lunedì, maggio 05, 2014

Guida installazione Debian e risoluzione problemi

Ovviamente è una guida della serie un muto che dice ad un sordo che un cieco li sta spiando.

Allora, per prima cosa esaminiamo le ragioni per usare Debian invece di una distribuzione più "fica". La ragione è una sola, la necessità di installare Linux su un computer datato in sostituzione di Windows XP. Di solito questo significa due cose, poca RAM per le distribuzioni più "fiche" e la necessità del supporto di componenti hardware vecchi invece dei più recenti.

Debian viene in tre versioni, "stabile", "testing" e "instabile". Per semplicità consideriamo solo la versione "stabile". Per risparmiare sulla RAM installeremo LXDE, cioè il "desktop environment" che consuma meno risorse dei quattro offerti per default (Gnome, KDE, XFCE, LXDE). Scarichiamo la versione "network install" cioè un CD minimale di circa 200Mega, poi avviamo il PC, scegliamo dal menu la voce "avanzato" e selezioniamo LXDE, poi procediamo con "installa". L'unica parte a cui bisogna prestare attenzione è il momento in cui bisogna decidere in quale partizione installare Debian. La cosa più semplice è avere dello spazio vuoto sul disco e scegliere "usa lo spazio vuoto disponibile". Altrimenti vi suggerisco di leggere la documentazione per capire come muovervi tra le partizioni. Alla fine della installazione Debian vi dirà che ha rilevato un altro sistema operativo (Windows XP) e procederà a configurare il boot loader per avviare o uno o l'altro da un menu.

Finita la installazione cominciano le grane.
1. hardware e firmware.
Vi mancano i driver per uno o più componenti hardware. Nel mio caso, vedo un errore durante l'avvio che riguarda la scheda video ATI-Radeon e devo connettere un adattatore wireless esterno D-Link. Avremo uno di questi due casi:
- serve un firmware non-free. Se è necessario per l'installazione allora dovete usare un CD apposito che contiene anche i firmware non-free, altrimenti lo potete aggiungere in seguito abilitando i repository non-free, aprendo il terminale e facendo prima "apt-get update" e poi "apt-get install linux-firmware linux-firmware-nonfree".
Leggete qui: Firmware
E qui: ATI howto

- serve un kernel più recente per supportare il firmware in questione. In questo caso le cose si complicano perché dovete installare il backport del kernel e del firmware. I backport sono delle versioni più recenti di un software che vengono "compilate all'indietro" in modo che si possano installare sulla versione "stabile" di Debian. Anche qui si tratta di abilitare il repository dei backport, aprire il terminale e usare "apt-get". Ovviamente la procedura è identica ma cambia il package da installare a seconda del firmware che vi serve, nel mio caso Atheros.
Ecco la guida: Atheros AR5523 devices

2. non vi funziona il touchpad.
Fa ridere ma per default il "tapping", cioè il tocco, è disabilitato. Dovete andare in "/usr/share/X11/xorg.conf.d", editare come root il file del touchpad (nel mio caso "50-synaptics.conf") e aggiungere la riga [Option "TapButton1" "1"] senza parentesi quadre alla sezione [Section "InputClass"].

3. non vi funzionano i tasti del volume, nel mio caso "fn+freccia su e giù".
Dovete prima controllare se i tasti sono correttamente mappati aprendo il terminale e facendo "xev". Quando cliccate il tasto o i tasti vi esce un messaggio. Se sono mappati correttamente, cioè premendo "fn+freccia" esce "XF86AudioRaiseVolume", allora dovete andare in "/home/[vostro utente]/.config/openbox" ed editare il file "lxde-rc.xml", aggiungendo alla sezione "keyboard" questo blocco che passa i comandi ad Alsamixer:
<!-- Keybinding for Volume management -->
<keybind key="XF86AudioRaiseVolume">
<action name="Execute">
<command>amixer -q sset Master 3%+ unmute</command>
</action>
</keybind>
<keybind key="XF86AudioLowerVolume">
<action name="Execute">
<command>amixer -q sset Master 3%- unmute</command>
</action>
</keybind>
<keybind key="XF86AudioMute">
<action name="Execute">
<command>amixer -q sset Master toggle</command>
</action>
</keybind>

Per ora basta cosi, segue una prossima puntata.

6 commenti:

  1. Il tutto è già sufficiente a scoraggiarmi... Una volta mi reputavo (ed ero) un utente abbastanza smart, ora sono sempre più pigro e perdo fin troppo tempo con le cose che già dovrebbero funzionare di loro.
    Credo si chiami "invecchiare" :-D

    RispondiElimina
  2. Più che invecchiare è questione di avere tempo da perdere oppure avere di meglio da fare.

    RispondiElimina
  3. troppo complicato per me; non ho capito neanche di cosa si sta parlando e me ne scuso...

    RispondiElimina
  4. Guarda che è complicato per chiunque e nessuno capisce di cosa si tratta finché non ci sbatte contro.

    Ma non farti impressionare, ci sono modi per fare la stessa cosa in maniera più semplice. E' come guidare un'auto, cambiare l'olio o cambiare la frizione, eccetera, sono cose differenti, di difficoltà differenti e non è necessario saperle fare tutte.

    RispondiElimina
  5. forse non è il post giusto, ma già che ci sono una domanda: esistono soluzioni software anche per gli smartphone che oramai hanno dato il collo o, in quel caso, bisogna rassegnarsi e comprarne uno nuovo?
    Poiché il mio portatile, col suo vecchio vista (cui ho affiancato Linux) ancora un po' va, ma il cellulare sembra senza speranze (mi hanno detto che sono le app aggiornate che lo mandano in tilt, ma se non tengo le app, tanto vale prendere un telefono base).

    RispondiElimina
  6. Premesso che mi intento poco di smartphone perché mi stanno sulle scatole, per i dispositivi Android in teoria esiste il modo di svincolarsi dai limiti imposti dal rivenditore installando una diversa versione del sistema operativo.
    Guarda qui: http://www.cyanogenmod.org/

    Il discorso delle "app" è un po differente. Infatti, dato che sono distribuite da uno "store", il titolare dello "store" può decidere cosa puoi o non puoi installare sul tuo dispositivo. Il concetto dei tablet e degli smarthphone è radicalmente diverso da quello del PC, sono pensati come "terminale" di servizi, quindi l'uso che ne fai dipende da chi ti fornisce i servizi.

    RispondiElimina