lunedì, aprile 02, 2012

Spunti di riflessione

Titoli che trovo sul sito del Corriere:
"Disoccupazione, dramma tra i giovani: al sud una donna su due non ha lavoro"
In questo titolo ci sono tre argomenti diversi:
1. disoccupazione.
La disoccupazione evidentemente dipende dal fatto che non ci sono (abbastanza) aziende che producono in Italia. Si può risolvere in due modi, creando le condizioni per cui convenga portare le produzioni in Italia o con l'emigrazione, spostando gli Italiani dove ci sono aziende che producono.
2. i giovani.
Questo dipende sia dal problema della disoccupazione che dal fatto che in Italia la "mobilità sociale" è quasi nulla, nel senso che la vita degli Italiani ruota attorno ad un sistema di "rendite di posizione" per cui esisti in funzione di chi sei figlio, di chi sei amico, di chi voti, eccetera. In questo contesto un "giovane" può accedere ad un risorsa solo se e quando questa risorsa è sovrabbondante, altrimenti trova tutti i posti a sedere già occupati.
3. il sud.
Al sud esiste solo la possibilità della emigrazione o della assunzione nel "pubblico". L'unica differenza rispetto a prima è che adesso il "pubblico" ha meno risorse da spendere per mantenere chi non emigra.

"Monti: crisi superata, l'Italia è solida"
Più o meno lo stesso che diceva Schettino prima che la nave si rovesciasse. La solidità dell'Italia dipendeva fino a oggi da due fattori, la propensione al risparmio delle famiglie e la famosa economia sommersa. Mano a mano che andiamo ad erodere la ricchezza delle famiglie e portiamo alla luce il sommerso, le capacità dell'Italia di assorbire i danni provocati da tutte le magagne che abbiamo si riducono. Ad un certo punto supereremo il punto di rottura.

7 commenti:

  1. Monti è un gran ballista adesso dovrà dirci quanti sono gli esodati e come intende regolarsi. E' di stasera il grido d'allarme che i posti di lavoro creati sono ZERO e un giovane su tre non lavora e che ci sono tanti, ma tanti disoccupati. Speriamo solo che non si decida di eliminarli fisicamente insieme ai pensionati che sta affamando in questi giorni. Lui dice di non preoccuparsi della situazione Italia che tutto va bene, mi sembra di averle già sentite queste frasi e poi ci siamo ritrovati sull'orlo di un baratro che personaggi come lui (banchieri del cazzo) avevano creato.

    RispondiElimina
  2. Non dipende da Monti.
    Nel senso che, come ho già detto altrove, le ragioni della de-industrializzazione, cosi come i meccanismi della finanza, sono "globali" e non possono essere gestiti autonomamente dal governo italiano, anche ammesso che sapessero cosa fare.
    Per altro il "baratro" non l'ha creato Monti e nemmeno i "banchieri".
    Invece l'hanno creato i partiti, indifferentemente chi ha governato e chi no, nel tentativo di dare agli Italiani un benessere che era al disopra delle nostre effettive possibilità.
    E come ho detto, se non siamo ancora saltati per aria è solo perché fortunatamente gli Italiani tendono a mettere via invece di indebitarsi.

    Ora, Enio, bisogna che tu ti renda conto una buona volta che lo Stato non può più pagare stipendi, pensioni, cure mediche gratuite, ecc, a tutti indifferentemente.

    Fa paura? Lo capisco.
    Ma facendo il gioco delle tre scimmiette che non sentono, non vedono e non parlano, l'unico risultato che possiamo ottenere è rimandare l'inevitabile e nel contempo aggravare il problema.

    RispondiElimina
  3. monti si è rivelato un cialtrobe autentico, adesso pur di mandare avanti la riforma del lavoro sarebbe disposto ad allearsi col "diaol"... staremo a vedere cosa farà con gli "esodati", ci sono soldi solo per 50.000, mentre loro sono 350.000 secondo le ultime stime.C'è d'augurarsi che non riapra per questi ultimi i campi di concentramento o li gasifichi per produrre energia o fare il sapone... Sarebbe ora di mandarlo in panchina! I posti non si vedono, il lavoro non riprende, i consumi sono quasi azzarati... l'unica cosa che aumenta è il nostro debito pubblico... lui dice che va tutto bene e io mi preoccupo veramente!

    RispondiElimina
  4. Io non capisco, davvero.
    Come se i "soldi" li avesse fatti sparire Monti.

    Secondo Wikipedia a gennaio 2012 il Debito Pubblico italiano, cioè "Il debito pubblico [...] pari al valore nominale di tutte le passività lorde consolidate delle amministrazioni pubbliche (amministrazioni centrali, enti locali e istituti previdenziali pubblici)" ammontava a 1.935.800.000.000 euro. Cioè due milioni di milioni di euro.

    Mi dici che non ci sono i soldi per gli "esodati", bella scoperta. Non ci sono i soldi per qualsiasi cosa.

    E l'espressione "i posti non ci vedono" mi fa venire il vomito, visto che "i posti" sono la causa del debito.

    RispondiElimina
  5. Ho aggiunto un post sopra che dovrebbe e dico dovrebbe, fornirti qualche elemento su cui ragionare.

    RispondiElimina
  6. oggi sono stato in un supermercato cinese. loro ci vendono la loro roba e per comprarla noi possiamo lavorare in altri supermercati per avere uno stipendio da spendere. Il guaio è che l'edile e il metalmeccanico sono due figure in via di estinzione, mentre aumentano le casse self sevice e i magazzini automatizzati.
    Oggi si può solo lavorare facendo macchine da caffè self service, da piazzare in punti nevralgici, sperando che la gente faccia pausa fra una ricerca di lavoro e un'altra.

    RispondiElimina
  7. L'edile esiste ma non è italiano.
    Il metalmeccanico tende ad estinguersi perché, stante la situazione monetaria/fiscale attuale, conviene importare tutto dall'estero.
    Nei decenni precedenti ci hanno venduto l'idea che gli Italiani dovevano trovare occupazione nel "terziario". Cioè che fosse possibile creare ricchezza con una economia "immateriale", fondata sui servizi, sulle "idee", sulla "conoscenza" e bla bla.
    Cosi abbiamo tutti un cellulare, progettato e costruito all'estero e paghiamo gli abbonamenti.

    RispondiElimina