mercoledì, marzo 12, 2014

Come rimuovere virus, spyware e malware dal PC

Ve la faccio breve:
Ci sono due modi per "pulire" un PC da eventuali software malevoli. Un modo semplice e veloce ma meno efficace e sicuro e uno più complicato ma che garantisce migliori risultati. La differenza consiste nel fatto che nel primo caso andremo a "pulire" il PC mentre il software malevolo è in funzione sul PC, quindi è in grado di interferire con le operazioni di "pulizia", nel secondo caso invece avvieremo il PC da un CDROM, senza caricare Windows e nessun altro software dal PC "infetto" e in questo modo impediremo al software malevolo di interferire.

La procedura rapida consiste nello scaricare sul PC da "pulire" questo strumento di Microsoft:
Microsoft Safety Scanner.

Una volta scaricato basterà cliccarci sopra per attivarlo, non è necessaria nessuna installazione. Lo strumento è completamente automatico, dovete solo selezionare la "scansione completa" e lui provvederà ad esaminare il contenuto del PC e a rimuovere il software malevolo, presentandovi un rapporto sulle minacce rilevate e su cosa è riuscito a rimuovere oppure no.

La procedura più sicura
ed efficace consiste nello scaricare su un altro PC, ovviamente "pulito", questo strumento di Microsoft:
Windows Defender Offline
ATTENZIONE: lo ripeto, un altro PC, non quello da "pulire".

Si tratta della immagine di un CDROM avviabile. Una volta scaricata l'immagine, procedete a masterizzare il CDROM. Prendete il CDROM, lo inserite nel PC "infetto" e riavviate il PC. I PC di solito sono impostati per avviarsi dal CDROM se ne trovano uno, altrimenti dovete andare nelle impostazioni del BIOS e abilitare questa opzione. Anche qui, una volta avviato il CDROM selezionate la scansione completa e seguite la procedura che è automatica. Rispetto alla prima procedura questa è molto più efficace, sopratutto rispetto ai software malevoli più sofisticati.

Ulteriori suggerimenti:
1. Prima di procedere assicuratevi di avere un disco di installazione di Windows. E' l'unico modo per ripristinare un sistema danneggiato in maniera tale che non si riavvia più.
2. Copiate tutte le cose che volete salvare su un hard disk esterno, collegato via USB.
3. Entrambi gli strumenti di cui sopra producono un rapporto delle operazioni compiute. Salvate il rapporto oppure scrivetevi a mano il nome delle minacce rilevate. Questo può servire nel caso si debba procedere ad ulteriori passi di rimozione o di ripristino del sistema.

2 commenti:

  1. l'HD esterno ormai è la prassi per salvare i dati importanti.L'ho messo su dopo che avevo dovuto riinstallare Windows Xp per la seconda volta a causa di virus maltolti e di pezzi di programma fatti fuori per rimuoverli. Comunque concordo con i suggerimenti proposti nel tuo post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho omesso il terzo passaggio.

      Dopo la procedura rapida (safety scanner) e la procedura lenta (windows defender offline) c'è la procedura radicale.

      In sostanza chi ha un sistema Windows XP e Windows Vista ed è facilmente soggetto alle "infezioni", dovrebbe sostituire Windows con una distribuzione Linux.
      Ci sono parecchi vantaggi tra cui la disponibilità di software "gratuito" che viene distribuito da una sorgente "sicura" (quindi non si installa niente di dubbia provenienza), il fatto che esiste una netta separazione tra le procedure eseguite come semplice utente e quelle eseguite come "root", cosa che limita parecchio le possibili infezioni.
      L'unico svantaggio reale è che bisogna abituarsi ad usare un ambiente leggermente differente.

      Elimina