lunedì, aprile 16, 2012

Abbandonare la nave

Basta vedere di che natura è il prelievo fiscale in Italia, non solo la quantità abnorme ma anche la qualità mirata ad incidere sul risparmio e sulla proprietà, per capire che ormai non c'è più nulla da fare, siamo destinati al fallimento, al tracollo con tutto quello che ne consegue o che ne potrebbe conseguire, perché la gente tende ad incattivirsi quando non ha i soldi per comprare il pane.

Per cui se io avessi dei figli farei tutti il possibile per mandarli via, lontano. Come facevano i Greci, a fondare nuove colonie in terre più ospitali. Tutto sta nel prepararsi in modo da avere un profilo professionale adeguato.

6 commenti:

  1. questa è l'italiatta che ci hanno lasciato i governi passati purtroppo, prendere o lasciare.

    RispondiElimina
  2. No questa è l'Italietta che gli Italiani si meritano.
    E l'opzione, come ho scritto sopra, è "lasciare", andarsene.

    RispondiElimina
  3. io mi adeguo e sto facendo un corso di aggiornamento da fuciliere con master in bazooka.

    RispondiElimina
  4. per nonno Ennio.
    non so di quanli passati governi parli, ma noi eravamo austro-ungarici e le tasse erano diverse di quelle che pretendevano i Borboni. la vita era un valzer e non una tarantella a piedi nudi sulle braci.

    RispondiElimina
  5. @Lorenzo

    io c'ho 65 anni suonati mi devo accontentare di questa e quindi resto.

    RispondiElimina
  6. Mariolino, cito il maestro Miyagi: l'unico modo per vincere davvero è evitare di combattere.

    Enio, anche per me è tardi. Ma dicevo che se io fossi genitore investirei tutti i miei sforzi nell'imbarcare i miei figli su una nave interstellare che li porti il più lontano possibile.

    RispondiElimina