giovedì, luglio 26, 2012

Spigolando

Angelino Alfano, segretario pdl, ha detto con chiarezza: «Nuove manovre con sacrifici per gli italiani per noi non esistono. Neanche se le chiede l'Europa: dobbiamo fare gli interessi degli italiani, non di tedeschi o francesi».

Sicilia, scoppia la rivolta dei deputati. In ritardo i loro 13 mila € di stipendio.
Insorgono gli onorevoli dell'Assemblea regionale: "Trattati peggio dei fornitori". Problemi anche per i dipendenti. Nel frattempo il ministro Giarda rispetto ai conti della Regione Sicilia: "Allo Stato non sono consentiti controlli di merito sull'efficienza e efficacia della spesa".

La Regione Molise gli ha dato un bonus di 13.099 euro in aggiunta allo stipendio. Peccato che Elvio Carugno sia in galera, accusato di avere rubato soldi regionali.

Misurare l'efficienza di chi dirige gli uffici pubblici. Legge 286 del 1999 che prevedeva una ricompensa aggiuntiva per i dirigenti sulla base del raggiungimento o meno degli obiettivi fissati. Risultato della misura: su 3.769 altissimi funzionari addetti alla macchina statale, quelli premiati col massimo bonus possibile erano 3.769.

Tra i dirigenti (della Regione Molise, NdR), vengono premiati anche i dirigenti della Sanità che, come spiegano i dati di pochi giorni fa, è tra le più sgangherate e indebitate, sul pro capite, della Penisola. Un dato per tutti: 2.939 euro di spesa per abitante, inferiore solo a quelle della Basilicata e del Lazio.

[...] i miei amici e io, tutti aspiranti professori ai tempi del liceo, ci siamo ritrovati intorno a un tavolo e ci siamo guardati in faccia. Tu ti sei iscritto? Io no, e tu? Neppure io. Troppo tardi, troppe poche certezze per un azzardo simile. Follia pura, pensare di raggiungere una cattedra. E dire che mia madre, a soli vent'anni, dopo aver vinto il concorso di Stato era già di ruolo.

10 commenti:

  1. ma sono notizie vere o siamo su scherzi a parte ?

    RispondiElimina
  2. buttarsi in politica e riuscirci oggi è un mestiere sicuro.Dopo averne parlato tanto non si sono ridotti di un euro lo stipendio e non è stata approvata nessuna legge per la riduzione del numero dei parlamentari e dei senatori... ci prendono per il culo. Ognuno ha il governo che si merita e noi ci meritiamo di essere governati da questi signori.

    RispondiElimina
  3. Io non vedo nessuna differenza tra i "politici" e i frequentatori del tuo blog. Comunque come ben sai ho smesso di votare tempo fa.

    RispondiElimina
  4. i frequentatori del mio blog non guadagnano 16000 euro al mese altrimenti avrebbero altre cose da bfare che commentare i miei post... magari i politici fra le braccia di qualche bella excort!

    RispondiElimina
  5. Enio a volte prima di scrivere un commento bisognerebbe pensarci un attimo.

    Prima cosa, ovviamente non si nasce "politico da 16K al mese", si diventa. E per diventarlo devi fare la gavetta dei politici, come in qualsiasi mestiere. Molti non vanno oltre il Consiglio Comunale, solo quelli con la faccia più metallica arrivano alle posizioni che contano.

    Seconda cosa, i frequentatori del tuo blog, me incluso, sono dei cretinetti, questo ti spiega perché non guadagnano i 16K e perché non hanno di meglio da fare. In generale vale per tutto Internet.

    RispondiElimina
  6. per la minetti non è stato così e per altre belle ragazze (ex veline)buttate in politica perchè simpatiche al capo sempre a 16K al mese. La cosa che fa incazzare non è che le ragazze prendano così tanto ma che li si paghi con soldi del popolo.

    per quando riguarda i commentatori del mio blog io non rispondo per quello che scrivono, ma mi fa piacere che scrivono.

    concordo con la qualità dei tuoi commenti, come quelli di carlo che bazzica il mio blog perchè ci sei tu e gli piace maledettamente contraddirti anche se non sempre condivido le sue sparate.

    per i miei post, faccio quello che posso, sono un pensionato che ha fatto sempre un mestiere: il chimico di laboratorio e non l'idraulico, altrimenti anche alla mia età avrei qualcosa da fare per passare il tempo.

    una operazione serissima al cuore mi ha stroncato la "carriera" (perchè io avrei lavorato fino a 75 anni anche gratis e mi avrebbero dovuto cacciare a pedate nel culo)e mi hanno detto che era meglio per la società se mi ritiravo. I bollini (non le marchette)li avevo tutti e mi sono ritirato in disparte.

    comunque a me piace scrivere nei blog, qualunque essi siano e mi piace spaziare dalla politica alle facezie quotidiane e gli "amici blogger" prima o poi li vado a visitare. Sono loro, forse perchè ritengono i miei argomenti "inutili" che spessso si dimenticano che mi "avevano" chiesto di unirli al mio blog... ma a me va bene così. Io non obbligo nessuno ma mi fa piacere se vengono.

    RispondiElimina
  7. Un altro post confuso.
    Per prima cosa, non esiste nessun "popolo" e tanto meno "i soldi del popolo". Tutte balle. Non esiste differenza tra pagare 16K una "ragazza" che "lavora" come consigliere regionale rispetto a pagare 16K una "ragazza" che lavora come responsabile della comunicazione dentro qualche ente parastatale o azienda partecipata. L'unica differenza è che delle seconde tu non sai niente perché non le trovi sulle prime pagine dei giornali.

    Detto questo, secondo me fornire un certo tipo di prestazioni a dei vecchi schifosi non è esattamente un gran divertimento. Per cui si tratta sempre di dura "gavetta", seppure non convenzionale. Ancora, ci sono tanti modi per dare via il posteriore e diverse cose che uno può mettere in vendita. Alla fine le "ragazze" sono meno deprecabili di tanti altri perché almeno loro vendono se stesse e non il posteriore degli altri.

    Non discuto il tuo blog.
    Ho osservato un fatto lapalissiano e cioè che se uno scrive su Internet è perché non ha di meglio da fare. Un mio conoscente una volta mi ha detto che solo gli sfigati perdono tempo coi blog. E non me la sento di contraddirlo.

    Se poi consideriamo l'insieme degli sfigati, ce ne sono alcuni che palesano crassa ignoranza, altri palesano problemi mentali, alcuni sono più interessanti, altri meno. Dipende.

    RispondiElimina
  8. Ah, quando dicevo delle "ragazze", basterebbe andare a vedere che lavoro fanno i familiari dei leader politici e dei dirigenti pubblici. Un esempio veramente a caso:
    "La sorella del sindaco di Roma Gianni Alemanno, è stata nominata a capo dell'Agenzia dal Governo Berlusconi nel 2008, dopo essere passata prima dal Secit e dai Monopoli (sempre su nomina dei Governi Berlusconi)."
    Senza andare a guardare la cloaca maxima, cioè Roma, anche qui da noi c'è stato il famoso caso Penati che come derivata ha portato alla luce il fatto che gli accordi tra imprenditori e politici regionali prevedeva la sistemazione dei parenti dentro certe aziende.
    E via via.

    RispondiElimina
  9. comma 4 del tuo post.
    quello della valutazione dei dirigenti ma non solo loro, è un punto micidiale. Ho forti dubbi che se ne verrà a capo, prima della prossima glaciazione si intende. Il punto merita un post a parte.

    RispondiElimina
  10. Secondo me invece il problema è che mano a mano che si è allargata la "forbice" tra la Spesa e le Entrate sono cambiati necessariamente i criteri di valutazione. In origine il "pubblico" doveva impiegare più gente possibile e distribuire più "favori" possibile. Quindi i "dirigenti" erano conformi a queste funzioni. Nel momento che si deve andare nella direzione opposta, cioè impiegare meno gente possibile e sostituire il "favore" con la qualità dei servizi erogati, chiaro che i dirigenti si palesano inadeguati. E' lo stesso motivo per cui in certi momenti storici le aziende statali e parastatali possono produrre qualsiasi passivo e non importa, mentre in altri momenti, con analoga gestione, vengono dismesse perché insostenibili.

    Secondo me non è un problema italiano, è più o meno lo stesso ovunque nel mondo. La sfiga dell'Italia però è che non è una vera Nazione, è una costruzione di cartapesta tenuta insieme a fatica da retorica e intrecci di interessi para-mafiosi. Quindi gli stessi problemi che hanno gli altri Paesi da noi sono moltiplicati dalla poca o nulla percezione di appartenenza ad una Nazione.

    RispondiElimina