martedì, maggio 15, 2012

Ancora due chicche anni '70

Sgomberato Macao, dal web critiche a Pisapia.
La rabbia: "Sindaco perché hai permesso questo?"
Replica: "Risposta positiva nel rispetto delle regole"
Lo traduco "rispetto delle regole" per le menti indebolite: prendere possesso di qualcosa senza il permesso del proprietario in Italia è un reato. Quando si compie un reato di solito interviene la Polizia. Tanto più se non si tratta di un edificio abbandonato in periferia ma di un palazzo in centro a Milano che vale parecchi milioni. Se si insiste nel reato è facile che si prenda qualche manganellata.

E veniamo alle cose divertenti:
"Brutto giorno per Milano" ribatte la conduttrice di La7, Daria Bignardi.
Dario Fo: "Questa è una mossa sbagliata. Chiudere Macao è l'espressione del disordine mentale che c'è in Italia."
Il che la dice lunga sulla colonizzazione che la "sinistra" ha operato e tutt'ora mantiene nei "media" e nella cosiddetta "cultura" e sulla stessa idea del post precedente e cioè che lo Stato debba provvedere a mantenere i sedicenti "lavoratori della cultura", in questo caso pagando l'affitto e le spese del palazzo, cosi come i dipendenti del Manifesto. Io non voglio pagare per avere la "arte" prodotta da Macao e non voglio pagare per pubblicare il Manifesto. Sorvolo sul "disordine mentale" di Dario Fo col suo berretto un po' bocciofila e un po' discorso di Lenin.

E siccome non ci vogliamo fare mancare niente in questo spettacolo che rimette in scena il presepio della "sinistra", un po' come quegli spettacoli di Broadway, tipo "Cats" o "Il Mago di Oz", ecco:
Le nuove Br in aula: "Viva la rivoluzione, questo è il momento buono"
Alfredo Davanzo dalla gabbia commenta la gambizzazione di Roberto Adinolfi. Saluti a pugni chiusi.
Ah le matte risate, viva Marx, viva Lenin, viva Mao Tze Tung.
Nostalgia, nostalgia canaglia
Che ti prende proprio quando non vuoi
Ti ritrovi con un cuore di paglia
e un incendio che non spegni mai...
Albano Carrisi & Romina Power

Edit: sento ora su Radio 24ore che Pisapia ha garantito ai "lavoratori dello spettacolo" l'assegnazione degli edifici ex-Ansaldo.

3 commenti:

  1. “I casi del Teatro Valle, del Garibaldi, di Macao ci impongono di ritornare ad interrogarsi sull’annosa distinzione tra legalità e legittimità (…) In sostanza vi sono occupazioni di proprietà pubbliche o private che oggettivamente sono illegali, in quanto in contrasto con le norme a difesa della proprietà, ma che tuttavia in alcuni casi trovano una loro legittimità attraverso forme di dissenso e di azione politica, in particolare nei momenti di crisi della rappresentanza e di negazione dei diritti sociali. Talvolta la violenza legale delle regole può determinare l’insorgere di comportamenti illegali che tuttavia trovano la loro legittimità nel quadro politico, sociale ed economico, e nel recupero di una funzione sociale degli spazi“.

    RispondiElimina
  2. Si appunto.
    Secondo gli adolescenti mai diventati adulti della "sinistra" la violenza diventa legittima quando esercitata da loro mentre diventa inconcepibile quando esercitata dagli altri.

    Come dicevo nel post sul sindaco del PD e la mensa negata ai bambini di famiglie morose, la "sinistra" è ipocrita e falsa come Giuda.

    E facciamo finta di non leggere i ridicoli paradossi dell'ultimo paragrafo, "violenza legale" che determina "comportamenti illegali" che però sono "legittimi nel quadro politico". Della serie l'uovo e la gallina e l'uovo e la gallina.

    RispondiElimina
  3. caro Lorenzo,
    quel che è mio vorrei restasse mio ... però delle volte è talmente poco che mi viene da rubare.
    le rivoluzioni cominciano con dei piccoli furti... credo.
    L'arte o il discutere all'infinito su tavole rotonde o botti quasi ovali dell'utopia produce l'immagine della fame ma non la fame e l'immagine del cibo ma non il cibo.
    (... delle volte non capisco nemmeno troppo quello che dico ma così mi sento bene e mi fa riempire la tastiera di ditate).
    Da qualche parte dovremo pur sbucare non possiamo continuare a stare in galleria aspettando ci vengano a prendere. Quelli non verranno mai, nemmeno quelli della protezione civile.
    Io mi sono stufato di gente che insiste per rappresentarmi da quello del piano di sotto alle assemblee di condominio a quello molto di sopra che punta a Montecitorio.

    RispondiElimina