lunedì, aprile 14, 2014

Notiziola scritta in piccolo nell'angolino basso: il Debito aumenta

Il debito delle Amministrazioni pubbliche è aumentato in febbraio di 17,5 miliardi, raggiungendo un nuovo massimo storico a 2.107,2 miliardi.
Articolo del Corriere

Meno male che c'è la "spending review".
Ma del resto questi sono gli anni dei "sacrifici", del "rigore", della "austerity" e delle "politiche di destra e ultraliberiste".

Intanto in prima pagina c'è il solito repertorio di "il declino di Berlusconi", le bellezze della "cultura multi-etnica", gli imprescindibili "diritti delle minoranze", "marito uccide moglie a martellate", matrimoni e fecondazioni tra vegetali e minerali, insomma le cose che contano davvero per gli Italiani.

A margine, un'altra notiziola che va nell'angolino in basso è che la Marina Militare imbarca e porta in Italia una media di mille "migranti" al giorno. Se fate il calcolo in cinque mesi da maggio a settembre sono circa 150.000 stranieri che arrivano senza documenti, permessi, controlli sanitari (vengono da regioni dove malattie come la Poliomielite sono ancora endemiche) e ai quali poi bisogna dare vitto e alloggio e possibilmente una occupazione.

4 commenti:

  1. Proprio oggi stavo girando un po' su internet per vedere se trovavo qualche giornale che non fosse solo gossip ma non ho trovato nulla. L'importante è parlare di cazzate da bar e tacere o nascondere il più possibile le notizie che davvero ci influenzano la vita di tutti i giorni.

    RispondiElimina
  2. Beh, le notizie influenzano tutti nello stesso modo.

    I milioni di Italiani che vivono di assistenzialismo non sono tanto preoccupati dall'aumentare del debito, quanto delle eventuali misure che potrebbero contenerlo.

    Gli stessi Italiani non sono preoccupati dalla sproporzione del prelievo fiscale, quanto speranzosi che questo aumenti ancora al fine di sostenere la spesa che gli da da mangiare.

    E poi gli "organi di informazione" rispondono a chi li finanzia. E loro stessi sono assistiti tramite l'insopportabile "contributo pubblico per l'editoria". In sostanza noi siamo costretti a finanziare chi ci mente e ci riempe di panzane allo scopo di perpetuare l'attuale stato di cose.

    RispondiElimina
  3. ci penserà Renzi a finirci di rovinare, vedrete

    RispondiElimina
  4. Dubito che Renzi faccia qualche differenza.

    RispondiElimina