mercoledì, ottobre 25, 2006

Firefox 2

Per chi invece capisce di Internet:

http://www.mozilla-europe.org
Non c'e' molto da aggiungere, Firefox insieme ad Opera definisce oggi lo standard dei browser. Se non sapete cos'e' un browser, e' il programma per "navigare" su Internet. Per elencare e spiegare i motivi per cui Firefox e' la scelta migliore bisognerebbe scrivere un libro e probabilmente alcune delle argomentazioni sarebbero troppo tecniche. Io consiglio a tutti di provarlo, e' gratuito, funziona davvero e funziona bene. Una volta che vi sarete abituati non potrete piu' tornare indietro.
Sperimentate una navigazione migliore
C'è molto da fare sul Web e Firefox 2 contiene molte funzionalità in grado di rendere più produttivo il tempo che trascorrete online.
Navigate sicuri sul Web
Il Web è un posto grandioso, dove purtroppo a volte si fanno dei brutti incontri. Firefox vi mantiene al sicuro da spyware, truffatori e spammer, sfruttando l'appoggio di una comunità vigile e appassionata per proteggervi 24/7.
Personalizzate il vostro browser
Scegliete tra migliaia di componenti aggiuntivi in grado di potenziare Firefox. È semplice personalizzare Firefox 2 e renderlo veramente unico.

Scaricatelo da qui:
Download a Firefox version that speaks your language

Add-ons (estensioni e temi) li trovate qui:
Personalize your browsing experience

Nota: mi ricordo di anni oscuri seguiti alla Guerra dei Browser durante i quali solo pochi ribelli insistevano ad usare qualcosa di diverso da Internet Explorer e spingere e discutere con tutti perche' sul lavoro si sviluppassero siti e applicazioni il piu' possibile compatibili con altri standard. Per essere presi in giro e sentirsi dire "ormai tutti usano Explorer, sei rimasto solo tu". Ma siccome si sa che l'orrore tecnologico imperiale e' nulla in confronto al potere della Forza, oggi e' un po' come la conclusione del "Ritorno dello Jedi", canti, balli e fuochi d'artificio. :)
D'altra parte, il nome originario di Firefox era Phoenix, l'uccello mitologico che rinasce dalle ceneri.

lunedì, ottobre 23, 2006

Internet Explorer 7

Ho installato la tanto attesa release di Internt Explorer 7 e non posso esimermi dal commentare. Un programma fatto di malavoglia. Microsoft e' stata spinta ad aggiornare il vetusto IE6 dal successo crescente dei browser "alternativi", principalmente Firefox e Opera. Putroppo pero' il risultato e' pessimo. Ecco i motivi:

1. INTERFACCIA
L'interfaccia di IE7 in teoria dovrebbe rendere piu' semplice l'uso del browser, il che e' senz'altro vero per l'utente inesperto, infatti 2 barre su 4 sono nascoste e quelle visibili non si possono modificare.
La prima barra contiene i pulsanti avanti - indietro e gli spazi per la url e la ricerca. Questa barra non si puo' modificare ne' spostare. Un sacco di spazio sprecato a risoluzioni elevate, il bottone stop/reload e' spostato da sinistra a destra.
Sotto questa barra ce ne sono due nascoste. Per motivi oscuri MS ha violato uno dei paradigmi fondamentali della progettazione del software e cioe' ha "rotto" il look&feel classico delle applicazioni Windows spostando la barra dei comandi (file edit view ecc) da sopra a sotto la barra dei pulsanti. Insieme alla barra dei comandi appare nella stessa zona la barra dei "favoriti". Piu' sotto c'e' la novita', a sinistra una sidebar contenente i favoriti, la history eccetera, accessibile dal primo bottone. Piu' a destra ci sono i "tab" con quel pulsante amorfo appoggiato a destra che serve per aprire un nuovo tab.
In fondo a destra sulla stessa barra, non sapendo cosa fare, il team di sviluppo di IE ha messo un elenco editabile di bottoni assolutamente inutili che rimangono li appesi come per caso.
Conclusione: in sostanza l'interfaccia e le funzioni aggiunte sono una brutta copia di quelle presenti in Opera (che ha introdotto su larga scala il tabbed browsing diverse ere fa) e in Firefox. Molto meno studiate e assolutamente non customizzabili, praticamente IE7 sembra il fratello scemo dei browser concorrenti.

2. PRIVACY & SICUREZZA
La cosa piu' spaventosa di IE7 sono le opzioni per configurare i parametri relativi alla privacy e alla sicurezza. In sostanza sono analoghi a quelli di IE6, ci sono pannelli incomprensibili e liste infinite di opzioni, dove se si sbaglia a selezionare un checkbox ci vuole un mese per capire come mai una certa cosa non funziona piu'.
Cose come "protezione - selezionare un'area di contenuto web ecc" e la seguente "privacy - medio, medio-alto, ecc" e sopratutto il pannello "avanzate" sono il parto di una mente malata.
La gestione dei cookies richiede una "privacy policy" esplicita che ove mancante in certi casi blocca il caricamento di diversi oggetti (vedi il sito blogger.com). La funzione anti-phishing rallenta il caricamento delle pagine in maniera considerevole.
In questo caso non si puo' dire che abbiano cercato di copiare le modalita' di funzionamento dei concorrenti, forse perche' sarebbe stato veramente necessario riprogettare IE invece che cambiare solo l'interfaccia. In ogni caso le opzioni di Opera e sopratutto di Firefox sono molto piu' comprensibili ed immediate, oltre che essere piu' semplici nel meccanismo.

3. SUPPORTO CSS
Praticamente lo stesso di IE6, cioe' molto scadente.

4. ESTENSIONI
Aspetto veramente triste, MS ha creato una pagina "estensioni di IE" nel tentativo di copiare gli addon di Firefox e i widget di Opera. Ci sono dei link ad una raccolta di programmi di terze parti di uso generico. Anche in questo caso e' una mossa che puo' attirare solo l'utente inesperto che non capisce la differenza tra una estensione di 30KB gratuita e open source rispetto un programma a pagamento che viene presentato come "estensione". Si gioca sull'equivoco e sulla poca informazione della maggior parte degli utenti.

CONCLUSIONE:
Chi e' abituato ad usare Firefox o Opera non riuscira' ad usare IE7 se non con un grosso sforzo. Si tratta di un browser che se fosse uscito nel 2000 sarebbe stato all'avanguardia, oggi e' evidentemente obsoleto. Tecnicamente e' IE6 con una interfaccia piu' rigida e l'aggiunta dei tab. A questo punto perche' non usare una mod di IE come Maxthon?

Comunque, domani dovrebbe essere rilasciato Firefox 2.0 :)
Ah, dimenticavo, IE7, essendo il capolavoro che e', si puo' installare solo su WinXP SP2 o superiori. Firefox e Opera invece funzionano su qualsiasi sistema operativo esistente.

venerdì, ottobre 20, 2006

Casa in vendita

Vendo questa casa, situata in Bubbiano (MI).
Confinante con Golf Club.
Tre ampi locali al primo piano piu' cucina e due bagni.
Mansarda al piano superiore, box. Interessa?

mercoledì, ottobre 18, 2006

Sinistra e Destra

Questa e' l'Italia e questi sono gli Italiani:

Dal sito corriere.it: Niente supertassa sui Suv, bolli più alti alle moto
SUV E MOTO - La maggioranza ha anche concordato ieri l'abolizione della sovrattassa sui Suv e degli sconti sul bollo per le auto di categoria Euro 4. Sarà poi ridotta da 5 a 3 anni l'esenzione del bollo per chi acquista motocicli ecologici rottamando quelli inquinanti, mentre per questi ultimi aumenterà il bollo (25, 23, 21 e 19 euro come minimo per i motocicli, rispettivamente di categoria Euro 0, 1, 2 e 3). Il risparmio, 160 milioni, sarebbe destinato al trasporto pubblico locale.

Che tristezza...

venerdì, ottobre 13, 2006

Ricordatevi che non esiste privacy sul posto di lavoro

Questo post solo per ricordarvi che per la normativa italiana quando una azienda fornisce un computer ad un dipendente viene dato per scontato che il computer sia utilizzato ESCLUSIVAMENTE per i compiti assegnati e che questi compiti vengano svolti con diligenza e rispetto dei vari doveri del lavoratore nei confronti della azienda medesima (es. obbedienza alle istruzioni ricevute, rispetto per le gerarchie aziendali, ecc).
Il computer e' considerato semplicemente uno strumento di esclusiva gestione, proprieta' e titolarita' della azienda, come un trapano o un tornio.
La conseguenza diretta di quanto scritto sopra e' che l'azienda ha il diritto/dovere di controllare QUALSIASI attivita' svolta dal dipendente con il computer e qualsiasi contenuto presente, COMPRESA l'email aziendale.
Nessuna area del computer e nessuna attivita' si puo' considerare "privata", per il semplice motivo che nessuna attivita' privata e' ammessa durante l'orario lavorativo e utilizzando uno strumento fornito dalla azienda.

giovedì, ottobre 12, 2006

Cosa rimane della New Economy

Dal sito corriere.it: Dot.com: la lista dei più ricchi

Ideatori Azienda Tipo AcquisitoOfferta
Larry Page e Sergey Brin Google motore di ricerca
Mark Zuckerberg Facebook social networking Yahoo
Robin Li Baidu.com motore di ricerca
Chad Hurley e Steve Chan YouTube.com video clip Google
Michael Birch Bebo social networking Viacom
Niklas Zennstrom e Janus Friis SkypeVoIP e messenger Ebay
Tom Anderson e Chris DeWolfe MySpace social networking R. Murdoch

Google offre Office online

Lo so, l'argomento di questo post e' noto.
Google inizia a colpire Microsoft la' dove fa male, cioe' le applicazioni Office. E' un flashback della guerra di browser della fine degli anni '90, quando Netscape aveva il progetto di creare un desktop "virtuale" tramite il browser e Microsoft, minacciata in una delle sue fonti di guadagno principale, aveva proceduto a schiacciare la concorrenza integrando Internet Explorer nei suoi Sistemi Operativi.
Oggi che i tempi sono piu' maturi a causa della diffusione delle connessioni "veloci", la possibilita' di fornire le applicazioni Office da remoto non ha ostacoli concreti, tanto che la stessa Microsoft sta lanciando i suoi servizi "Live". Ovviamente se vuoi competere con Microsoft sai gia' in partenza che sara' guerra totale e con quali tattiche ti dovrai scontrare.

Comunque, Google sembra crederci, ed ecco che offre un word processor e uno spreadsheet gratuitamente online a questo indirizzo:
Google Docs & Spreadsheets - Create and share your work online
I vantaggi sono principalmente due:
- Puoi lavorare sui tuoi documenti usando qualsiasi computer connesso ad Internet.
- Poi condividere direttamente i tuoi documenti definendo una lista di utenti autorizzati.
Nota: serve un account valido, per esempio Gmail, per il momento e' tutto solo in inglese.

Oltre Blogger, I servizi di Google presso cui sono iscritto sono:
- Analytics
- Webmaster Tools
- Docs and Spreadsheets
- Gmail (lorenzo.celsi[at]google.com)
- Talk (lorenzo.celsi[at]google.com)
- Picasa (http://picasaweb.google.com/lorenzo.celsi)
- Page Creator (http://lorenzo.celsi.googlepages.com/)

Mica male per essere tutta roba gratuita.

giovedì, ottobre 05, 2006

Themes for Miranda

Miranda e' uno di quei programmi per gente che non e' per niente cool. E quindi di suo non e' per niente cool. Pero' gli sfigati che perdono tempo a scrivere in un blog perdono tempo anche per altre cose, cosi con un po' di applicazione Miranda diventa cosi. Basta copiare il plugin "Modern Contact List Layered" dentro la directory "plugins" e si possono applicare dei temi alla contact list, quello che vedete e' il tema di default.
www.miranda-im.org