giovedì, marzo 27, 2014

Come rimpiazzare Windows XP dopo 8 Aprile

Il giorno 8 Aprile 2014 Microsoft terminerà il supporto per Windows XP. Niente vi obbliga a prendere provvedimenti immediati ma diventerà via via più difficile adoperarlo. A quel punto avete due opzioni o comprate un nuovo PC con l'ultima versione di Windows oppure sostituite Windows XP con una distribuzione, cioè una variante, di Linux. L'installazione di Linux paradossalmente è più facile di quella di Windows perché in un solo passaggio vi installa il sistema, i driver e una selezione dei programmi più usati. L'unico problema può venire da qualche periferica per cui il supporto dei relativi driver è carente ma è una cosa infrequente. Un altro vantaggio è che tutti i programmi di cui potete avere bisogno sono gratuiti e si installano scaricandoli via Internet da un "repository", cioè un server pre-configurato. Vi rimando alle guide per le istruzioni.

Elenco le alternative migliori secondo me per l'uso su PC datati.
Per sistemi con 512 Mega di RAM o di più:
Xubuntu
Point
Per sistemi con meno di 512 Mega di RAM:
Lubuntu
Debian* - (scegliete XFCE o LXDE)
Bodhi*

Tutte queste distribuzioni condividono gli stessi fondamenti quindi gli strumenti e le conoscenze di una sono valide anche per le altre, al netto di alcuni dettagli. Sono sistemi completi che vi permettono di fare più o meno le stesse cose che si possono fare con Windows XP. Le istruzioni per la installazione le trovate nei rispettivi siti.

Come potete indovinare dagli screenshot, usare un sistema Linux è più o meno uguale ad usare un sistema Windows, le convenzioni fondamentali sono le stesse, i menu e i comandi base li trovate negli stessi posti e i programmi si assomigliano. Le differenze sono nella manutenzione e nella configurazione ma si risolve con la documentazione e la buona volontà. Del resto la maggior parte della gente usa Windows senza sapere come si gestisce.

* Nota: Debian e Bodhi hanno un approccio volutamente minimale. Questo significa che al termine della installazione se non vi soddisfa il sistema di base dovrete aggiungere le cose che mancano ed eventualmente modificare le opzioni come sfondi, temi, barre, eccetera. E' tutto documentato, richiede solo un po' di buona volontà.

martedì, marzo 25, 2014

Se qualcuno sperava in Renzi, eccovi serviti



Sarebbe da ridere se non fossimo con l'acqua alla gola.
Leggo dal sito del Corriere:
Non esuberi, ma 85 mila prepensionamenti
Ma quali saranno a grandi linee le novità della riforma della Pubblica amministrazione? Il ministro Madia rassicura la sua platea sui famigerati 85 mila che dovrebbero «uscire» dagli uffici pubblici: non si tratta di esuberi («Una terminologia assolutamente sbagliata e distorta anche rispetto al piano Cottarelli»), spiega il ministro, ma di prepensionamenti. «L’idea sarà quella di provare ad avere delle uscite anche con dei prepensionamenti -ha continuato il ministro- ma, tutto questo, per reimmettere energie nella P.a. quindi aiutare i giovani a entrarvi».
Quindi l'astuto piano di "spending review" consiste nel pagare la pensione anticipata a 85 mila "anziani in esubero" e pagare anche lo stipendio ad un numero imprecisato di "giovani in esubero" che li sostituiscano. Lo ammetto, non sono un genio della matematica ma mi sembra di ricordare che sommando due interi si ottenesse un intero più grande. Ma si, dai, prepensioniamo ed assumiamo altri statali, tanto poi basta aumentare le tasse. Come dite? Le pensioni degli statali hanno scavato una voragine nell'INPS? Pazienza, qualcun altro si accollerà il debito.

Intanto, Italiani...
Votate PD, è una garanzia, non delude mai.

Nella foto: "giovani in esubero" che festeggiano il proprio ingresso nella Pubblica Amministrazione sotto lo sguardo benevolo dei "vecchi in esubero" pre-pensionati, sindacalisti della CGIL e le effigi degli eroi immortali del Socialismo.

Ed eccovi anche la musica (non perdetevi il video) che celebra l'evento: Primo Maggio

mercoledì, marzo 12, 2014

Come rimuovere virus, spyware e malware dal PC

Ve la faccio breve:
Ci sono due modi per "pulire" un PC da eventuali software malevoli. Un modo semplice e veloce ma meno efficace e sicuro e uno più complicato ma che garantisce migliori risultati. La differenza consiste nel fatto che nel primo caso andremo a "pulire" il PC mentre il software malevolo è in funzione sul PC, quindi è in grado di interferire con le operazioni di "pulizia", nel secondo caso invece avvieremo il PC da un CDROM, senza caricare Windows e nessun altro software dal PC "infetto" e in questo modo impediremo al software malevolo di interferire.

La procedura rapida consiste nello scaricare sul PC da "pulire" questo strumento di Microsoft:
Microsoft Safety Scanner.

Una volta scaricato basterà cliccarci sopra per attivarlo, non è necessaria nessuna installazione. Lo strumento è completamente automatico, dovete solo selezionare la "scansione completa" e lui provvederà ad esaminare il contenuto del PC e a rimuovere il software malevolo, presentandovi un rapporto sulle minacce rilevate e su cosa è riuscito a rimuovere oppure no.

La procedura più sicura
ed efficace consiste nello scaricare su un altro PC, ovviamente "pulito", questo strumento di Microsoft:
Windows Defender Offline
ATTENZIONE: lo ripeto, un altro PC, non quello da "pulire".

Si tratta della immagine di un CDROM avviabile. Una volta scaricata l'immagine, procedete a masterizzare il CDROM. Prendete il CDROM, lo inserite nel PC "infetto" e riavviate il PC. I PC di solito sono impostati per avviarsi dal CDROM se ne trovano uno, altrimenti dovete andare nelle impostazioni del BIOS e abilitare questa opzione. Anche qui, una volta avviato il CDROM selezionate la scansione completa e seguite la procedura che è automatica. Rispetto alla prima procedura questa è molto più efficace, sopratutto rispetto ai software malevoli più sofisticati.

Ulteriori suggerimenti:
1. Prima di procedere assicuratevi di avere un disco di installazione di Windows. E' l'unico modo per ripristinare un sistema danneggiato in maniera tale che non si riavvia più.
2. Copiate tutte le cose che volete salvare su un hard disk esterno, collegato via USB.
3. Entrambi gli strumenti di cui sopra producono un rapporto delle operazioni compiute. Salvate il rapporto oppure scrivetevi a mano il nome delle minacce rilevate. Questo può servire nel caso si debba procedere ad ulteriori passi di rimozione o di ripristino del sistema.

domenica, marzo 09, 2014

Dai, facci vedere

Se non ci ascolta (Renzi, N.d.R), se le richieste avanzate dal sindacato su lavoro e fisco non saranno accolte e si andrà in direzione contraria, siamo pronti alla mobilitazione.

Il segretario della CGIL, Susanna Camusso.
Caspita, l'universo tutto trema davanti alla prospettiva della mobilitazione della CGIL. Chissà a quali eventi inauditi assisteremo. Scioperi del pubblico impiego, cortei di pensionati, qualche skuola okkupata? Mamma mia che paura. Vorrei dire che il sindacato è una delle ragioni per cui l'Italia affonda ma sarebbe inutile, ormai gli Italiani con due neuroni in testa lo sanno, per gli altri non c'è speranza.

venerdì, marzo 07, 2014

Flop del sito Corriere

Il nuovo sito del Corriere è inguardabile.

In sostanza è una griglia di riquadri senza alcun costrutto con un guazzabuglio di immagini e titoli in tre o quattro font differenti, con troppo spazio bianco attorno.

Per esperienza so che questo tipo di pagine sono il prodotto delle direttive che arrivano dal management della azienda, management che non ha alcuna competenza riguardo il Web. E questo problema non può che aggravarsi mano a mano che avanza la "generazione mobile", una categoria di persone che del Web ha solo la idea ridotta e semplificata che gli può venire da un tablet o uno smartphone. Poi c'è anche il caso che il management di turno, invece di affidarsi a onesti mestieranti del settore, abbia affidato la "direziona artistica" a qualche sedicente "guru" della comunicazione e del Web design. Fa parte di quel mondo centripeto, una corte dei miracoli barocca.