mercoledì, maggio 30, 2012

Grillo & Casaleggio

Il signor Casaleggio ha scritto una lettera al Corriere nella quale chiarisce il suo ruolo rispetto a Grillo e al Movimento: Mai stato dietro a Beppe Grillo, ma al suo fianco

Ora, io non saprò ne leggere ne scrivere ma il fatto che tutta la presenza sulla Rete di Grillo e del suo Movimento non sia ne un fenomeno "spontaneo" originato dal basso ne frutto dell'estro visionario di Grillo ma il risultato di una strategia operata da una Società di consulenza, che tra l'altro probabilmente gestisce i diversi siti riconducibili a Grillo e i loro contenuti, mette le cose in una diversa prospettiva. Un po' come quando venne fuori che le lettere di Renzi, "il rottamatore" in pectore del PD, erano scritte sul portatile di Gori, guru dello "infotainment". Con l'aggravante che almeno Renzi oltre che il rottamatore fa anche il sindaco di Firenze, che è già qualcosa.

Aggiungo che quando una persona sta a fianco di un'altra non si può evitare di notarne la presenza. Mentre la presenza del signor Casaleggio è passata inosservata fino a poco tempo fa. Il che porta a pensare che un po' "dietro" in realtà lo fosse. Tornando all'esempio di prima, probabilmente anche Renzi non ha proprio tenuta segreta la sua amicizia con Gori all'elettorato del PD ma non l'ha nemmeno sbandierata ai quattro venti.

Sui come e sui perché lascio al lettore fare le proprie considerazioni.

Di mio aggiungo una cosa: dalla metà degli anni '90 ho visto una moltitudine di gente cercare di trovare un modo di fare soldi o crearsi una carriera usando Internet. Non c'è niente di male fintanto che, come succede col porno, quello che vedi è quello che compri. Diventa una cosa un po' diversa quando Internet è visto come uno strumento che espone la massa alla manipolazione. Che poi è il fine del marketing. La "libertà" non è una cosa che cala dall'alto, è una cosa che hai dentro. Se ne sei capace. Negli altri casi sei una macchinetta che ripete un programma scritto da altri.

Nota:
Ciao "anonimo". Come se non sapessimo chi sei.
Per pietà cristiana cito la lettera:
In seguito progettammo insieme il blog beppegrillo.it, proponemmo la rete dei Meetup (gruppi che si incontrano sul territorio grazie alla Rete), organizzammo insieme i Vday di Bologna e di Torino, l'evento Woodstock a 5 Stelle a Cesena e altri incontri nazionali...
Dove "insieme" significa un ex-comico di 64 anni che progetta comunicazione e marketing su Internet con uno che di mestiere fa il consulente di comunicazione e marketing su Internet. Tutto molto bello, spontaneo e visionario.
E questo lo scrivo perché mi diverte, per il resto pigio il bottone "elimina" ogni volta che aggiungi un commento. Continua pure.

9 commenti:

  1. Grillo e il M5S secondo me è il nuovo che avanza come idea di politica almeno, in attesa dei risultati concreti. Votare come cittadino, altri cittadini che hanno voglia, capacità e tempo da spendere per governare e a costi bassissimi (a Torino gli assessori si sono ridotti lo stipendio a 2500 pro capite)a me sembra un'idea geniale. Chi vivrà vedrà e son convinto che i grillini, come li chiamano alle prossime elezioni faranno il botto.

    p.s. è parecchio che non ti vedo dalle mie "parti", non è che la cosa mi riguardi, ma gradirei sapere se c'è un perchè. Buona serata.

    RispondiElimina
  2. Certo che c'è un perché. Ovunque io vada sono seguito da un certo personaggio che provoca nel tentativo di indurmi ad uno scambio di insulti per poi minacciare il ricorso alla Polizia Postale. Almeno qui posso usare il bottone "elimina".

    Anche un camion che ti tira sotto è il "nuovo che avanza" e per il "panta rei" anche stando fermo lo scorrere del tempo cambia le cose intorno a te, l'acqua del fiume non è mai la stessa ogni istante. Questo non significa che il cambiamento sia automaticamente una cosa buona per te o per me. Io non credo nella "democrazia", non solo perché è stato dimostrato matematicamente che può essere nella migliore delle ipotesi solo una approssimazione del concetto ideale ma sopratutto perché il mezzo non garantisce nulla a proposito dell'utilizzatore. Se uno è un povero coglione, il fatto di potere associarsi con altri coglioni e alla fine eleggere un rappresentante in Parlamento non mi da alcuna soddisfazione e non mi rassicura rispetto al fatto che di solito in parlamento ci vanno i furfanti associati con altri furfanti.

    Più della democrazia a me interessa la libertà. E la libertà in Italia non ce la meritiamo.

    RispondiElimina
  3. Apprezzavo il blog di Grillo agli albori, adesso è pieno di gadget in vendita e post che sanno di delirio, stendiamo un velo pietoso sul sedicente Guru esperto in che cosa lo sa solo lui. Ammiro invece la gente comune che cerca, in buona fede e con massimo impegno, di fare qualcosa di concreto, vedremo come andrà l'esperienza del sindaco di Parma, difficilmente potra fare peggio dei suoi predecessori

    RispondiElimina
  4. continuo a pensare a Grillo come a una sciagura e mi auguro che i grillini non impieghino vent'anni, come la Lega per sputtanarsi

    RispondiElimina
  5. La Lega aveva una "mission" precisa che però non ha mai saputo come concretizzare. Lo sputtanamento per quanto mi riguarda non dipende dalle recenti vicende giudiziarie, che finiranno in una bolla di sapone ma dalla evidenza che gli uomini non erano e non sono adeguati alla bisogna. Un conto è amministrare una cittadina, un conto è organizzare le feste del Movimento, un altro è la Secessione. Il colpo di grazia alla Lega, sopra il livello locale, è venuto con l'apparentamento con Forza Italia. La Lega di Governo è stata un flop clamoroso, un po' per la sopracitata inadeguatezza, un po' perché ad andare con lo zoppo...

    Il discorso dei Grillini secondo me è diverso. Non hanno una "visione", per quanto utopica. Piuttosto a' la fiera del luogo comune con flashback "rivoluzionari" presi a caso da tutti i momenti peggiori del '900. Niente di nuovo, ieri guardavo una video-intervista a Oliviero Toscani (a margine, ma chi intervista Toscani sulle questioni sociopolitiche?) in cui il nostro diceva che i giovani dovrebbero fare la rivoluzione e che non ne abbiamo mai fatta una in Italia. Primo, il fatto che Toscani parli di rivoluzione indica che non si rende conto di quanto sia involontariamente auto-ironico, secondo si sbaglia perché di generazioni convinte di fare la Rivoluzione ne abbiamo avute diverse. Che poi le rivoluzioni siano finite in nulla non è una nostra specificità, diciamo che siamo poco inclini a portare le cose alle estreme conseguenze.

    Chiudo dicendo che Grillo in se non è una sciagura. La sciagura sono le persone che vivono di luoghi comuni. Grillo riempe il vuoto lasciato dai partiti ma la gente è la stessa.

    RispondiElimina
  6. comunque facciano le persone elette nella lista M5S non potranno mai fare peggio di quello che hanno fatto i partiti classici in questi ultimi anni, 600 milioni di buco...

    RispondiElimina
  7. Errore catastrofico il tuo.
    Ci sono due presupporti dietro la tua considerazione:
    1. il "buco" è stato scavato dai partiti.
    2. esiste una discontinuità tra il "prima" e il "dopo" Grillo.

    Sbagliati entrambi.
    Il "buco" è stato scavato dagli Italiani che hanno mangiato e bevuto a spese dello Stato. Milioni di Italiani, dalla fine del "boom economico" fino ad oggi. L'unica colpa dei partiti è stata quella di assecondare il fenomeno diffondendo l'ideologia del "tutto a tutti". Che poi è una delle derivate del fatto che l'Italia repubblicana è stata fondata dai Cattolici e dai Comunisti. Gente che è sempre proiettata verso un "mondo migliore" e ci arriva riducendo il "mondo reale" in macerie.
    Gli Italiani sono sempre gli stessi, inclusi quelli che adesso si entusiasmano per il Partito dell'Uomo Qualunque. Non esiste nessuna discontinuità, esiste il tentativo di trovare un capro espiatorio e la rassicurazione consolatoria che basti mettere il tizio X al posto del tizio Y per continuare per altri 50 anni. Se vai a rileggere i testi che scrivono per Grillo noterai che il nostro è pieno di complimenti per chi lo ascolta, sono tutti belli, bravi e buoni e chiede processi sommari per i "politici", l'uomo nero, il nemico. Siamo tutti eroi, noi Popolo della Rete.

    RispondiElimina
  8. Ciao,
    non sono l'anonimo di cui scrivi, e vorrei dirti due cose:
    1)Sono completamente in accordo con il post.
    2)Pubblica qualche commento del tale, giusto per condividere le risate

    RispondiElimina
  9. Se scrivesse qualcosa lo pubblicherei volentieri.
    Putroppo sono solo insulti.

    RispondiElimina