sabato, giugno 27, 2015

Ci dobbiamo convivere?

Assolutamente no. Nessuno ci obbliga ad andare nei loro Paesi e nessuno ci obbliga a prenderceli in casa.

A margine: seguendo il post precedente, i cretini greci hanno eletto un altro fenomeno della "sinistra" e adesso gli rimbalza nel culo. Poi rimbalzerà nel culo anche agli Italiani, visto che lo Stato è tra i principali creditori e poi ci saranno le banche e la borsa che scaricheranno le perdite sui poveri sfigati. Contenti?

Default Grecia
Poi potete sempre andare a leggere il giornale tragicomico, il Manifesto.

8 commenti:

  1. A me dispiace per la Grecia, ma purtroppo i loro problemi vengono da lontano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me dispiace dei soldi che ho perso col crollo della Borsa di oggi, Milano in un giorno ha perso oltre il 5%.

      I loro problemi hanno la stessa origine dei nostri e anche noi stiamo andando dove sono andati loro.

      Elimina
  2. bisogna ricordare a questi sinistri che quando si chiedono soldi in prestito bisogna poi restituirli... il resto sono solo chiacchiere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il politicamente corretto trova molte parole per riformulare la rottura di questa ecologia creditore-debitore (contraggo un prestito se sostenibile per cose utili e poi rientro restituendo il capitale e il prezzo per quel capitale).
      Tra tutti questi ipocriti pro Grecia, ce ne fosse uno che vende la propria casa o l'auto per... aiutare i poveri compagni ellenici vittime di Bilderberg - capitalismo - banche - Merkel - multinazionali.

      Con le Nike ai piedi vanno in agenzia viaggi a prenotare il low-cost in Egitto perché più conveniente rispetto a Kos o Zacinto o a Rodi.

      Elimina
    2. Enio, si vede che sei un fascista, Nemico di Classe.

      Infatti quando i soldi vengono spesi dal Partito dei Cretinisti, non si tratta di "prestito"; si tratta di giustizia. Prendere dai ricchi e quindi criminali perché la proprietà è un crimine contro l'umanità, per dare ai poveri e quindi buoni e mansueti come l'Agnello del Signore. In sostanza è come la promessa de "gli ultimi saranno i primi" nel Vangelo, tranne che viene messo in pratica in questa vita.

      La "sinistra" non conosce il concetto del Debito, conosce solo il concetto della "redistribuzione del reddito". Riconosce la "finanza" come interlocutore solo quando è una fonte di soldi, quando poi qualcuno i soldi li chiede indietro, allora si "negozia" per "ristrutturare" il Debito, cioè per non restituire perché, per le ragioni di cui sopra, il Debito è atto di giustizia e restituire sarebbe quindi ingiustizia.

      Se poi chiedi a qualche "teorico", di quelli che si piccano di essere "intellettuali di sinistra", questi faranno il gioco delle tre tavolette per dire che il Debito non esiste e se esiste si è generato per qualche fenomeno speculativo, per esempio il Debito non è creato dalla Spesa ma dagli interessi. Al che tu gli potresti chiedere "ma interessi su cosa?" ma sarebbe inutile, perché lo "intellettuale" è uno che pensa che si possa creare qualcosa dal nulla e che 2+2=5.

      Elimina
    3. e poi diciamocela tutta i greci hano mandato a giocare al tavolo del POKER un principiante dove ci sono esperti giocatori e qualche baro!

      Elimina
  3. Ecco, leggete questo: PERCHÉ LA STAMPA ITALIANA RACCONTA LA GRECIA IN MODO APOCALITTICO?
    Costui sostiene che in Grecia stanno bene, e' tutta una montatura della stampa italiana. Del perche' ci siano le trattative non da' alcuna spiegazione, comunque.

    You-know-who

    RispondiElimina