network "differito" cioe' ad una certa ora ogni BBS chiamava un tot di altre BBS e gli inviava dei pacchetti contenenti i messaggi da inoltrare, in modo che un messaggio spedito tramite la BBS X a Milano arrivasse alla BBS Y a Mosca entro un certo tempo che era nell'ordine delle settimane.
Il tutto era ESTREMAMENTE criptico, per iniziati.
Poi si e' diffuso Internet e una nuova generazione di software che hanno reso la vita piu' comoda a tutti, tanto che oggi moltissimi utenti non sanno capire la differenza tra il browser e Internet come concetto, dicono "apro internet" e per loro e' tutto li. Il succo del discorso di Internet prima maniera erano/sono i "siti" cioe' le pagine corrispondenti ad un indirizzo che si possono trovare tramite un motore di ricerca o un link diretto e nelle quali sono pubblicati i contenuti. All'inizio dotarsi di un indirizzo Internet (il dominio) e creare le pagine su un server era una cosa che aveva dei costi e richiedeva alcune conoscenze tecniche, quindi una cosa per "esperti", di conseguenza esistevano due tipi di contenuti, i siti "ufficiali" di solito corrispondenti ad una istituzione e i siti "amatoriali", creati per hobby da qualche appassionato di computer.
New Economy e palle varie, arriviamo ai giorni nostri.
Per rispondere alla esigenza di aggiornamento dei siti nel tempo sono state sviluppate delle tecnologie che permettono a chiunque di pubblicare contenuti. Sempre piu' dispositivi sono stati collegati ad Internet perche' e' li, esiste ed e' il modo piu' semplice per collegare delle cose. Nasce cosi l'idea del Web 2.0, cioe' un network dove in pratica qualunque cosa e chiunque e' permanentemente collegato e puo' inviare e ricevere dati. Internet non e' piu' fatto dagli "esperti" e i contenuti non sono piu' "selezionati". Pensiamo al concetto di "notizia", una volta una notizia era pubblicata sul giornale, fonte autorevole, quindi era "vera". Poi la stessa notizia e' stata pubblicata sul sito Web del giornale e quindi vabbe', era ancora vera, anche se per sua natura piu' "volatile". Oggi chiunque puo' pubblicare una notizia, quindi come distinguere tra la notizia vera e quella falsa? Lo stesso giornalista che scrive sul sito del giornale puo' avere un blog personale piu' autorevole, piu' interessante, piu' obbiettivo (o piu' assolutamente falso) del sito dove scrive "ufficialmente". Che differenza c'e' tra una redazione "ufficiale" che risponde ad un editore e una redazione "virtuale" fatta da persone anonime che pubblicano contenuti, per esempio notizie di sport? Per assurdo la redazione virtuale potrebbe essere meglio per mille motivi. E' risaputo ormai che la migliore copertura degli eventi drammatici si trova su Internet, gli utenti e i blogger sono come i radioamatori che trasmettevano notizie di prima mano dai luoghi piu' lontani e le rilanciavano da uno all'altro. C'erano e ci sono blogger in guerra, blogger che scrivevano da New Orleans inondata, eccetera.
Internet per me era la Enciclopedia Finale di un omonimo racconto di fantascienza. La summa di tutto lo scibile umano facilmente ed istantaneamente accessibile. Ma adesso col Web 2.0 mi chiedo, data la difficolta' di discriminare i contenuti e le fonti, se diventera' piuttosto la summa di tutte le cagate mai pensate, scritte, fotografate, videate ecc. Ok, certo, in mezzo ci saranno delle idee geniali, dei capolavori, eccetera ma come trovarli? Pensiamo a Wikipedia, un progetto di enciclopedia libera dove gli articoli sono scritti e revisionati dagli utenti. Piu' gente ci scrive e piu' articoli vengono pubblicati e piu' diventa pressante la necessita' di filtrare e revisionare i contenuti, pena la perdita di attendibilita' delle informazioni e quindi l'utilita' e il senso della enciclopedia. Uno non consulta l'enciclopedia se pensa che quello che legge forse e' cosi e forse no... E' vero che viviamo nell'era delle verita' probabilistiche, ma questo e' un altro discorso... Pero' penso che i motori di ricerca abbiano lo stesso problema in merito alla "pertinenza" dei risultati di una ricerca. Gli algoritmi attuali devono per forza discriminare i risultati secondo qualche regola e anche gestire la indicizzazione dei contenuti per non essere travolti dalla mole di informazioni pubblicate...chissa', ci saranno delle teorie, non a caso Google e' uno degli attori piu' in vista in questo momento.

mercoledì, dicembre 28, 2005

Scooter e neve non vanno d'accordo


Eccoci qui, una mattina che nevica.
Per un motivo o per un altro non sono giorni allegri questi.
Piu' vado avanti e piu' faccio fatica a dare un senso alle cose...

giovedì, dicembre 15, 2005

Chi parla di te

Ho installato questa estensione di Firefox: Blogger Web Comments for Firefox.
"Blogger Web Comments for Firefox is an extension that makes it easy to see what bloggers are saying about a page you're viewing in Firefox and even make your own blog post about it, all without leaving the page you're on."
Carina, putroppo mi dice che c'e' solo un commento in un blog che riguarda queste pagine e per inciso l'ho scritto io... :(

Nota tragica:
Ecco le statistiche secondo Yahoo delle voci piu' cercate dagli italiani sul loro motore di ricerca:
Le tendenze della Rete 2005.
Da notare in particolare:
Internet & Hi-Tech 
1 Chat
2 MP3
3 SMS gratis
4 Suonerie
5 Digitale terrestre
6 Giochi online

mercoledì, dicembre 14, 2005

Fidati della tua banca

Rubavano a tutti i clienti.
Un modo per ripianare le perdite. Patrimoni personali enormi grazie alle scalate illecite La banda Fiorani si arricchiva accumulando «patrimoni personali enormi» anche grazie alle scalate illecite. E a pagare i danni era la massa dei risparmiatori: clienti onesti della banca che subivano tanti piccoli ammanchi. «Spese» e «commissioni» inventate dai vertici della Popolare di Lodi per coprire le perdite in Borsa, ripianate in via provvisoria perfino con prelievi abusivi dal caveau. Con casi limite di furti dall’eredità dei clienti morti.
Corriere.it - Arresto di Fiorani

lunedì, dicembre 05, 2005

CoBrowse - jybe

This extension turns Firefox into a simple collaborative web browser:
::::: COBROWSE :::::

In alternativa, questo software ha lo stesso scopo e puo' essere usato anche con IE:
http://www.jybe.com

sabato, dicembre 03, 2005

Odio l'inverno


Freddo, neve, pioggia, sabato mattina di Dicembre.
Ho tagliato i capelli, barba lunga e mi annoio.

venerdì, dicembre 02, 2005

SNARF the Social Network and Relationship Finder

Microsoft Research's Community Technology presents SNARF, the Social Network and Relationship Finder.

SNARF was built around the notion that social network information that is already available to the computer system can be usefully reflected to the user: a message from a manager might be seen differently than a message from a stranger, for example. SNARF applies this idea to email triage: handling the flow of messages when time is short and mail is long.

http://research.microsoft.com/community/snarf/

giovedì, dicembre 01, 2005

I fatti di cronaca di questo mondo strano

VIOLENZA
"Trezzano sul Naviglio, Sud-Est di Milano. Il quinto caso di violenza sessuale in pochi giorni avviene ai margini di una fermata di treni dei pendolari."
E qui uno si indigna, il far west, non si puo' piu' andare in giro, ecc.
Poi pero' si approfondisce:
"La donna, 38 anni, due figli, deve seguire la direttissima del processo al suo convivente, un cittadino senegalese arrestato per droga. Prosegue il racconto: «Sono uscita dalla stazione e ho visto quel ragazzo che mi ha offerto un passaggio, ho accettato perché avevo molta fretta"
[...]
"mi ha detto di dover prendere delle chiavi. Fermata la macchina, siamo scesi da una scalinata che ci ha riportato sulla banchina della stazione. La baracca è a cento metri. C’erano coperte e lenzuola, assi di legno, una rete e unmaterasso. Lì dentro, l’uomo si è trasformato."
Cappuccetto Rosso, vai a cercare le chiavi dentro la baracca del lupo cattivo. Manca solo qualcosa come "ma che denti grandi hai nonnina". Anche se in questo caso cappuccetto rosso convive con uno spacciatore senegalese.
Mondo sempre piu' incomprensibile...

IL DIGITALE TERRESTRE
Simone (vedi blog nella colonna di sinistra) dice:
"[...] l'avvento del digitale come unica fonte TV è slittato al 2008 (fine 2008). E probabilmente, per allora il digitale terrestre sarà già una tecnologia obosoleta, superata dalle potenzialità delle varie IpTV"
Il suo post segue un articolo del corriere.it, questo:
Digitale terrestre verso l’addio
"Lo slittamento nel decreto «milleproroghe». Venduti solo 3 milioni di decoder. Fallimento dell'intera strategia finanziata dallo Stato"
Ora, io aggiungo:
1. Non sono convinto che IPTV sia una alternativa perche' al momento richiede un utenza diversa da quella del pubblico televisivo, tecnicamente piu' evoluta. Consideriamo che i servizi ADSL non sono oggi disponibili su tutto il territorio italiano.
2. A cosa serve veramente la TV Digitale? La propaganda dice che serve per ottenere un mezzo di comunicazione interattivo, in realta' secondo me serve per creare nuovi e piu' ampi mercati in un contesto che oggi e' limitato a pochi canali, divisi tra i 2 o 3 oligopoli principali. Il motivo per cui non ha funzionato e' che l'economia e' in crisi e la gente ha altro per la testa.

mercoledì, novembre 30, 2005

Firefox 1.5

Upgrade to Firefox 1.5!Il progetto Mozilla ha appena rilasciato questa notte la versione definitiva di Firefox 1.5 in 19 lingue e, a breve, molte altre localizzazioni verranno rese disponibili.
Firefox 1.5 si basa sul successo del suo predecessore con lo scopo di fornire un browser migliorato da significativi aggiornamenti riguardanti le performance e la facilità d'utilizzo, così come perfezionamenti relativi alla sicurezza e alla privacy ed anche maggiori possibilità di personalizzazione.
http://www.mozilla-europe.org/it/

sabato, novembre 26, 2005

Prima neve di novembre


Eccoci qui anche quest'anno, pomeriggio a Milano e ovvio California dreaming...

mercoledì, novembre 23, 2005

Grafica Open Source

Amici programmatori e persone graficamente svantaggiate, volete la "grafica" di un sito gia' pronta da potere usare per i vostri progetti?
Eccola qui:
Open Source Web Design is a place to download free web designs and share yours with others. We help make the internet a prettier place.
http://www.oswd.org/

Non aspettatevi chissa' cosa, pero', a caval donato...

sabato, novembre 19, 2005

Firefox e Memoria Fisica

Facendo delle prove con Firefox e con Opera mi sono accorto che entrambi hanno la tendenza a consumare sempre piu' memoria durante una sessione, pero' quando si iconizza Opera la memoria fisica viene rilasciata, mentre quando si iconizza Firefox no, rimane allocata. Allora frugando tra i mille hack di FF ho trovato questa: config.trim_on_minimize che per qualche ragione non e' presente in about:config, ma se viene aggiunta come "boolean" con valore "true" abilita il rilascio della memoria anche per Firefox. Ecco un link utile: about:config entries

Dimenticavo, funziona anche per Thunderbird, solo che accedere ad about:config bisogna andare dentro tools - options - advanced - config editor. Utile insieme alla estensione per minimizzare nella traybar, minimize to tray

Ulteriore nota, o meglio una piccola recensione. Ho provato uno dei pochi antivirus gratuiti, AVAST. E' un software simpatico ma sembra lo anti-spyware di MS, cioe' ci sono mille milioni di opzioni da settare e cento "moduli" indipendenti che controllano questo e quello, risultato ogni operazione rallentata, 50 mega di memoria solo per l'antivirus. Onestamente, sara' anche efficace come antivirus ma non ve lo consiglio, bloated.

giovedì, novembre 17, 2005

Up patriots to arms, Engagez-Vous

E' evidente a cosa servono le connessioni ADSL cosi asimmetriche che propongono oggi le telefoniche, servono a veicolare servizi a pagamento sullo stile TV via cavo. La asimmetria consiste nella differenza tra banda in download (altissimo - 25M) e upload (bassissimo - 512K) e ha come conseguenza di limitare pesantemente gli usi "attivi" della connessione, vedi P2P, videoconferenza, ecc. Inoltre le connessioni di questo tipo cominciano ad essere efficienti soltanto all'interno della rete del provider che ti fornisce i servizi in download, andando a configurare dei network "chiusi" che sono antitetici rispetto al Web. Mi faccio Gilbertino per una volta e propongo che tutti sottoscrivano gli abbonamenti di fascia piu' bassa possibile, che tanto la banda in upload e' la stessa ed e' quello che conta se vogliamo parlarci tra di noi invece che ricevere soltanto i contenuti dal provider, ognuno il suo...

giovedì, novembre 10, 2005

I commenti al blog

Blogger ha introdotto due modifiche per i commenti, c'e' una parola di verifica e i commenti sono moderati.
Quindi adesso in questo blog i commenti sono aperti a tutti, anche agli utenti non registrati.

On a side note: Tiscali conferma di avere ricevuto il mio fax e avere inviato la raccomandata di disdetta a Telecom.
Pare anche che adesso Tiscali offra la ADSL a 24M/512K contro la precedente 12M/256K che costa circa 35 euro.

Edit: ribadisco, ne voglio uno anche io.

laptop.media.mit.edu

lunedì, novembre 07, 2005

Ancora su ADSL

Un paio di settimane fa la mia linea ADSL di Tin e' precipitata a meno di 640K in download quando in teoria dovrebbe essere 4M (tariffa da 37 euro al mese). Contatto il supporto Tin via "helpexpress", un software infame activex-java che ti fanno installare. Oggi mi chiama l'assistenza tecnica Tin e mi dice che dopo avere verificato hanno scoperto che Telecom mi ha attestato su un vecchio router insieme ad un milione di altri poveretti perche' stanno lavorando sulle linee per portare tutti a 4M e quindi io non posso avere piu banda di cosi. Telecom ammette candidamente il disservizio ma secondo loro fa parte del piano di adeguamento delle linee concordato con Tin e quindi devo aspettare che i nuovi impianti siano pronti per essere spostato. Tin ovviamente dice che dipende da Telecom e quindi non puo' fare niente (nonostante Tin oggi commercializzi solo le linee Telecom Alice). Intanto a me arrivano le regolari fatture e io procedo coi regolari pagamenti. Vedi post precedente per il passaggio a Tiscali.

venerdì, novembre 04, 2005

Filtrare le pagine web

Le pagine web possono contenere varie cose moleste, banner, pop-up, animazioni flash, eccetera. Per filtrare ed eliminare questi oggetti si puo' usare un software che funzioni da "proxy", cioe' che si interponga tra il browser e le pagine. Ad esempio questo e' semplice e carino: Bfilter

mercoledì, novembre 02, 2005

Tiscali

Senza pensarci troppo ho sottoscritto un abbonamento Tiscali ADSL flat da 19,9 euro per 2M/256K di banda. Ero stufo di Tin e volevo spendere il meno possibile. Adesso parte il giro della disdetta, che mi hanno promesso di seguire loro e della nuova attivazione. Vediamo come va e speriamo bene...

martedì, novembre 01, 2005

Flock e Firefox

Esiste questo progetto chiamato Flock che e' in fase "beta" e che sembrerebbe essere una versione di Firefox modificata per connettersi facilmente ad una serie di servizi "community" come i blog, i fotoblog, eccetera. Lo trovate qui: http://flock.com/
Il filo conduttore del progetto e' il "social networking" che e' una delle componenti de "Web 2.0" cioe' le iniziative per rivitalizzare il Web. Si potrebbe riassumere nel fatto che la maggior parte degli utenti una volta erano soggetti passivi, mentre adesso esiste tutta una generazione di strumenti che permettono agli utenti di interagire facilmente e pubblicare i propri contenuti.

Intanto, qualcuno ha pensato di portare il tema di Flock per Firefox, e' molto carino e professionale, il che dimostra che la Mozilla foundation dovrebbe impegnarsi un po' di piu' su questo fronte, perche' l'immagine dei prodotti ne risente e perche' se il tema di default e' assolutamente anonimo, i temi alternativi disponibili sono generalmente scadenti. Trovate il tema di Flock qui: Flock theme

lunedì, ottobre 24, 2005

Un bambino chiamato Google


Google KAI is the name of our Lovely SON

A proposito di Opera: e' possibile filtrare i banner in maniera simile a AdBlock di Firefox, si procede in questo modo:
1. Si crea un file CSS dove si specificano gli elementi tipo:
.sponsors, .Sponsors, .reclame, .Reclame, .werbung, .Werbung
{ display: none !important }
Quindi si va nelle opzioni e si specifica di usare questo file CSS al posto del predefinito "user.css", quindi alla voce "author mode" si attiva "my style sheet".

2. Si crea un file INI dove si specificano gli URL da filtrare, in questo modo:
[include]
*
[exclude]
http://ad.*
http://ads.*
http://adserv*
Poi si va nel file "opera6.ini" e si modifica aggiungendo una riga che punta al file INI di cui sopra:
[Adv User Prefs]
URL Filter File=filter.ini

Il tutto e' spiegato, in aggiunta ad altri sistemi un po' piu' complicati, a questo indirizzo: OperaAdblock

Inoltre, Opera Community offre un servizio di Blog che sembra molto carino ma io non l'ho mai provato... Opera Community Blog

venerdì, ottobre 21, 2005

100 milioni di download


Firefox ha superato la quota di 100.000.000 di dowload.

giovedì, ottobre 20, 2005

Lavoro

Gilbertino ha scritto un lungo post a proposito di lavoro - lavorare e al solito ha semplificato secondo il suo stile.
Aggiungo alcune mie riflessioni.
Esistono tre ragioni per lavorare, per denaro, per fare qualcosa del proprio tempo e per avere uno status sociale. Gilbertino ritiene che il lavoro sia una necessita' ma in effetti non e' cosi, o meglio, esistono diverse necessita' concomitanti oltre la soddisfazione dei bisogni primari di mangiare, bere e dormire. La somma di queste necessita' o desideri (difficile distinguere, a volte) guida le nostre scelte. Per cui alla fine il lavoro che facciamo e' un compromesso tra quello che vorremmo fare, le necessita' impellenti, gli eventi accidentali e le occasioni che uno incontra o si procura (anche qui difficile distinguere).

Oltre a questo, i soldi non si guadagnano lavorando ma facendo lavorare gli altri. Non lo dico io ma e' un principio basilare della economia. Anche chi fa un lavoro dipendente e quindi apparentemente non applica questo principio in realta' dovrebbe sapere che il suo reddito e' il risultato della composizione di un tot di elementi e si basa sul fatto che lui occupa una certa posizione in una piramide dove ogni livello "accumula ricchezza" del lavoro prodotto nel livello sottostante. Nella teoria ottocentesca il livello minimo della piramide era il proletariato ma oggi con l'economia globale e' difficile capire se sotto un proletariato in realta' ci sono ulteriori livelli, ad esempio e' evidente che un proletario italiano occupa una posizione molto piu' alta nella piramide di un proletario pakistano, per lo stesso motivo per cui negli USA si dice che gli homeless americani sono i barboni meglio vestiti del mondo.

Ulteriore nota: ho imparato che chi produce occupera' sempre una posizione subordinata e/o perdente rispetto a chi vende. Se uno vuole fare l'impreditore deve per forza sapere vendere, dove per vendere si intende sia la vendita vera e propria, sia la capacita' di creare e intrattenere relazioni "politiche".
La capacita' di creare e gestire le relazioni conta molto ma molto di piu' della natura o della qualita' del prodotto.

Post Scriptum:
Il blog di Gilbertino lo trovate nella colonna di sinistra alla voce "altri blog". Ho aggiunto anche il blog di mio fratello. Guido ma dove vai, ormai hai una certa eta'... Sempre a proposito di lavoro, leggere il profilo di Guido, ingegnere per caso contadino per vocazione.

martedì, ottobre 11, 2005

To blog or not to blog

Scrivere in un blog presenta qualche difficolta'.
La prima e' definire una "linea editoriale" cioe' che tono dare al blog. La maggior parte sono dei diari e qui e' difficile non andare sopra o sotto le righe. Perche' a differenza di un diario che e' una cosa privata, il blog serve per pubblicare dei contenuti, quindi si scrive perche' chiunque possa leggere. D'altra parte, se non si parla di se stessi e delle proprie esperienze, e' difficile trovare argomenti senza finire per fare copia-incolla da un sito di news. C'e' poi un altro aspetto interessante di cui si e' discusso e si continua a discutere. Se si scrive in un blog si corre costantemente il rischio di pubblicare considerazioni o informazioni "sensibili" o "riservate" riguardo a persone, il lavoro, l'azienda, eccetera. Facciamo il caso di un impiegato della azienda X che nel suo blog personale parli male di un dirigente o descriva i difetti di un prodotto. Oppure il blog tenuto da un soldato al fronte nel quale descrive la sua giornata passando involontariamente informazioni sulle operazioni militari, sulle procedure, sui turni di guardia. Esiste tutta una casistica di impiegati licenziati per il contenuto del loro blog e di mil-blog chiusi per ordine superiore. Addirittura c'e' una corrente di pensiero che vorrebbe regolamentare i blog con una apposita normativa che in qualche modo equipari i blog ad un media convenzionale. Questo perche' adesso i blog "bypassano" le notizie ufficiali e i media con effetti a volte devastanti nel bene e nel male.

lunedì, ottobre 03, 2005

domenica, ottobre 02, 2005

Una estensione per le estensioni

Esiste un antipatico problema con Firefox e Thunderbird e cioe' che ogni tanto modificano il modo in cui l'applicazione si identifica e cosi facendo tutti i temi e le estensioni, che controllano la versione, diventano incompatibili.
Esiste pero' questa simpatica estensione che permette di aggirare l'inconveniente:
Nightly Tester Tools

sabato, settembre 24, 2005

Sabato di inizio autunno


Stamattina sono andato a fare un giro sul lago e ho scoperto un'altra strada molto carina, specie con la luce crepuscolare di una mattina di fine settembre.
Como - Bellagio - Lecco.

martedì, settembre 20, 2005

Opera diventa free

Opera e' diventato free, niente piu' banner e niente piu' versione registrata.
E' un bel software, lo trovate qui: Welcome to Opera

Nota: Opera non ha le estensioni pero' si puo' simulare AdBlock usando due file ini nel profilo in modo da bloccare le url legate ai banner, ecco esempio: Filtrare i banner con Opera e Filtrare le url in Opera

Nota: Ho provato per un paio di giorni ad usare Opera ma ci sono alcune cose che non mi piacciono, o meglio cose che mi mancano rispetto a Firefox che uso abitualmente. Ad esempio le barre fatte in modo tale che non si possono riordinare ne' si possono spostare i contenuti da una all'altra. Oppure la mancanza delle estensioni. La impossibilita' di piazzare i bottoni dei bookmark sulle barre degli strumenti, il modo in cui vengono visualizzati i bookmark, eccetera. Secondo me Firefox e' fatto meglio.

sabato, settembre 10, 2005

Firefox e Thunderbird 1.5

Windows Classic Theme on Firefox 1.5
E' uscita recentemente la versione 1.5 beta1 di Firefox. Gli sviluppatori hanno pensato di migliorare l'integrazione con Windows facendo in modo che i menu fossero coerenti con il "Luna Theme" di WindowsXP. Ma non hanno previsto la possibilita' di disattivare questa feature per gli utenti che invece usano il "Classic Theme", tra i quali il sottoscritto. Fortunatamente il tema di Firefox e' gestito via CSS e quindi per ripristinare la modalita' precedente basta aggiungere gli appositi parametri nel file userChrome.css contenuto nel profilo. Esistono anche estensioni per automatizzare l'operazione. Ecco l'articolo della KnowledgeBase.

Commento:
Sto provando le versioni 1.5 beta sia di Firefox che di Thunderbird, da notare che per il momento le versioni beta si identificano come 1.4 e non come 1.5.
Ci sono persone che non capiranno mai perche' complicarsi la vita usando software "alternativo" e persone come me che non potrebbero vivere senza. Quelli che usano da anni lo stesso browser, perche' e' il migliore, perche' e' quello che usano tutti, perche' non c'e' motivo per usarne un altro, perche' non sanno cos'e' un browser. E poi ci sono quelli come me, che trovano divertente l'innovazione e non e' mai abbastanza.
Comunque, veniamo al sodo.
Le versioni beta funzionano abbastanza bene, ci sono due differenze evidenti. La prima e' la diversa disposizione delle opzioni, la seconda il meccanismo di update che adesso e' molto piu' sofisticato. In pratica esistono dei "canali" (release, beta, nightly) dove l'update va a vedere se esiste un aggiornamento, se lo trova lo scarica e lo installa, con l'opzione auto e manuale. L'update non e' una intera installazione come in precedenza ma solo lo stretto necessario, l'applicazione viene quindi riavviata e il gioco e' fatto.
Le differenze meno evidenti riguardano alcune funzioni aggiuntive e il miglioramento della performance di alcune funzioni esistenti.
L'aspetto negativo e' che secondo tradizione i temi e le estensioni non funzionano piu' quando si cambia la versione. Fortunatamente le tre estensioni che uso io (adblock, validator, noscript) sono state gia' adattate. Anche alcuni temi sono stati portati.

mercoledì, settembre 07, 2005

L'aereo e' il mezzo piu' sicuro per viaggiare

Atr 72: indicatori guasti, era senza kerosene
Il consorzio che produce i velivoli mette sotto accusa gli indicatori La spia, sostituita con un modello sbagliato, indicava il pieno.
Una manutenzione errata avvenuta in Tunisia, pare, il giorno prima della sciagura. I meccanici infatti avrebbero sostituito l’indicatore di carburante, fuori uso, utilizzando però un’apparecchiatura (come risulta dai part number, i numeri seriali) non conforme al modello d’aereo: avrebbero installato uno strumento idoneo per gli Atr42 invece di quello necessario per gli Atr72. Da qui il malfunzionamento dell’indicatore e l’errata valutazione di cherosene effettivamente contenuto nei serbatoi.
[ corriere.it ]
Ora, quando si e' mai visto qualcuno che ci lascia le penne in auto perche' ha finito la benzina?

domenica, settembre 04, 2005

Hard disk failure

Ieri mentre stavo usando il computer improvvisamente tutto e' diventato lentissimo... riavvio e il sistema non parte. Ecco, si siamo, il ferrovecchio ha tirato le cuoia. Ma siccome sono pigro, costa meno fatica pigiare dei tasti che cambiare computer e allora ho deciso di provare a recuperare il disco. Per prima cosa lasciatemi dire per chi non lo sapesse che gli hard disk attuali hanno una loro piccola "intelligenza" chiamata SMART. Si tratta di un software che controlla il funzionamento del disco confrontando certi parametri di funzionamento con dei valori prestabiliti in fabbrica, se i valori attuali si discostano da quelli prestabiliti oltre una certa tolleranza, scatta un allarme. Quando SMART diventa pessimista sono cavoli amari.
Per provare a recuperare il disco in maniera non distruttiva e passando sotto SMART, ho provato con un tool un po' misterioso che si chiama Spinrite, prodotto da uno dei personaggi strani della rete, tale Steve Gibson.
Nelle FAQ c'e' scritto:
"It is obviously possible for a drive to be so totally dead that it is only useful as a door stop. But today's modern drives struggle to stay alive and to die slowly. So if they are given some periodic SpinRite maintenance you should have plenty of warning of impending failure and also the ability to keep the drive alive until it can be replaced."
Il tool parte da un CD bootabile e pronti via mi dice che SMART ha sentenziato che il disco sta per morire, quindi mi suggerisce di copiare i dati, se non ci riesco di provare con il solo recovery (opzione 2) perche' qualsiasi operazione sul disco potrebbe dargli il colpo di grazia. La pigrizia regola le mie azioni e quindi fare come suggerisce Conti, comprare un box per hard disk e collegarlo via USB al portatile per copiare i dati, e' troppa fatica. Decido che o la va o la spacca, nel senso letterale. Provo con l'opzione 4, maintenance. Con questa opzione Spinrite tramite magheggi a basso livello dovrebbe andare a verificare lo stato di ogni cluster leggendo e scrivendo, se trova dei difetti dovrebbe provare a ricostruire i dati per spostarli in un altro settore del disco. Esiste anche una opzione 5 che tenta il recupero dei settori danneggiati ma per il momento ho lasciato perdere. L'operazione per le due partizioni C e D per un totale di circa 15 giga dura piu' o meno 6 ore. Alla fine sembra che abbia rilevato 3 cluster con dei problemi e il contenuto dovrebbe essere stato recuperato con una funzione chiamata "dynastat", che pero' non ho idea di cosa sia. Alla fine, il computer e' ripartito, ho copiato le 4 cose che mi servivano sul portatile e adesso sembra andare. Non so per quanto, ovviamente. Il punto comunque e' che mentre Scandisk di Windows opera piu' sulla struttura logica del disco, Spinrite opera direttamente sull'hardware e a quanto pare, se la meccanica del disco tiene, funziona. Per cui, raccomandato.

venerdì, agosto 26, 2005

Sono io oppure e' cosi?


Non capisco bene se sono io che non riesco a fare meglio e che mi vado sempre ad infilare nelle situazioni sbagliate o se e' normale che accettare un lavoro sia come arruolarsi nella Fanteria dello Spazio. Di certo comincia a pesare...

domenica, agosto 21, 2005

Chiudere gli occhi

Chiudere gli occhi per non vedere.
I segni del tempo che passa e ci consuma. Gli sfregi che rovinano la bellezza, con cattiveria oppure per caso, come una maledizione senza ragione. Le persone incatenate alla loro pochezza o che annaspano nel proprio dolore. L'inutilita' ripetitiva dei gesti quotidiani e delle parole. Le maschere e le finzioni. La mia incapacita' di dare un senso alle cose.

mercoledì, agosto 17, 2005

Cronache marziane

Dove sto lavorando adesso:

Viale Padova guardando verso Ovest

Inizio Via Idro (alzaia del Naviglio)

Vista del Naviglio

Vista del Naviglio

Uffici

Uffici - Lo scooter dimostra che arrivo per primo

Altro lato del Naviglio di fronte agli uffici

Spazio della Redazione

Computers

Betta e Neil che sistemano i sistemi

Roberto che programma e telefona

lunedì, agosto 15, 2005

Cambiamenti nel blog

Ho pensato di ripulire il blog togliendo dalla lista dei contributor le persone che non hanno praticamente mai scritto un post. Inoltre ho cancellato quasi tutti i commenti provenienti da persone che non sono contributor. Il motivo e' che i commenti sono diventati piu' messaggi personali che commenti veri e propri rispetto al contenuto dei post. Sto riflettendo su che senso dare al blog in generale.


On a side note: Giro in scooter di Ferragosto:

lunedì, agosto 08, 2005

Non imparo, non ci riesco o non voglio

Lorenzo e' impegnato in un'altra guerra epocale nella Terra di Mezzo. Dura la vita... Sono un po' stanco e triste... come al solito direte voi.

Aggionamento: e' ufficiale, ho sbagliato un'altra volta. E adesso?
Comunque...
Mi serve un grafico che costi poco poco, anche part time.

mercoledì, agosto 03, 2005

Il cielo di Lombardia cosi bello quando e' bello


Citazione manzoniana.
Di solito il cielo sopra Milano in estate e' una coperta lattiginosa, una cappa di foschia e smog. Tranne in rare giornate dopo un temporale, con un po' di vento che fa correre le nuvole.

martedì, agosto 02, 2005

L'Italia cablata

Una sola cosa in Italia e' imperitura, incorruttibile, eterna, legge divina...
I contratti ADSL.
E un solo peccato puo' fare precipitare l'Italiano medio negli abissi infernali...
Il tentativo di modificare o disdire un contratto ADSL.

Se questo e' un cliente:
Io ho un contratto ADSL stipulato anni fa con Virgilio, di seguito Virgilio e' stato "assorbito" da TIN e in ultimo TIN e' stata "ricomprata" da Telecom Italia (prima era Telecom Italia Media, tutta un'altra faccenda).
Come risultato TIN ha cessato di commercializzare "prodotti" suoi e invece commercializza contratti Alice (appunto di Telecom Italia).
Nella mia ingenuita' io ho allora chiesto di passare dal vecchio contratto ad un nuovo contratto Alice da 19 invece che 36.5 euro.
Mi risponde un incaricato TIN che non e' possibile, devo inviare a TIN disdetta alla regolare scadenza del contratto annuale in vigore (60 giorni prima tramite raccomandata AR) e poi devo stipulare un nuovo contratto Alice come nuovo cliente.
Ovviamente perdo tutto quello che era collegato con vecchio Virgilio, posta, area FTP ecc. e altrettanto ovviamente devo aspettare i soliti due mesi e oltre SENZA CONNESSIONE tra disattivazione e riattivazione della linea.
Ditemi voi se ha senso, ditemi voi se una azienda puo' gestire cosi i propri clienti.

lunedì, agosto 01, 2005

Unione Europea

[Corriere]
"TEHERAN - - L'Unione Europea non ha risposto per tempo alla richiesta iraniana di presentare la sua proposta di un pacchetto di aiuti alternativi ai piani di Teheran in campo nucleare, e pertanto la Repubblica Islamica, dopo aver inultilmente concesso una proroga ai Venticinque, ha stabilito di riprendere oggi stesso il programma di arricchimento dell'uranio per dotarsi di energia nucleare a basso costo. Lo ha annunciato attraverso la televisione di Stato il portavoce del Supremo Consiglio per la Sicurezza Nazionale, Ali Aghamohammadi, il quale ha aggiunto che una lettera con l'annuncio ufficiale della ripresa dell'attività nucleare sarà pertanto entro brevissimo tempo notificata all'Aiea, l'Agenzia Internazionale dell'Onu per l'Energia Atomica."

Cosa mi sono perso?
La UE deve proporre un piano di aiuti all'Iran altrimenti questi minacciano la ripresa del programma per l'energia nucleare.
Cos'e', un ricatto? E cosa minaccia il simpatico Iran nella parte del ricattatore?
Come mai mi sembra di rileggere le vicende degli ultimi tempi dell'impero romano quando gli imperatori inviavano carri pieni di oro e in qualche caso anche le loro sorelle per evitare che il capo tribu' barbaro di turno mettesse a ferro e fuoco le citta' di confine?
O tempora o mores....



E facciamoci due ristate, per cosi dire:
[Repubblica]
NAPOLI - Un'intera famiglia, composta da venti persone, beneficiava di pensioni di invalidità senza averne diritto.
Paradossale la frode condotta da famiglia allargata, composta da circa 20 persone: marito, moglie, i loro tre figli, le due nuore, il genero, due zie del capofamiglia, la madre di quest'ultimo, la cognata, i due consuoceri, quattro cugini, due cognate del figlio e la cognata della figlia. Tutti beneficiavano di indennizi ottenuti indebitamente.

venerdì, luglio 29, 2005

Tempus Fugit


Lorenzo nel 2000

Lorenzo nel 2005

Be' dai, non sono poi cambiato tanto... e' l'effetto del sarcofago.

mercoledì, luglio 27, 2005

Santo cielo, cosa siamo diventati?

Il Corriere online ha una rubrica che pensavo essere abbastanza interessante dove i lettori mandano delle lettere e alcune vengono pubblicate, a volte con una risposta del giornalista.
Dialogo con Beppe Severgnini
Cito Severgnini dalla risposta alla prima lettera di oggi:
"Non è buonismo, il mio: e se qualcuno lo sta pensando, si vergogni. E' la consapevolezza che non possiamo e non dobbiamo classificare la gente attraverso la razza, la nazionalità e la religione. Se lo facessimo, dovremmo chiederci: santo cielo, cosa siamo diventati? Qualcuno scrive e dice, da qualche tempo, che «l'islam è intrinsecamente aggressivo»: io non sono convinto. Credo invece che sia in corso una vera «guerra civile» dentro il mondo islamico, come scrive oggi Paolo Carli (lettera appena sotto). Reagendo scompostamente aiutiamo i peggiori;"

Conclusione: ormai e' impossibile guardare la TV e a quanto pare diventa impossibile anche leggere i giornali se tocca subire cose come "santo cielo, cosa siamo diventati?" (col tono e la boccuccia della Signorina Silvani di Fantozzi).
Auto-Ironia involontaria.
Povero Severgnini e poveri tutti noi.

Frattanto, nella sede dei Fantastici 4:

Prodi ricorda quindi i titoli degli otto capitoli del progetto per l'Italia:
1. Costituzione;
2. Europa;
3. Pace, giustizia e libertà;
4. Sicurezza, democrazia e lotta al terrorismo;
5. Reagire al declino, una nuova economia, una nuova qualità ambientale, una nuova società;
6. Mezzogiorno;
7. Giustizia e legalità;
8. Bioetica e temi eticamente sensibili, nuovi diritti e nuove responsabilità.

Manca il punto 9 "W la figa" e il punto 10 "non ci sono piu' le mezze stagioni"


Non e' finita qui:
A proposito di come siamo diventati, ecco come si diventa a portare sempre i sandali sotto il sole:

Nota per Elda: si, sono i miei piedi.

lunedì, luglio 25, 2005

Un sabato "rilassante"

 

Sabato mattina, per rilassarci, io e due compagnucci di merende (il mitico Gilbertino ed una altro, dall'identità segreta con consorte) ci siamo recati in quel di Predore, al corno basso per scalare un pò. Il mio infimo livello tecnico mi porta a "sudarmela" anche sulle rampe dei garage, come in foto..... si rigrazia la signora di identità ignota (per mantenere segreta quella del marito) per le foto!

Non siamo nati con la camicia - 1911

Per ricordare da dove veniamo e che tutto ha un prezzo:

Una famiglia contadina di Fosciandora, in Garfagnana, all'inizio del Novecento. I progressi della medicina e le prime campagne per l'igiene fanno salire nel 1911 l'età media dei morti dal dato spaventoso di sei anni e mezzo degli ultimi decenni dell'Ottocento a 30 anni, ma la mortalità infantile resta altissima. In quello stesso 1911 i bimbi sotto i 5 anni rappresentano il 38% del totale dei morti: 285 mila su 742 mila.
www.odissee.it

Aggiungerei anche:
[Wikipedia]
"Nella metà del 1800 l'Irlanda fu colpita dalla Great Famine (An Gorta Mor in gaelico), ovvero la Grande Carestia, che colpì la raccolta delle patate, storico prodotto naturale dell'isola e uno degli alimenti essenziali da sempre per gli irlandesi. Una considerevole parte della popolazione morì, un'altra grandissima fetta fuggì dall'Irlanda dando vita a una delle più ingenti emigrazioni della storia: milioni di profughi si imbarcarono verso l'Australia e l'America infatti nelle cosidette Coffin ships (Bare galleggianti), imbarcazioni non adatte a salpare per l'Oceano Atlantico e che causarono un numero elevatissimo di morti. Tra morti ed emigranti la Grande Carestia portò la popolazione irlandese da 8 milioni di persone a 4,4 circa nel 1911."

venerdì, luglio 22, 2005

Siamo uguali?


[Repubblica]
Impiccati pubblicamente perché omosessuali. Condannati a morte con l'accusa di sodomia, rapine e disturbo della quiete pubblica dopo 14 mesi di prigione e 228 frustate. E' accaduto in Iran, lo scorso 19 luglio, a due giovani di 18 e "meno di 18" anni, nella piazza Edalat (della Giustizia) di Mashad, città santa sciita nel nord-est dell'Iran.
[...] il verdetto, emesso dalla corte 19, è stato confermato dalla Corte Suprema iraniana - come tutte le sentenze capitali - in risposta all'appello presentato dalla difesa dopo il processo di primo grado.

Forse ai tempi di Savonarola piu' o meno era uguale.
Pero' era il '400...

I due gentiluomini incappucciati (i boia, non gli impiccati) sono tanto diversi dai tagliatori di teste che lavorano in Iraq? Uno di loro domani aprira' un chiosco di kebab vicino a casa mia? Oppure uno di quelli che qualche tempo prima ha lapidato, cioe' ammazzato a sassate, una donna adultera in uno stadio affollato?

giovedì, luglio 21, 2005

La pensione, ovvero una cosa ovvia

salvadanaio.economia.virgilio.it
"Se ne parla troppo poco e i lavoratori - soprattutto i giovani - non conoscono per nulla il loro amaro destino previdenziale. L’errore che si commette è credere di andare in pensione con lo stesso trattamento dei padri, cioè con circa l’80% dell’ultima retribuzione. E invece non sarà così: gran parte del lavoratori di oggi, saranno pensionati al 50% dell’ultima retribuzione. Senza considerare l'esercito di precari (collaboratori, lavoratori a progetto, apprendisti, stagisti), per i quali il trattamento pensionistico sarà ancora più misero."
Ah, le matte risate...

Non andiamo da nessuna parte

[Corriere]
ROMA - Romano Prodi è contrario al riconoscimento dei matrimoni tra gay e a qualsiasi legge che attribuisca i termini «famiglia» e «figli» a rapporti tra persone dello stesso sesso. E’ però favorevole a una normativa che garantisca sostegno e assistenza alle coppie di fatto, anche omosessuali.
[...]
Ha proposto un comitato di saggi presieduto da Helmut Kohl per rilanciare il processo europeo.
[...]
Ha annunciato che la riforma sulla giustizia, la Bossi-Fini («Normativa di pura repressione») e tutte le leggi «ad personam» saranno modificate o cancellate in caso di vittoria elettorale.
[...]

Il primo punto e' ovviamente una contraddizione, ulteriore esempio della applicazione delle "infinite verita'" di cui ai precedenti post. A e Non-A sono entrambi veri, piu' tutti gli stati intermedi. Cosi hanno tutti ragione e sono contenti.

Il secondo punto nasconde la (finta) fede metafisica nella Europa come un livello divino al quale fare riferimento per una vita migliore, visto che l'Italia e' condannata come il Titanic e incapace di governarsi. Il problema e' che l'Europa come "unione" non funziona perche' non esiste una idea unificante che non faccia paura al comune cittadino come un Meta-Stato ancora piu' lontano ed oppressivo di quanto gia' non siano gli Stati attuali o che non dia l'idea di una mera operazione finanziaria pilotata da banche e speculatori. Questo "comitato di saggi" che da qualche remota torre d'avorio dovrebbe ispirare l'amore e la fede verso l'integrazione europea e' una idea ridicola. L'Europa di oggi e' come lo spogliatoio di una squadra durante un campionato disastroso. Quando si vince tutti amiconi, quando si perde...

Il terzo punto e' molto consolante, significa che e' auspicabile che tutte le leggi approvate dal PARLAMENTO durante il "regno" di un certo governo vengano poi "cancellate" quando la maggioranza dovesse cambiare. Implica due cose: Primo che l'attivita' parlamentare e' sostanzialmente inutile perche' non fa che approvare e poi cancellare le leggi, e/o perche' e' solo strumento degli interessi di una certa maggioranza politica. Secondo, siamo al tempo dei faraoni, quando un faraone andando al potere faceva scalpellare via dalle facciate dei templi tutti i riferimenti al suo predecessore. Tristezza.

mercoledì, luglio 20, 2005

Ultime notizie

Rilasciato un ulteriore aggiornamento per Firefox e Thunderbird alla versione 1.0.6.

[Corriere] - Perche' l'economia italiana e' in difficolta':
"ROMA - La bilancia commerciale italiana ha registrato nei primi cinque mesi dell'anno un saldo negativo per 6.277 milioni di euro a fronte di un disavanzo di 2.724 milioni rilevato nello stesso periodo del 2004. Si tratta del record negativo dal 1992."
Cioe' la differenza tra quello che abbiamo venduto e quello che abbiamo comprato e' di 6.2 milioni di euro di passivo.
Direi che concentrarsi solo su TV, calcio e telefonia non fa che aumentare l'indebitamento complessivo perche' sono tutte cose sul fronte del "consumo" e non della "produzione". Quindi avere 2 cellulari a testa e la TV digitale non e' tanto una furbata.

Inoltre pensiamo che:
Il rapporto debito pubblico/Pil rappresenta la condizione strutturale delle finanze pubbliche. L'Unione europea ha indicato come soglia massima in relazione al Pil la percentuale del 60%.
L'italia: 1980 - 62%, 1990 - 97%, oggi - 110%.
Cioe' abbiamo un debito publico che e' il 110% del prodotto nazionale lordo.
Perche' aumenta sempre? Perche' la voce principale di spesa sono gli stipendi degli impiegati statali, che sono tanti, con le rispettive famiglie e tutti votano.
Esempio: "ROMA - Il ministro dell'Istruzione Letizia Moratti ha annunciato in conferenza stampa al termine della riunione del Consiglio dei ministri, che saranno assunti 40.000 precari della scuola, tra docenti e tecnici, nel biennio 2005-2006."
E poi ci sono ovviamente anche le commesse statali dalla cancelleria al ponte sullo stretto di Massina che sono tutte occasioni per fare contenti un po' di amichetti.

Qualche dato numerico al dicembre 2004:
Avvenire
[...] Ma quanti sono i dipendenti pubblici in Italia e dove lavorano? Il totale supera i 3 milioni e mezzo. Intanto c'è da fare una grande distinzione tra amministrazioni centrali dello Stato e Regioni e enti locali. Nella prima categoria rientrano i ministeriali (261.000), i militari di professione (125.000), gli appartenenti ai corpi di polizia (321.000), gli insegnanti e il personale non docente delle scuole statali di ogni ordine e grado (1.130.000), gli universitari (113.000 tra docenti, ricercatori e personale amministrativo), i dipendenti di enti di ricerca (17 mila), di enti parastatali (come l'Inps, l'Aci, Inail, ecc., 62.000) e altri 34.000 per categorie varie, come i vigili del fuoco o gli addetti ai monopoli di Stato e alle lotterie. Nella seconda categoria, quella delle autonomie, rientrano i 692.000 lavoratori della Sanità (medici, paramedici, infermieri, ecc.), gestita dalle Regioni. Mentre il personale dipendente da Regioni, Comuni e Province (dal segretario comunale all'insegnante delle scuole materne, dal bibliotecario ai vigili urbani) raggiunge quota 605.000."

Costo medio nel 2000:
Labitalia
[...] Il costo medio annuo di un dipendente pubblico nel 2000 e’ di 63,6 milioni di lire.
Ecco il costo medio annuo ( in milioni di lire) di un addetto per ciascun comparto secondo la Corte dei Conti: Settore Statale (costo unitario medio 58,6 milioni):
MINISTERI 62,9; AZIENDE AUTONOME 48,5; SCUOLA 57,1; CORPI DI POLIZIA 68,4; FORZE ARMATE 41,8; CARRIERA PREFETTIZIA 112,1; CARRIERA DIPLOMATICA 307,8; MAGISTRATURA 229,8.
Settore non Statale (costo unitario medio 69,9 milioni):
REGIONI-AUTON. LOCALI 61; SERVIZIO SANITARIO 71,9; ENTI PUBBLICI NON ECON.84,4; ENTI DI RICERCA 83,8; UNIVERSITA’ 94,2



Intanto io mi sono tagliato i capelli, ecco il risultato.

domenica, luglio 17, 2005

Morte del Principio di Non Contraddizione

[Ancora sul tema della "verita'"]
Il sistema piu' semplice per cercare la "verita'" e' la dialettica. Si formula una "tesi", si formula la "anti-tesi", cioe' una tesi contrapposta, si esaminano secondo logica le due tesi una contro l'altra e si arriva ad una "sintesi", scartando la tesi "perdente" delle due, oppure scartandole tutte e due per formularne una terza.

Come dicevo in un commento sottostante, al giorno d'oggi abbiamo due cose che inceppano questo meccanismo. La prima e' che esiste un "continuo reale" di tesi-verita', per cui tra due tesi, per quanto piccole, esiste sempre una posizione intermedia, anzi ne esistono infinite. La seconda e' che non siamo disposti a mettere in discussione le nostre rispettive "verita'", pretendiamo che vengano assunte come "vere" per definizione, non suscettibili di "falsificazione".

Il mio amico filosofo direbbe che il primo ostacolo si aggira ragionando in termini statistici o probabilistici, per cui qualsiasi tesi ha una "probabilita' non nulla" di essere "vera". Tu puoi dire se la probabilita' secondo te e' grande o piccola ma tutte le tesi sono comunque "vere" nello stesso istante, distribuite lungo una curva con una diversa probabilita' di verita'. Non si tratta piu' di stabilire se una tesi e' vera o falsa ma, assunto che e' comunque vera, quanto e' "probabilmente vera" in relazione a tutte le (infinite) altre.

Sul secondo ostacolo non saprei cosa dire, se non che sposta qualsiasi affermazione nel campo della metafisica, facendone una questione di "fede" non suscettibile di esame. C'e' ovviamente una componente psicologica nella volonta' - capacita' - possibilita' di sostenere un esame delle proprie convinzioni che potrebbe falsificarle.

Lascio al lettore meditare sulle conseguenze della "verita' probabilistica" e/o della "verita' metafisica" sui nostri giorni.

sabato, luglio 16, 2005

Il blog che cambia

Questo blog ha tre template diversi che si alternano a seconda dell'ora del sistema dell'utente. Al momento cambia alle 8 (combinazione grigio-marrone), alle 10 (combinazione bianca), alle 16 (torna combinazione marrone) e alle 20 fino alla mattina dopo (combinazione blu - nero). Commenti?

mercoledì, luglio 13, 2005

Che fastidio i Luoghi Comuni

Ovvero, come le Infinite Verita' diventano il Carosello del Luogo Comune e delle Frasi Fatte che ti risparmiano la fatica di pensare.

[Corriere - I Mali del Mondo]
"Il primo ministro britannico in un'intervista alla Bbc radio: povertà, mancanza di democrazia e i conflitti in atto in Medio Oriente sono ragioni profonde che alimentano i terroristi islamici"

[Gilbertino - La Giusta Punizione]
"Ce la siamo voluta, siamo andati a massacrare i popoli del medioriente per poter girare tranquilli in città con i nostri (vostri) gipponi.
"Scusate ma un civile occidentale quanti iracheni vale?"

[Corriere - La Societa' Multietnica ci redime]
"Il premier britannico , sempre parlando ai ai Comuni sugli attentati del 7 luglio, ha detto di essere «fiero» della comunità islamica in Gran Bretagna."

[Corriere - Inevitabile Conclusione]
"gli autori della strage del 7 luglio (che la polizia ufficialmente continua a non chiamare attentatori suicidi) sono tutti cittadini britannici anche se di origini islamiche."
[Repubblica - come sopra ]
"Quattro giovani musulmani britannici, tutti di origine pakistana. Quattro persone normali, tranquille, inserite nel loro tessuto sociale. Sarebbero loro, secondo gli investigatori, ad aver organizzato gli attentati di giovedì scorso a Londra. Vivevano in tre sobborghi di Leeds, Beeston, Holbek e Dwesbury. Si conoscono i nomi di tre di loro, del quarto la polizia non ha diffuso le generalità."

martedì, luglio 12, 2005

Un giovedì di Conti e consorte

Giovedì ad Imola per evento Ducati, Massimiliano col Ducati 999 fa il "master di pilotaggio con Guareschi (il collaudatore della ducati desmosedici che corre il motogp)" e Patrizia impara a guidare il Ducati Monster.


Io preferisco il mio scuter col motore a scurreggetta. La moto di Patrizia aveva le rotelle che sono state rimosse con un fotoritocco.

sabato, luglio 09, 2005

Il tempo delle infinite verita'

Viviamo in un tempo in cui non esiste la verita', o meglio, esistono infinite verita'. Cerchiamo di andare in tutte le direzioni e siccome alcune di queste verita' sono in totale o parziale contraddizione l'una con l'altra, alla fine siamo immobilizzati. Cerchiamo di esaminare tutte le possibilita' di una questione e di dire tutte le parole e tutti i discorsi, come risultato finiamo per non dire nulla.
Siamo edonisti, l'unica cosa che ci importa davvero e' la soddisfazione dei nostri desideri immediati, il desiderio di possedere belle cose, di apparire, di stare bene, di divertirci. Le infinite verita' sono lo strumento che ci permette di evitare di prendere una posizione scomoda. Temiamo sopra ogni cosa quello che puo' disturbare e mettere in discussione il nostro universo edonistico.
Un sistema del genere non puo' vincere ne' convincere a meno che non si trovi il modo di fare diventare tutti edonisti come noi, per condividere le stesse priorita'.

e|do|nì|smo
s.m.
1 TS filos., dottrina che identifica il bene con il piacere
2 CO estens., modo di vita basato sulla ricerca del piacere
3 TS econ., teoria per cui il fine dell’attività economica è ottenere il massimo dell’utilità con il minimo dello sforzo

Il cielo sopra Berlino



E un berlinese

Il mitico MarcoVolpi

Paint Shop Pro - Corel

Ottawa, Canada – Oct 14, 2004 - Corel Corporation today acquired Jasc Software, Inc., the award-winning developer of the Paint Shop™ family of digital-photography and image- editing software.

In August 2003, Corel was acquired by Vector Capital, a San Francisco-based venture capital concern which currently manages approximately 500 million dollars in capital. Vector helped Corel create and execute a focused product and market strategy – leveraging Corel's most popular and enduring products, the WordPerfect Office Suite, CorelDRAW Graphics Suite and Corel Painter – while streamlining its operations and product lines. With the support of Vector, Corel is poised for future growth with the addition of the Paint Shop family as well as through future acquisitions on the horizon.
Jasc - PaintShopPro

mercoledì, luglio 06, 2005

Navi di cemento armato

Wikipedia in Italiano
Informazioni dettagliate
su Wikipedia
Il Principio di Archimede
Non tutti sanno che... dagli inizi del secolo sono state costruite numerose imbarcazioni di cemento armato, in particolare durante le due guerre mondiali furono costruiti decine di mercantili in cemento per risparmiare sull'acciaio, che era una risorsa strategica. Pare che fossero particolarmente indicati per il trasporto di merci secche perche' avevano il vantaggio di non produrre condensa nelle stive.
www.concreteships.org
Al giorno d'oggi vengono ancora costruite imbarcazioni da diporto in cemento armato e vendono anche i progetti se uno se la vuole costruire da solo (per i muratori bergamaschi con velleita' marinare).
www.ferroboats.com

Virus, Worm, Trojan, Dialer e Spyware

Wikipedia in Italiano
Informazioni dettagliate
su Wikipedia
Virus
Worm
Trojan
Dialer
Spyware
Questo e' un post di servizio con alcune informazioni utili.
Nell'uso corrente si dice "virus" con una accezione molto ampia, meglio dare una definizione piu' precisa:

- Virus e' un programma piccolissimo che si "attacca" ai file eseguibili o ad aree particolari del sistema in modo che quando questi file vengono "usati" dal computer durante le normali operazioni il virus puo' entrare in azione e compiere le funzioni previste dal suo autore, che vanno dalla semplice replica di se stesso fino alla distruzione dei dati contenuti nel computer.

- Worm e' un programma che si comporta in maniera simile al Virus ma a differenza di questo e' molto piu' "grosso", autonomo, nel senso che non deve "attaccarsi" a file eseguibili presenti nel computer ne' attendere che questi vengano utilizzati. Una volta attivato agisce come un normale programma o servizio di sistema, per cui e' piu' facile scoprirlo. Gli esiti finali sono analoghi a quelli del virus, tranne forse una minore distruttivita' sui file eseguibili che il virus spesso danneggia sostituendo il codice originario col proprio.

- Trojan e' un programma apparentemente "normale", ad esempio un gioco, una utility, uno screensaver, che pero' oltre alle funzioni visibili all'utente contiene delle funzioni nascoste che possono servire sia a "sganciare" un Worm o un Virus, sia ad aprire delle "backdoor" nel computer in modo da permettere l'accesso alle informazioni da parte di terzi.

- Dialer e' un programma che cambia le impostazioni di "accesso remoto", cioe' i dati impostati per la connessione ad Internet via modem, in modo da chiamare un numero a pagamento. Tutte le connessioni ad Internet via modem verranno quindi dirottate sul numero a pagamento con il risultato di vedersi arrivare nella bolletta una fattura stratosferica. (Rimando ad altra sede la questione del rapporto tra le compagnie telefoniche come Telecom e i gestori dei numeri a pagamento utilizzati dai dialer).

- Spyware e' un termine generico che indica tutta una serie di "programmini" che vengono installati in maniera piu' o meno lecita sul computer, sia attraverso siti Web particolari, sia attraverso software "gratuito" scaricabile da Internet.
La funzione e' molto simile a quella del Trojan tranne che la maggior parte delle volte la presenza dello Spyware viene apertamente dichiarata dagli autori dei programmi. Il fine degli Spyware nel migliore dei casi e' quello di raccogliere informazioni sull'utente, ad esempio quali pagine Web visita, quando, quanto, eccetera. Gli esiti visibili sono di solito l'interferenza con il normale funzionamento del browser e un anormale consumo di risorse di sistema.

Cosa fare per proteggersi:
1. Installare un ANTIVIRUS - ad esempio questo: AVG Free
Di seguito procedere con Update e Scan, rimuovere eventuali "minacce" rilevate.
2. Installare un programma per rimuovere lo Spyware - ad esempio questo: Spybot
Di seguito procedere con Update, Immunize e Scan, rimuovere eventuali "minacce" rilevate.
3. Aggiornare il sistema tramite Windows Update, installare tutti gli aggiornamenti critici
4. Putroppo esistono Worm che attaccano il PC tramite la connessione di rete e quindi anche la connessione Internet, per proteggersi bisognerebbe utilizzare un Firewall, che pero' e' uno strumento non esattamente facilissimo da utilizzare. Windows XP ha gia' un "firewall" che si puo' attivare tramite le preferenze della connessione di rete. Negli altri casi esistono alcune alternative come Zonalarm o Kerio Personal Firewall, in questo caso pero' per gli utenti meno "esperti" conviene leggere qualche documentazione sul firewall che si vuole utilizzare o chiedere informazioni a qualcuno.

Norme Generali:
1 - NON istallare nessun software scaricato da Internet e non aprire nessun allegato (eseguibile) ricevuto via email da amici e colleghi.
Bisogna sempre preferire programmi detti "OPEN SOURCE" che significa che l'autore mette a disposizione di tutti il codice "sorgente", questo tra le altre cose garantisce che non ci siano nascoste dentro funzioni illecite.
Trovate una ampia collezione di software Open Source qui: Sourceforge
2 - Ove possibile utilizzare browser alternativi ad Internet Explorer, ad esempio Firefox. Allo stesso modo per la posta utilizzare programmi alternativi ad Outlook, ad esempio Thunderbird.
Trovate entrambi al sito della Mozilla Foundation: Mozilla Products