domenica, maggio 29, 2011

Born to be wild







4 commenti:

  1. Questa parte sentimentalpostfamigliare è più...direi che può bastare.
    Dietro ogni entità virtuale c'è un cuore che pulsa...il mio a fasi alterne :-D

    RispondiElimina
  2. Non esiste nessuna "entità virtuale". Non ne sento il bisogno. Quello che vedi è quello che è.

    RispondiElimina
  3. E non c'è nessuna parentesi, se scorri il blog vedrai che è sempre più o meno lo stesso, cioè una specie di "stream of consciousness" senza uno scopo particolare. In origine doveva essere un'altra cosa ma quasi tutte le ciambelle escono senza buco.

    RispondiElimina