venerdì, agosto 31, 2012

La cassa del supermercato

La cassa del supermercato è una di quei luoghi dove puoi studiare l'essere umano. Io per esempio tra i diversi tipi non sopporto le massaie che da dietro ti spingono il loro carrello nelle reni e che quando hai messo le tue cose sul nastro e aspetti che avanzino mentre il cassiere le passa sul lettore del codice a barre, creano delle piramidi inverosimili nel tentativo di disporre tutta la loro spesa sul bordo della cassa. Un paio di volte ho provato a dire "signora non è mica meglio se aspetta un attimo che si liberi la cassa, tanto non cambia niente" ma la massaia poi mi guarda come se fossi un killer seriale o un alieno, quindi ho lasciato perdere. Alcune di queste signore arrivano anche a piazzarsi davanti al cassiere mentre io metto la roba nelle borse, cosi poi devo sdraiarmi sulla cassa per pagare. Anche li, ho provato a dire "signora mi scusi ma io dovrei pagare", stesso risultato.

9 commenti:

  1. Ititolerei sopravvivenza nella giungla d'asfalto. Alla cassa tra le specie più pericolose/i sig/re/ri che con calma serafica prima dispongono con calma le vettovaglie nelle buste poi con altrettanta flemma prendono il portafoglio e ricercano accuratamente la cifra esatta. Nel mentre la cassa di fianco a già effettuato una decina di tranzazioni, ma se dici una sola parola il supermercato ti guarda come un'estremista islamico. :-)

    RispondiElimina
  2. Accidenti quanti orrori ortografici, scrivo di getto, abbia pietà di me ;-)

    RispondiElimina
  3. I browser oggi come oggi hanno il loro simpatico correttore ortografico, in tutte le lingue che vuoi.

    RispondiElimina
  4. va ancora bene se non passano davanti, basta distrarsi un secondo, è un attimo. Credo sia capitato a tutti, il finto o la finta tonta che salta la fila e si ritrova "magicamente" davanti a tutti

    RispondiElimina
  5. A me sembra meno assurdo passare davanti che fare la piramide con le scatolette sul bordo della cassa.

    RispondiElimina
  6. oggi tutti hanno una gran fretta, ma dove correranno ?

    RispondiElimina
  7. Ah quello poi è un altro discorso. Andando in giro per Milano con lo scooter vedi la gente che guida tutta incarognita. Non solo sembra che abbiano una gran fretta ma sono anche tutti arrabbiati.

    RispondiElimina
  8. gli aumenti che hanno trovato rientrando dalle vacanze non è che li fa sorridere... loro sanno che è solo l'inizio il peggio deve ancora arrivare... più che arrabbiati sono INCAROGNITI

    RispondiElimina
  9. e come classificare quelle che lasciano il carrello davanti alla cassa e poi vanno a fare il resto della spesa gridando "oddio mi sono dimenticata una cosa", poi tornano con un altro carrello?

    RispondiElimina