sabato, giugno 14, 2014

Dedicato a tutti coloro che hanno pagato le tasse

In occasione della scadenza di Giugno, in cui tutte noi pecore ci rechiamo nelle sedi preposte per farci tosare, vedi alla voce "dichiarazione dei redditi", vi invito a leggere il testo in rosso nel riquadro sulla destra. Beee, beee, bela la pecora.

20 miliardi al mese di ulteriore indebitamento.

11 commenti:

  1. Siamo un popolo di pecore: andando a votare, lasciando in vita i nostri politici per la più parte corrotti, e chi non lo è come minimo è un mangiapane a tradimento... e pagando le tasse.
    In un tuo commento da me citavi il "libero arbitrio" che il Padreterno ha concesso agli umani. Se non pagassi le tasse, come invece faccio da pecorone, pensi che all'Agenzia delle Entrate del libero arbitrio ne sappiano qualcosa?
    No, perché nel se un domani mi mandassero cartelle ingiuntive di pagamento, o Equitalia a morsettarmi la macchina, mi piacerebbe aprire il discorso del libero arbitrio, magari con la speranza che mi diano retta.

    RispondiElimina
  2. E comunque togli 'sto cazzo di captcha: non è possibile che per mettere due parole di commento devo ripetere per quattro volte quegli scarabocchi illeggibili. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .evivva finalmente qualcuno lo ha detto di togliere quel cazzo di captcha ...che non serve ad un cazzo aggiungo io..grazie gatto :)

      Elimina
    2. Non sono conosciuto per essere tollerante. Come da relativo post precedente, ho aggiunto la verifica per bloccare il diluvio di spam che mi obbligava a cancellare centinaia di commenti ogni giorno. Il captcha serve, serve esattamente a quello scopo.

      Faccio altresi persente che ci sono due "cazzo" in una riga ed è un sintomo.

      Elimina
  3. La Agenzia delle Entrate non ti ama.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque il problema che vorrei sottolineare non è che paghiamo le tasse e nemmeno che ne paghiamo troppe. Il problema è che vanno sprecate e siccome non gli basta ancora, stanno firmando cambiali a nome nostro. Al momento ogni singolo italiano, inclusi i neonati, ha circa 35mila euro di debito.

      Elimina
  4. i governi di sinistra sono di solito i più spendaccioni e Renzi non fa eccezione... parlano di ridurre le spese inutili ma il debito continua a salire a livelli sempre impensabili ormai le tasse servono a mala pena a pagare gli interessi dei soldi malspesi in questi anni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La soluzione ce l'hanno pronta: prelievo forzoso dai nostri conti correnti del 10%.

      Elimina
    2. I soldi del prelievo forzoso glieli posso consegnare sotto forma di comodi proiettili di vario calibro...

      Elimina
    3. Eh Giulio, non è escluso che prima o poi ci si arrivi, continuando ad affondare di questo passo. Ti basti pensare che i miei due nipoti poverini vanno ancora all'asilo ma devono già restituire un debito di 70.000 euro.

      Intanto ci siamo beccati l'aumento dell'aliquota sulle cosiddette "rendite finanziarie" fino al 26% a partire da questo mese. Solo i Titoli di Stato rimangono al 12.5%.

      Elimina