mercoledì, aprile 18, 2012

Grillo o dell'incoscienza

Cito un articolo del Corriere:
Grillo: «Faremo una Norimberga ai partiti»

Premessa:
[...] abbiamo 800mila persone su Facebook che hanno 100 amici a testa: sono 43 milioni di persone che ci seguono. Loro non hanno queste cose, non riescono nemmeno a concepirle. Usiamo i social network da 5 o 6 anni e non sono io che ho le idee, ma le mettiamo insieme in rete, con i work in progress con le più belle menti del mondo.
Ora, a parte la nausea a sentire la solita tiritera su Facebook e i "social network", ecco un esempio delle fantastiche idee messe insieme dalle più belle menti del mondo:
Dobbiamo fare una piccola Norimberga al cui termine vedremo quale lavoro socialmente utile fargli fare. [...]
Ci vuole un processo pubblico. Si tirerà a sorte una giuria di cittadini incensurati e determineremo come farci ridare tutti i soldi che hanno rubato e come indirizzarli a qualche lavoro sociale.
Povero Grillo e povera Italia. Ci sono due elementi significativi in questa affermazione, la menzogna che l'Italia sia con le pezze al sedere perché i "politici" hanno "rubato" (vedi mio post precedente sugli anni '70) e l'ovvia demagogia dei "cittadini incensurati" che fungono da "giuria" (in Italia non esiste la giuria nei processi, ci sono i giudici popolari) dove Grillo intende "giudice" e insieme "carnefice". Risolviamo tutto con un bel linciaggio come nel Far West o un rogo in piazza come ai tempi del Savonarola. Bravo Grillo, un genio, direi.

Mi resta una perplessità: una volta che i "cittadini incensurati" avranno espropriato i "politici" dei loro averi e li avranno impiccati tutti, l'Italia troverà il benessere? Potrò smettere di pagare le tasse? Tutti avranno un lavoro? Si potrà andare tranquillamente in pensione? Gli ospedali funzioneranno senza produrre morti e fallimenti? La pattumiera sarà smaltita ovunque? Ma che bello.

8 commenti:

  1. Sempre meglio di questi "politici" farabbutti che stanno svendendo la NOSTRA ITALIA

    RispondiElimina
  2. Svendendo a chi? Nostra di chi?
    Mettiamola in altri termini: tutti gli Italiani che negli ultimi 40 anni hanno goduto di servizi, prebende e regalie dello Stato da dove pensavano venissero i soldi? Chi pensavano avrebbe pagato il conto?

    RispondiElimina
  3. io non ho facebook ma conosco Grillo e lo apprezzo più come comico, perchè mi fa ridere e meno come capopolo... Bersani e Vendola sembra ne abbiano paura!

    RispondiElimina
  4. Le paure di Bersani e Vendola mi sono indifferenti.

    RispondiElimina
  5. Grillo...una sciagura che affosserebbe l'Italia ancor più di B

    RispondiElimina
  6. Ma no.
    Tu mi insegni che entrambi (Beppe e Silvio) fanno solo della "maieutica", cioè sono semplicemente le "levatrici" che portano alla luce quello che c'è nel ventre degli Italiani.

    Ovviamente agli Italiani non piace sentirselo dire perché da sempre siamo maestri tanto nel servilismo che nella pratica del "capro espiatorio".

    RispondiElimina
  7. interessante il tuo post, sono certo che dell'attuale situazione economica ci sono delle responsabilità politiche, in Italia il ricambio generazionale di fare politica è dato dalla giustizia e non da un percorso evolutivo di maturazione e d'esperienza della politica.
    Le responsabilità sono più ampie, quello che manca è un progetto di futuro dell'Italia, si vive alla giornata come una barca nell'oceano in attesa di un vento.
    Grillo mi sembra un po' troppo semplice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ribadisco, gli Italiani si dividono in due categorie, gli idioti (pochi) e i furbi (la maggior parte).
      Gli idioti sono quelli che vanno a spaccare tutto, che si accoltellano, che forniscono la manovalanza quando si tratta di far casino a beneficio dei secondi.
      I furbi sono quelli che, dietro il paravento di una ideologia qualsiasi, tirano l'acqua al proprio mulino, trovandosi il posto nell'Amministrazione Pubblica, nelle redazioni dei giornali, nelle università, nelle banche, eccetera.

      Il progetto c'è eccome, ogni Italiano ha il progetto di metterlo nel didietro agli altri.

      Elimina