venerdì, giugno 03, 2011

Mille e non più mille

Nelle stanze dei bottoni hanno deciso che non dobbiamo più usare i personal computers. Tutti coi dispositivi "mobili", smartphone, tablet.
Il fatto che non servano a niente è secondario, l'importante è vendere, tanto la gente è scema e alla fine deve solo collegarsi a Facebook.
Di conseguenza tutto si muove in quella direzione, compreso Windows.
Ecco come appare Windows 8:

Oibò che strano, mi ricorda Windows Phone:

Ma che bello. Non vedo l'ora di avere le simpatiche "piastrellone" (tiles) sul mio monitor 22 pollici. Un cerchio si chiude, mi ricorda tanto la schermata del PS1 IBM che avevo nel 1990. Prego notare l'immagine sul monitor:

Il PS1 aveva il "DOS in ROM", cioè il sistema operativo DOS 4 era contenuto in una memoria ROM:
DOS in ROM" The early 2011 and 2121 series would boot up off the DOS in ROM and load a "4-quad" screen which allowed users to access help, rapidly launch pre-installed software, connect online, and access files on the hard drive.
Chissà se torneranno di moda anche i moncler dei paninari.
Ma attenzione schiavi, non è cacca, è cioccolata.

12 commenti:

  1. Chiedo venia per la mia presenza saltuaria...però il tempo che dedico alla rete non mi permette di visitare centinaia di blog che seguo (moalmeno ci provo).
    Per il post in argomento, finalmente c'è qualcuno che lo fa notare, la direzione è quella di assecondare il fiume del consumismo a discapito di ogni logica, se mai ci fosse stata...
    Ossequi da GengisMark

    RispondiElimina
  2. all'inizio windows era una raccolta di utilities poi è diventato quel popò di programma che fa tutto girare oggigiorno su un PC. Il "progresso" spesso non è "regresso" e a qualcosa servirà, non conosco windows 8, ma già il 7 si avvicina a qualcosa di : "a prova d'idiota"... e tenta di accalappiare quanti più utenti possibili. Si tenta di fare un sistema talmente easy da esportarlo su un normale TV e utilizzarlo interattivamente con un semplice touch.

    RispondiElimina
  3. Secondo me non ci siamo capiti. Se fai qualcosa "a prova di idiota" è perché pensi di avere a che fare con degli idioti. E se non sei idiota, diventa un attimo fastidioso.

    Il sistema "easy" che descrivi tu è semplicemente un TERMINALE per servizi di rete. La versione aggiornata di Televideo.

    RispondiElimina
  4. usa linux allora. Se hai tempo da perdere è un ottimo sistema. qualcuno invece pensa che non sia più necessario perdere tempo dietro al sistema operativo e vuole qualcosa che vada. punto.
    Seven è in quella direzione, Eight lo sarà ancora di più così come i sistemi di Jobs.
    Linux invece è proprio il sistemone super configurabile che fa tutto quello che desideri. Ad un prezzo: il tuo tempo; e io sinceramente non ne ho

    RispondiElimina
  5. La premessa è corretta ma la conclusione è errata.

    Infatti qui non parliamo di un sistema facile da usare, parliamo di un sistema STUPIDO.
    Sono due concetti molto differenti.
    Fare sembrare semplice una cosa in realtà complicatissima è il marchio del genio.
    Fare le cose stupide sono capaci tutti. Veniamo al concreto, Win7 non è per niente meglio delle versioni di Windows precedenti, anzi, appare come un collage di componenti sviluppati in maniera indipendente e poi incollati insieme in modo approssimativo. L'unico "avanzamento" è quello di avere spostato le funzioni che prima erano "esposte", dietro più livelli di menu e sotto-menu. E' tutto gestito in maniera estremamente involuta. Ti do due esempi ovvi: IL firewall (ingestibile) e il registro eventi (inguardabile).

    Senza contare il consumo di risorse hardware che è abbastanza ridicolo.

    Win8 non l'ho usato quindi non so dire ma dalle informazioni disponibili sembra progettato per "unificare" Windows su tutti i dispositivi. Siccome io me ne sbatto degli smartphone e dei tablet, non sono contento di dovere utilizzare la stessa interfaccia anche sul desktop. Nota che Gnome 3 fa lo stesso errore per Linux.

    RispondiElimina
  6. E poi, fare una interfaccia con dei pulsantoni rettangolari non è sta gran figata innovativa, ho messo sopra un esempio della stessa idea che risale ad oltre 20 anni fa. Che io ho usato, tra l'altro.

    RispondiElimina
  7. L'insieme dei pulsantoni e l'idea del touch screen mi fa venire in mente quelle macchine che usano per insegnare alle scimmie un linguaggio di simboli.
    Non è previsto che tu scriva un libro con quella macchina, devi solo pigiare "triangolo" per avere la nocciolina.

    RispondiElimina
  8. Quelli sono live tiles, non pulsantoni. Hanno una propria vita e si aggiornano per darti informazioni in real time. Sugli smart phone è d'obbligo avere i "pulsantoni" altrimenti torniamo a quell'obrobrio di WinMo 5 dove era stato preso un sistema operativo da pc e l'avevano messo su un dispositivo con 3" di schermo, risultato: inutilizzabile se non con un pennino. Apple ha aperto la strada ad interfaccie di questo tipo quindi nel caso ti facciano schifo devi prendertela con loro. Io invece li trovo funzionali anche sui pc. Detto ciò devo ammettere che ho idee molto diverse dalle tue visto che sono smart-phone dipendente e sempre meno pc dipendente. Ormai si fa tutto in mobilità ed è una comodità estrema. Esistono applicazioni per ogni necessità anche molto "verticali". Sono veloci, ottimizzate e il più delle volte ti permettono di fare alcuni task in minor tempo rispetto ad un pc. Unica pecca, dopo un po' che utilizzi queste app ne hai a centinaia.

    ciao

    RispondiElimina
  9. Fermo restando che ognuno deve usare gli strumenti che gli sono più congeniali, faccio notare due dettagli:

    "visto che sono smart-phone dipendente"
    La cosa non dispiace a chi fa soldi con tutto l'ecosistema "mobile". Prego riflettere sulle implicazioni della "dipendenza".

    "dopo un po' che utilizzi queste app ne hai a centinaia"
    Secondo me questo dimostra geometricamente che le "app" non servono a una ceppa. Io utilizzo regolarmente quattro o cinque software. In tutto ne avrò una decina, di cui metà usati solo saltuariamente.

    RispondiElimina
  10. il mondo odierno richiede che alle mail si risponda con celerità e non la sera quando si rientra a casa... sai com'è, business is business. A volte 3 ore di ritardo potrebbero farti perdere l'occasione.

    Considera le app come segnalibri ottimizzati. E non ti sembrerà più esagerato. Le stesse cose le potrei fare col browser integrato ma impiegherei più tempo e perderei in efficienza. Le app ti semplificano i compiti. Ad esempio prenotare un biglietto aereo in 3 click (o tap che siano). Dal browser mi ci vorrebbero 20 minuti.

    RispondiElimina
  11. Tutto sto discorso ruota intorno alle tue esigenze.

    Se uno fa il venditore non gli serve un PC, gli va benissimo uno smartphone che prende il posto della agenda e del telefono.

    Se uno fa lo scrittore, difficilmente scriverà un libro su uno smartphone, a meno che non sia un malato di mente.

    Se uno fa l'ingegnere meccanico probabilmente userà un desktop quando è in ufficio e un laptop quando è in viaggio per lavoro, dato che è difficile editare documenti e progetti su uno smartphone.

    Se uno fa il bagnino, gli serve uno smartphone per broccolare le ragazze.

    Eccetera.
    Il concetto di "segnalibro ottimizzato" lasciamolo perdere che fa abbastanza ridere.

    RispondiElimina
  12. Ciao! Sono finito per caso nel tuo blog in quanto cercavo di far rivivere nel mio pc la famosa schermata ( 4 screen ) del mio vecchio ibm ps 1 , vorrei chiedere a chi lo sa COME SI CHIAMA LA SCHERMATA DEI 4 PULSANTONI DEL VECCHIO IBM? COME SI FA A EMULARLA SUL PROPRIO PC? Io ho DosBox e da nessuna parte trovo quello che mi serve.
    Se qualcuno sa qualcosa mi scriva per email:
    leandro.osmelli@gmail.com

    RispondiElimina