giovedì, ottobre 10, 2013

Grillo e Casaleggio andate a ramengo

Sostituirsi all'opinione pubblica, alla volontà popolare è la pratica comune dei partiti che vogliono "educare" i cittadini, ma non è la nostra. Il M5S e i cittadini che ne fanno parte e che lo hanno votato sono un'unica entità. Nel merito questo emendamento è un invito agli emigranti dell'Africa e del Medio Oriente a imbarcarsi per l'Italia. Il messaggio che riceveranno sarà da loro interpretato nel modo più semplice "La clandestinità non è più un reato". Lampedusa è al collasso e l'Italia non sta tanto bene. Quanti clandestini siamo in grado di accogliere se un italiano su otto non ha i soldi per mangiare?". Beppe Grillo, Gianroberto Casaleggio
Dal blog di Grillo: Reato di clandestinità

R I D I C O L I.
Prima mettete in piedi un circo che si fonda su una serie di dogmi paradossali, tipo "mandiamoli tutti a casa", "democrazia diretta", un programma tipo "W la figa", nonchè l'idea che la connessione ad Internet trasformi qualsiasi pirletta come me in un genio e moralmente integerrimo. La mettete in pratica sapendo di avere un elettorato e una "militanza" affine alla "sinistra vendoliana" e di avere mandato in Parlamento gente senza arte ne parte che ha trovato il modo di fare carriera politica e costruire il palazzo a Parco della Vittoria Senza Passare Dal Via e poi avete la faccia di scrivere "oops, stavamo pulendo il bottone per votare al Senato e ci è scappata qualche numero di volte questa quisquilia del reato di clandestinità". E' semplicemente la dimostrazione che siete INADEGUATI.

Con questo non voglio dire che siete peggio del PD catto-comunista con intorno la galassia di fenomeni da baraccone o del fu-PDL, un mero coacervo di interessi attorno a Berlusconi. Voglio dire che il vostro Movimento nella migliore delle ipotesi è irrilevante ma più facilmente è controproducente. Sbagliato nelle premesse e nella attuazione.

Chiudo dicendo che ovviamente il problema non è QUANTI ne possiamo accogliere ma il fatto che con lo slogan "siamo tutti clandestini" semplicemente si introduce il concetto che essere Italiani o Eritrei o Siriani è perfettamente uguale, siamo tutti essere umani con gli stessi "diritti" e, dato che come dice la Kyenge "la terra è di tutti", l'Italia non appartiene agli Italiani, appartiene a tutti. Non abbiamo la facoltà di scegliere chi invitare e chi no, perché l'Italia non è casa nostra, è terra di tutti e quindi di nessuno. Chiunque, in quanto essere umano, può andare e venire a piacimento.

Grillo e Casaleggio, siamo alla frutta. Grazie per essere parte del problema.

4 commenti:

  1. grillo e casaleggio andranno a ramengo alle prossime elezioni, sono stati un bluff

    RispondiElimina
  2. Grillo e Casaleggio riempono un vuoto che esiste a prescindere da loro, esattamente come il PDL riempe il vuoto che in altre Nazioni è il campo dei "conservatori" e che in Italia da sempre non è rappresentato.
    Il problema nella mia modesta opinione è che Grillo e Casaleggio non sono in assonanza con il loro stesso movimento, infatti propongono un "ribellismo" che in Italia è tradizionalmente monopolio della "sinistra", soprattutto nella sua veste extra-parlamentare o movimentista ma personalmente loro due sono più affini ad un certo proto-fascismo. Per cui la situazione è che Grillo e Casaleggio devono cavalcare una tigre che minaccia di mangiarseli da un momento all'altro.

    RispondiElimina
  3. ci sono segni evidenti con la Bossi-Fini, loro vogliono il casino ma qualche senatore vuol fare qualcosa di concreto, abolire il reato di clandestinità.Può succedere di tutto adesso.

    RispondiElimina
  4. Mi piace l'espressione "fare qualcosa di concreto".
    L'unico problema è che concretamente puoi fare qualsiasi cosa, da andare in giro scalzo a predicare l'amore universale alle fosse comuni.

    RispondiElimina