lunedì, luglio 28, 2014

Chi è senza peccato scagli l'Unità

Ah, l'ironia della Storia.
Prego leggere questo articolo: Adesso Renzi paghi il debito dei DS
Più tempo passa e più la cosiddetta "sinistra" mi fa vomitare.
La definizione più adatta che mi viene in mente è il "sepolcro imbiancato" dei Vangeli.

domenica, luglio 20, 2014

Via dei Grassi Lunghi

Un'altra avventura degli Escursionisti per Caso.
Family edition.

Stavolta si tratta del Rifugio Antonietta al Pialeral, quota 1400 circa, ci si arriva imboccando una stradina che si trova sulla sinistra venendo da Ballabio, dopo il distributore Tamoil e subito prima dello spaccio di alimentari che non potete non conoscere se percorrete la statale della Valsassina.

La strada è carrozzabile e facilmente percorribile da chiunque, anche i bambini, solo l'ultimo tratto prima del rifugio è appena più impegnativo. Ci sono varie abitazioni e due agriturismo. Dal rifugio si possono raggiungere altri rifugi percorrendo una rete di sentieri più in alto. Noi abbiamo preso verso sinistra e ci siamo addentrati in una valle molto scenografica di cui però non conosco il nome.

Volendo al rifugio si arriva con un altro sentiero anche partendo dal centro del comune di Pasturo. Consiglio, se ci andate durante un giorno festivo il rifugio sarà strapieno come un ristorante quindi vi toccherà fare la fila fuori per aspettare che si liberi un posto a tavola. Quindi vi suggerisco di portare un panino per sicurezza.


Il vostro affezionato, Lato B


Agriturismo prima del rifugio


Salendo, lato sinistro (sotto scorre il torrente Pioverna)


La valle incantata, 100 metri circa sopra il rifugio


Caverne e sulle balze nidificano i rapaci


Marmotta di sentinella

Fotografie di Giuseppe Sudano

Nota a margine: una cosa che mi impressiona sempre è che sulle nostre montagne non c'è praticamente un metro che non sia stato toccato dalla mano dell'uomo. Ovunque guardi trovi il segno di una presenza, vecchia di giorni o di secoli. Muretti, sentieri, ruderi, alberi da frutto, fonti, abbeveratoi, baite vive o abbandonate. Non mi dispiace, mi fa apprezzare l'incredibile lavoro degli antenati, a volte difficile da capire con la mentalità di oggi.

lunedì, luglio 07, 2014

Le compagnie telefoniche sono uno schifo

Prego leggere attentamente questo articolo:
Nei servizi automatici i costi nascosti per i clienti Tim e Vodafone
... le nuove gabelle saranno attivate automaticamente su tutte le utenze e spetterà all'utente il compito di disdire il servizio neppure richiesto
Spadroneggiano nell'indifferenza generale. Siamo cosi abituati a pagare senza fiatare che ormai non ci facciamo più caso.

Sveglia!
Up patriots to arms, Engagez-Vous...

Riassumo, disattivate questi servizi.
Per chi ha TIM, chiamare il 40920, poi premere 0 e poi premere 1.
La voce confermerà che la richiesta di disattivazione è stata presa in carico e vi dirà che a fini promozionali potete usare il servizio gratis per un mese, poi sarà disattivato.

mercoledì, luglio 02, 2014

Il discorso del caro leader

Esattamente come previsto, una supercazzola barocca di luoghi comuni e metafore inconcludenti, condita col solito "orgoglio di essere italiani anche con le pezze al culo".

Caro leader degli Italiani, le do un suggerimento: in Italia solo una frazione minima della popolazione ha idea di chi sia Telemaco mentre fuori dall'Italia tutta la fuffa littoria classicheggiante da Alberto Sordi, tipo noi si costruivano strade ed acquedotti quando i vostri avi vivevano ancora sugli alberi, non impressiona nessuno. Ci sono due ragioni per cui ci spernacchiano, la prima è che ovviamente non vogliono farsi carico del nostro debito e neanche finanziare il nostro assistenzialismo, la seconda è che gli Italiani sono universalmente noti per essere lestofanti e i suoi interlocutori non vogliono essere presi per i fondelli. Inoltre, a parte i fasci littori, le ricordo che la signora Merkel viene dalla Germania Est, quella dietro al Muro con la Stasi. Figurarsi se si fa abbindolare dalla retorica levogira che tanto piace in Italia e dalla apologia di Berlinguer.

Abbiamo dato mostra per l'ennesima volta di facciate di cartapesta e di finti centurioni romani invece che fatti concreti.

Edit, anche nella piaggeria gli Italiani mostrano il peggio di se stessi. Ecco una apologia risibile da un articolo di Lucia Annuziata su Repubblica.
Da quello istintivo, minuto, quasi quotidiano, nato dalla sua esperienza di sindaco e facilmente riusato nel dialogo con il partito durante le primarie, l'arrivo a Palazzo Chigi ha richiesto una definizione più alta del ruolo, una "racconto" del Premier più affidabile oltre che rottamatore, decisionista ma anche semplificatore, insomma uomo di popolo e di sentimento oltre che politico di professione. Il discorso europeo lo ha proiettato su un ulteriore livello , con il passaggio da leader politico a statista.
Signora Annunziata, mi scusi ma cosa ha mai fatto Renzi in vita sua, a parte vincere le Primarie del PD, per essere definito "leader politico e statista"? Statista? Non scherziamo. Renzi per ora è un buon televenditore, pentole e materassi. Non è passato inosservato il cambio di consegne tra Rosi Bindi e la Boschi. Vedremo quando avrà realizzato qualcosa di concreto nell'interesse della Nazione.

La signora Annunziata comunque mantiene un po' di professionalità e chiude l'articolo con:
L'Europa seduta in quell'emiciclo aspettava piuttosto, con tutta la simpatia e il rispetto per Renzi (che c'è), di capire se l'Italia è uscita dal suo destino di sperperone meridionale. Voleva sapere insomma da Renzi una sola cosa: chiederete altri soldi, altre condizioni di favore, o no? Domande non da poco.
Premesso che l'Europa ha simpatia e rispetto per Renzi, come potrebbe essere altrimenti di fronte a cotanto duce, vogliono capire se gli Italiani sono ancora pizza, mafia e mandolino. Bè, la supercazzola a base di fasci littori, orgoglio e valori di certo li ha rassicurati. Siamo a cavallo.

martedì, luglio 01, 2014

Il silenzio sulle rovine

Ormai gli Italiani sono rassegnati al peggio.
Da cosa si capisce? Dal fatto che una cosa schifosa come questa possa essere messa in atto senza che voli una mosca, nel silenzio-assenso generale.
La "mini-patrimoniale"
E' una cosa schifosa perché sbagliata nella forma e nel merito. Mentre l'Italia affonda ci si scanna sulla riforma del senato o sulla legge elettorale. La cosa che personalmente non posso sentire è lo slogan "basta austerità" e "politiche neo-liberiste".