venerdì, luglio 27, 2012

I pagliacci della raccolta differenziata

Prego leggere questo articolo:
RAEE nuove regole dall'Europa
Sottolineo un passaggio veramente spassoso:
[...] novità introdotta dalla direttiva comunitaria, il cosiddetto ritiro "uno contro zero" per i rifiuti elettronici di piccole dimensioni. I vari distributori dovranno in sostanza provvedere al ritiro gratuito degli apparecchi anche in assenza di un prodotto nuovo equivalente (ritiro "uno contro uno"). Entro il 14 febbraio del 2014 tutti gli stati membri dovranno adottare la direttiva nei rispettivi impianti legislativi.
Ma io dico, facciamo finta di non sapere che con la normativa attuale NESSUN distributore ritira l'usato? Provate ad andare in un centro commerciale con il vostro vecchio PC, monitor, stampante, eccetera e ditegli che glielo lasciate li in ossequio alla normativa RAEE. Vi rideranno in faccia e vi inviteranno a smammare. Solo rarissimi negozietti "ti fanno il favore" di ritirare l'usato e dipende se pensano di potere recuperare qualche pezzo, altrimenti ti dicono di portare tutto in discarica per conto tuo.

Immaginatevi se la prossima normativa prevede il ritiro dell'usato anche SENZA l'acquisto contestuale del nuovo. Si faranno in quattro, i distributori. Gli stessi che adesso non ritirano nulla.

Aggiungo una postilla: se la Comunità Europea spinge gli Stati ad aumentare la quota di rifiuti elettronici riciclati, le discariche al contrario tendono a scoraggiare le consegne. Infatti le regole della discarica del mio Comune impongono dei limiti abbastanza restrittivi per la quantità di pezzi che si possono conferire gratuitamente. Al che, ditemi voi quanti fessi come me sarebbero disposti a pagare per lo smaltimento invece che scaricare tutto in una stradina isolata e buonanotte.

4 commenti:

  1. grazie Lorenzo, mi impegnerò

    RispondiElimina
  2. in ER se chiami la società che si occupa dei rifiuti, te lo vengono a ritirare.
    Il punto della raccolta differenziata è secondo me un altro: dovrebbe esserci un incentivo economico a differenziare e non solo la sensibilità personale. Se io differenzio, dovrei pagare meno (fino a niente se riuscissi a differenziare tutto) di tassa rifiuti rispetto a chi non lo fa. Da qualche parte si fa (i bidoni con le schede elettroniche, ecc.), ma il sistema non è ancora molto diffuso

    RispondiElimina
  3. Si a me non serve nemmeno essere motivato da un incentivo, mi basterebbe che non mi complicassero la vita inutilmente.
    A parte che secondo me il punto di avere delle leggi che vengono puntualmente ignorate è abbastanza pertinente alla situazione generale. Inutile dire che puoi conferire gli apparecchi dismessi presso il rivenditore di quelli nuovi quando non è vero o quando il servizio prevede un corrispettivo.
    Capisci bene che il problema non si pone tanto per i frigoriferi quanto per gli apparecchi di piccole dimensioni.

    RispondiElimina
  4. in ER ti vengono a prendere i rifiuti ingombranti per i piccoli effettivamente non saprei, a volte qualche negozio fa la promozione "riporta il tuo asciugacapelli, ecc." ma mi sembra un'eccezione e non la regola.

    RispondiElimina