martedì, giugno 30, 2009

Una volta tanto


Una volta tanto mi trovo d'accordo coi sindacati, le Ferrovie italiane sono in uno stato pietoso e gli investimenti nell'Alta Velocità suonano un po' come una presa in giro. Una roba da terzo mondo, dove la gente non ha l'acqua corrente in casa ma si costruiscono palazzi di marmo e oro per il dittatore di turno.

Tuttavia i vagoni cisterna deragliati a Viareggio non erano italiani ma di proprietà di una ditta con sede a Vienna e immatricolati in Polonia. La domanda sorge spontanea, oltre a garantire la gestione e manutenzione della rete e del materiale rotabile di proprietà FS, chi controlla i vagoni, di qualsiasi provenienza, quando entrano nella rete ferroviaria italiana?

martedì, giugno 16, 2009

Opera Unite


Opera (l'azienda) ha lanciato oggi un "nuovo" software che in breve consiste di una specie di "web server" locale che una volta installato sul vostro computer, insieme ad Opera (il browser) e un account sulla "community" di Opera, consente di "distribuire" dal vostro PC una serie di servizi ai vostri amici, per esempio condividere file e fotografie, musica, eccetera. In prospettiva questo software permette a volenterosi programmatori di sviluppare altri servizi aggiuntivi.
Tutto bello, l'unica cosa che personalmente mi ha fatto storcere il naso è stato lo slogan "stiamo per reinventare Internet" con il quale è stato anticipato il lancio di Opera Unite. Mi sembra un attimo esagerato, visto che in realtà è tutta roba già vista. Per esempio fate una ricerca su AMO con "web server" come chiave, oppure pensiamo al defunto progetto Allpeers.
Comunque, ulteriori informazioni qui:
- unite.opera.com
- Taking the Web into our own hands, one computer at a time
- Unite Dreams

Edit:
Critica a Opera Unite: Thoughts on Opera Unite

Martina impara a gattonare e si alza in piedi

La settimana scorsa Martina ha imparato a gattonare.
Oggi si è alzata in piedi per la prima volta aggrappandosi alla sponda del suo lettino.