sabato, giugno 23, 2012

Semo in una botte de fero - Le Nuvole

il Ministro (Passera, Ministro dello Sviluppo Economico) ha indicato la possibile cura per quanto riguarda il Mezzogiorno: "Con 700 milioni di euro di fondi europei azzereremo il digital divide al Sud". Questi, spiega, verranno utilizzati per "incentivare lo sviluppo della rete di nuova generazione" e sviluppare un progressivo switch off per "portare la Pubblica Amministrazione nel mondo del cloud computing, a partire dal settore dall'istruzione".
Passera e il digital divide da colmare

E pensare che fino ad oggi mi sono tanto preoccupato per niente.
Posso dormire tranquillo, ci pensa il Ministro Passera a portare la PA nel mondo del cloud computing.

Che per inciso non vuol dire una beneamata mazza di niente. Infatti col termine "nuvola" (cloud) in origine si intendeva Internet in generale. Il termine "cloud computing" sta a significare la possibilità di fare svolgere determinate operazioni non ad un computer fisicamente presente in un dato ufficio ma ad altro computer situato ovunque nel mondo, utilizzando Internet per muovere i dati avanti e indietro. Il vantaggio consiste nel fatto che una piccola impresa invece di investire nell'acquisto di hardware da collocare presso i propri uffici, può affittarlo come "servizio" da un fornitore, condividendo lo stesso hardware con altre aziende. Ci sono diversi svantaggi, i due principali sono che senza connessione ad Internet non puoi fare nulla e che diventi completamente dipendente dal fornitore in questione, sia per il regolare funzionamento del servizio che per la gestione delle informazioni. Come questa procedura di "outsourcing" (cioè la risorsa è prelevata dall'esterno della azienda) di hardware e software possa migliorare la Pubblica Amministrazione è uno dei Segreti di Fatima secondo me. A chi interessa dove si trova fisicamente un certo computer e come è collegato il terminale che sta usando l'impiegato davanti al quale stai facendo la fila? L'hardware, specie se si fanno i numeri della PA, è la risorsa più economica. Ho letto di recente che si fanno contratti da 50 milioni a botta per le licenze d'uso del software e questo si può eliminare solo se la PA non acquista il software dalle grandi corporation come Microsoft o Oracle e in pratica se lo fa in casa. Cosa che ci riporta a bomba al nocciolo del problema della PA e cioè le risorse umane. La voce che incide realmente sia sui costi che sulle prestazioni.

Il "digital divide" significa che nei piccoli centri non c'è la connessione ad Internet, oppure c'è ma molto limitata. Il problema è di natura geometrica. Si può benissimo tirare un cavo in fibra ottica in qualsiasi località, anche la più sperduta. Il problema è che costa un tanto al metro. E chi paga per la posa e la successiva manutenzione? Piccolo centro significa poca gente, magari anziana. Poca gente significa pochi abbonati, quindi pochi soldi quindi investimento in perdita. Il discorso è abbastanza simile a quello degli ospedali per cui ad un certo punto lo Stato ha iniziato ad costruire ospedali ovunque, che ogni paese doveva avere il suo ospedale e i diritti bla bla bla. Salvo poi accorgersi che in molti di questi ospedali non ci andava abbastanza gente per giustificare i costi e quindi (cercare di) chiuderli.

venerdì, giugno 22, 2012

Il monito di Napolitano

In questo post non tratterò della nota vicenda che vede Napolitano accusato di interferenza con le indagini di mafia. Invece citerò questo articolo del Corriere:
Il monito di Napolitano
Il monito di Napolitano europeista
Nessuno Stato può salvarsi da solo
Chiusure egoistiche e concezioni anguste degli interessi nazionali sono semplicemente fuorvianti e destinate a fallire
A mio modesto parere, ennesima prova di pensiero distorto, lo stesso identico discorso che si fa comunemente quando si discute della annosa questione nord-sud in Italia. Cioè la contrapposizione "egoismo - solidarietà". E allo stesso modo, cosi come in Italia la solidarietà non ha mai risolto nulla e anzi ci ha affossati, in Europa volere mettere sullo stesso piano le Nazioni indebitate e spendaccione con quelle poco indebitate e che spendono in maniera oculata, è una evidente forzatura. Con una differenza sostanziale: se io non pago le tasse che, in omaggio al principio di "solidarietà", alimentano la Spesa e il Debito, lo Stato mi fa arrestare. Ma l'Italia non ha nessun modo per costringere le altre Nazioni ad andare contro i propri interessi e ad essere "solidali", che in questo caso diventa sinonimo di "fesso".

A margine, Napolitano evidentemente non ha la percezione della auto-ironia involontaria quando dice che le "chiusure egoistiche" sono "destinate a fallire". Considerato che è il Presidente della Repubblica Italiana, che già a Febbraio di quest'anno era data per fallita.

mercoledì, giugno 20, 2012

Monitor a colori, gioie e dolori: Samsung EX2220

Quando ho comprato il PC nuovo ho anche acquistato un monitor LED Samsung EX2220. Era un monitor molto buono per il prezzo che ho pagato (circa 120 euro).
Problema, i prodotti di oggi hanno una qualità generale che sui momento ti sorprende ma poi falliscono nei dettagli. Nel mio caso il piedistallo. Infatti lo stelo che emerge dalla base si va ad infilare in una cerniera di plastica fissata dall'interno del monitor con due viti che coi suoi 3 millimetri di spessore e 5 centimetri di lunghezza deve sostenere il peso di circa 5kg del monitor, più gli sforzi conseguenti all'effetto leva che si sviluppa tra lo stelo e il monitor ogni volta che si prova ad orientare lo schermo.

Fatto sta che la cerniera dopo qualche mese si è rotta e il monitor stava su in equilibrio precario solo col suo peso. Ma bastava dare un urto al tavolo e il monitor si afflosciava su se stesso, per fortuna senza cadere.

Dopo un po' mi sono deciso a chiamare il Numero Verde Samsung.
La trafila è un po' meccanica e fornendo una scarica di codici diversi, ti chiedono di mandare le fotografie del danno e il fax della ricevuta d'acquisto, poi mandano un corriere a ritirare l'apparecchio (mai buttare gli imballaggi) e a riconsegnarlo una volta riparato (tra parentesi credo che abbiano anche effettuato dei test generali di funzionamento oltre riparare la cerniera). Il tutto richiede circa una settimana, quindi alla fine non mi posso lamentare della assistenza Samsung.

Però se mi legge il signor Samsung, d'accordo che l'ho pagato relativamente poco ma la cerniera non era meglio farla più robusta, che ne so, di metallo per esempio?

A margine, suggerimento per chi dovesse avere per le mani lo stesso monitor: posizionatelo a faccia in giù sul bordo del tavolo, fissate la base. E' l'unico modo per poterla infilare senza manovre complicate, grazie al fatto che stando vicino al bordo potete "andare sotto" senza fare leva.
ATTENZIONE:
Fissate anche i cavi tenendo il monitor a faccia in giù. MAI fissare i cavi col monitor in piedi sul piedistallo. Tenendolo in piedi, anche se cercate di tenerlo fermo con una mano, rischiate comunque che, spingendo in avanti per fare entrare la spina, andiate a fare leva sulla cerniera che come ho scritto è ESTREMAMENTE delicata.

domenica, giugno 17, 2012

Assicurazione

Come se non bastasse la scarica di tasse, dirette e indirette, con cui veniamo massacrati e ribadisco che l'IMU è un furto legalizzato, oggi ho pagato l'assicurazione dello scooter e rispetto all'anno scorso il premio è stato aumentato di circa il 12%. In un anno.

Si d'accordo, l'anno prossimo mi dovrò organizzare prima e valutare altri preventivi. Tuttavia io mi chiedo, dopo 12 anni che sono cliente Genialloyd e che non ho causato alcun sinistro invece di vedere il premio scendere o almeno rimanere uguale, mi tocca un aumento secco del 12%. Poi dice la crisi.

sabato, giugno 09, 2012

Ironia della Storia

Il blog di Grillo è stato messo fuori combattimento da una frangia di "hacker" del "movimento" Anonymous. Direi che dimostra la sua simpatica teoria del "Popolo della Rete" eletto dal Signore. Adesso al buon Casaleggio o chi per lui, toccherà gestire anche i rapporti con questa pseudo-organizzazione internazionale, decentralizzata ed anarchica per definizione.