sabato, luglio 21, 2012

Guru

Il Corriere ultimamente è una fonte continua di ispirazione e disperazione. Facciamoci questo giro nel gossip che mi sono stancato di profetizzare apocalissi inevitabili.

Leggo stamattina che Matteo Cambi, ex titolare del marchio Guru, dopo una vicenda giudiziaria seguita al fallimento fraudolento della Guru, è stato assunto come responsabile della "comunicazione del prodotto" dalla nuova proprietà/dirigenza della medesima azienda.
Articolo: Guru, il ritorno dell'ex


E il nostro genio del marketing dichiara:
Una certa tipologia di eventi social mondani, tutto fumo e poca sostanza (Christian Vieri, Fabio Cannavaro, Paolo Maldini ed Elisabetta Canalis, NdR), non interessano più, c'è voglia di cose genuine, di valori.
[...]
Il nuovo cliente Guru lo vedo così: vive in una città metropolitana, dove tutto si mescola, razze, culture - riprende Cambi -. È attento alla moda, ma in modo ironico, il tipo di ragazzo o ragazza che puoi incontrare in un museo di Parigi e che, fuori, ha lasciato la bicicletta.
Matteo, sono sicuro che hai già pensato ad una partnership con la Apple. Loro sono nel settore dei "fighetta" da sempre. Infatti a Milano recentemente hanno occupato un edificio vicino Brera. Il portavoce degli occupanti, che probabilmente quando non fa la rivoluzione passa le giornate nel museo di Parigi, era un perfetto "nuovo cliente" Guru e usava un bel Mac nuovo fiammante. Io farei anche un tentativo per sostituire Vieri e Canalis con Dario Fo e Franca Rame. Attenti a cosa "mescolate" però. E te sai bene di cosa parlo.

3 commenti:

  1. non tutto finisce bene, chi va al mulino s'infarina. Anche Steve Jobs è stato buttato fuori dalla sua azienda. Ogni 100o giovani uno potrebbe farcela. Occorre provarci.

    RispondiElimina
  2. Certo, occorre provare a finire in galera.
    Fatti un giro su Wikipedia, va, non devi andare tanto lontano.

    RispondiElimina
  3. Comunque ognuno può scegliersi i suoi esempi. Io non indicherei ai "giovani" il Matteo Cambi come esempio e non considero la sua storia personale e professionale come "farcela". Anzi, il senso del post è proprio il contrario.
    Mi viene ancora il dubbio di essere pazzo. Possibile.

    RispondiElimina