giovedì, ottobre 03, 2013

Anche se non serve a niente, meditate

Articolo di Repubblica:
La tratta dei migranti - il nuovo business dalla Siria

Per favore, fermatevi a riflettere. Nell'articolo si cerca di vendere l'idea che delle "bande di trafficanti" gestiscano in maniera "amatoriale" tutta la logistica necessaria a trasportare migliaia di persone da un capo all'altro del Mediterraneo. E seguendo diverse tratte, via terra e via mare, che interessano tappe in due o tre Nazioni differenti. Fermatevi anche a pensare di che cifre stiamo parlando, rapportate al potere d'acquisto nelle regioni di provenienza dei "migranti".

E se pensiamo ai "migranti" provenienti da Somalia ed Eritrea, vi invito a guardare su un atlante e pensare quante possibilità ci sono che donne incinte e bambini possano muoversi con mezzi di fortuna attraverso una simile distanza per arrivare a morire sulle coste della Sicilia.

Se credete che sia un "fenomeno spontaneo" e al "barcone" con gli "scafisti", allora credete a Babbo Natale.

3 commenti:

  1. secondo me è incominciata la conquista del mondo occidentale da parte dell'Islam e fra una decina d'anni i nuovi datori di lavoro saranno cinesi o arabi.... se ogni immigrato genera un numero di figli pari a tre a testa fra un pò saranno una maggioranza e noi una "vecchia" minoranza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ti sbagli, non è cominciata: ormai è in dirittura d'arrivo. Se giri per youtube trovi un'infinità di video girati in città europee, con intimidazioni pesantissime ai cittadini europei che cercano di vivere la propria vita di sempre, e non gli è più consentito. Hai letto "Eurabia" di Bat Ye'or? Il programma di colonizzazione è documentato a partire dagli anni Settanta.

      Elimina
    2. Scardinare i presupposti perché gli Europei possano vivere la "vita di sempre" è esattamente lo scopo che le elite mondialiste si prefiggono.

      Inoltre, è anche lo scopo che si prefiggono le "sinistre" di impostazione marxista perché per loro è solo un altro modo per abbattere la società borghese e in ultima analisi anche la Chiesa perché tutte le strutture "laiche" (dal greco, che appartengono al popolo) sono un ostacolo e una perversione dai tempi dei guelfi e dei ghibellini.

      Quindi, davanti a questo po po di schiaramento di forze e di idelogie, noi poveri cristi siamo condannati. E ci tocca anche la beffa della propaganda masochistica che impazza sui media.

      Elimina