mercoledì, maggio 22, 2013

Chi ha occhi per vedere

Prego osservare questo video: Mani sporche di sangue
Prego notare gli spettatori belli tranquilli.
E dove si assiste a questa scena?
A Londra.

Anche questo, poverino, è un povero squilibrato come il picconatore di Milano, al quale dobbiamo chiedere scusa perché per colpa nostra ha ammazzato tre passanti. E abbracciarlo, come dice Vendola.

Jus Soli.

5 commenti:

  1. non so é lo stesso episodio di cui mi ha appena parlato la mia amica che vive a londra , ma non senso lei parla di due islamici che hanno ucciso un soldato ...
    in questo video vedo la follia dell aggressore e di chi inerme assiste.

    citi il caso italiano, orribile anche quello forse se il pazzo non fosse stato straniero sarebbe stato meno orribile ? non penso proprio. e per favore smettiamola di strumentalizzare tutto . la follia é follia e non ha nazionalità . guarda il poliziotto che ha ucciso la moglie o il figlio forse quelli non avevano lo stesso diritto alle vostre difese ? sono vittime innocenti anche loro .. ma evidentemente chi ha commesso il crimine ai vostri occhi é meno colpevole infondo é italiano

    RispondiElimina
  2. Lillina, faccio lo sforzo di spiegartelo anche se è inutile, sia perché tanto non ci arrivi, sia perché ormai è tardi per tutti noi.

    IL tizio del video dichiara:
    "nella nostra terra non siamo sicuri, non lo siete neanche voi” "non smetteremo mai di combattervi, lo abbiamo giurato su Allah"

    La differenza ovvia col poliziotto che stermina la famiglia è che il poliziotto ce l'avevamo in casa, ogni Nazione deve fare i conti con un certo numero di pazzi e di criminali.

    Mentre il picconatore, cosi come il tizio del video, sono stati importati, sono un fenomeno che CI ANDIAMO A CERCARE.

    Per essere più precisi è un fenomeno che ci viene imposto dalle elite massoniche sovra nazionali al fine di annientarci etnicamente in modo che non possiamo reagire alla globalizzazione da cui queste elite traggono immensi profitti.

    Questi tizi vengono reclutati e portati qui da una organizzazione, non appaiono dal nulla e non è un fenomeno spontaneo.

    Concludo dicendo che "vostre difese" e "vostri occhi" dimostra che ti manca qualche rotella.

    RispondiElimina
  3. sai che siamo felici per la mancanza di quella rotella se ci permette di essere diversi da coloro che l hanno in più e la usano male ?
    personalmente mi permette di farmi scivolare via le tue offese gratuite !
    mi permette anche di non dare dell idiota a chi non la pensa come me .
    mi permette anche di rivolgermi alle persone con rispetto anche quando queste non lo fanno con me .
    vedi se tu fossi nato nero per me restavi ugualmente poco gradevole quando dici certe cose.

    RispondiElimina
  4. Non ci sono offese gratuite, solo l'osservazione che esprimi luoghi comuni, cioè dei pensieri che qualcun altro ti ha confezionato e che tu ti limiti a ripetere meccanicamente e contro l'evidenza dei fatti.

    C'è tutto un sistema che fabbrica le persone cosi, è sempre funzionale al renderle schiave.

    Non è nemmeno questione di "rispetto", che il rispetto bisogna meritarselo. E' questione di tristezza, della constatazione che con queste premesse non possiamo fare niente di diverso da quello che facciamo. E cioè siamo un popolo destinato alla schiavitù.

    Tu non vuoi capire una cosa fondamentale: se nasci nero, nasci in Africa. Te forse sei un po' confusa coi film e la televisione e credi che l'Italia sia come gli Stati Uniti e che ci siano gli schiavi al lavoro nei campi di cotone.

    Nasci in Africa e poi una certa organizzazione sovranazionale diretta da poteri occulti ti prende e ti porta in Italia, dove entri senza documenti e senza permesso, quindi in violazione della Legge. Invece di essere prontamente arrestato ed espulso, si aspetta che ce ne siano abbastanza come te da potere giustificare una "sanatoria" periodica, con la quale si da un permesso di soggiorno gratuito a tutti gli immigrati illegali presenti in quel momento. Questa prassi, oltre ad essere funzionale agli scopi della organizzazione di cui sopra, ovviamente autorizza qualsiasi immigrato senza documenti e permesso a richiedere lo stesso trattamento di quelli arrivati prima di lui, il che significa l'abolizione delle leggi che regolano l'ingresso in Italia.

    Ad un certo punto, dopo che ci sono MILIONI di immigrati illegali, "giustificati" dalle sanatorie, si comincia a inventare la barzelletta che siano italiani, che siano da secoli in Italia e che facciano parte del paesaggio, come i neri americani. Per cui diamo a tutti la cittadinanza italiana, sono Italiani come gli altri. E caspita, se nei film americani c'è il capo della Polizia nero, vuol dire che è normale, che lo dobbiamo avere anche noi.

    Vedi un po', quando i miei antenati pensarono alla guerra di indipendenza dall'Austria il cancelliere austriaco Metternich disse: «La parola Italia è una espressione geografica, una qualificazione che riguarda la lingua, ma che non ha il valore politico che gli sforzi degli ideologi rivoluzionari tendono ad imprimerle."

    Nell'anno di grazia 2013 siamo arrivati al punto che gli Italiani gli stanno dando ragione.



    RispondiElimina
  5. Dal mio punto di vista un paese serio deve avere il controllo sulle persone che entrano, l'immigrazione va controllata, è inutile far entrare migliaia di persone quando non c'è ne abbastanza neanche per noi, poi in generale quando parli di questi temi vieni facilmente etichettato come "razzista", ma non ha nulla a che fare con il colore della pelle, si tratta di avere regole precise, in america ti prendono le impronte digitali quando entri, qui puoi circolare anche senza documenti. Nel caso specifico addirittura si parla di terrorismo, ma tanto non conosciamo di persona il militare morto e chi se ne frega. A margine, sento parlare in continuo di disoccupazione giovanile, poi vado in una pizzeria e trovo egiziani, vado in un bar e ci sono cinesi che preparano il caffè, mi viene il falegname in casa a montarmi la cucina ed è siriano, qualcosa non mi torna.

    RispondiElimina