lunedì, giugno 15, 2015

Le tante cose che non si possono dire

Non le trovi nei titoloni me negli angolini.

Articolo uno:
Effetto statali, cresce il rosso della previdenza

Articolo due:
Gli insegnanti che diventano (falsi) invalidi per scalare le graduatorie

Se non ne avete abbastanza, vi metto in calce una barzelletta del Ministro delle Finanze:
Il debito delle amministrazioni pubbliche è aumentato in aprile di 10 miliardi, a 2.194,5 miliardi, superando il precedente record storico di 2.184 toccato a marzo.

Un dato arrivato da Bankitalia poco prima che il ministro delle Finanze, Pier Carlo Padoan, a Napoli per un convegno ribadisse che l'obiettivo del governo per l'Italia è avere "un sistema di finanza pubblica più piccolo, più snello, più efficiente", per offrire i servizi pubblici essenziali "ma con costi più bassi". Sempre dalla Campania, parlando in un forum con il Mattino, ha aggiunto: "Questa del record del debito è una cosa veramente noiosa. Per definizione il debito aumenta, bisogna vedere se l'aumento è maggiore o minore del Pil nominale".
Si, bisogna vedere. Vediamo? Un comico nato.
La cosa ancora più spassosa è che tutto questo succede mentre sono in atto le famose "politiche del rigore" che impediscono allo Stato di "investire" per fare ripartire l'economia. Immaginiamoci cosa non succederebbe se finalmente Padoan fosse libero di dare il via alle tanto agognate "politiche keynesiane". Certo, bisognerebbe sempre vedere il PIL nominale.

6 commenti:

  1. Una volta gli struzzi mettevano la testa nella sabbia.
    Poi c'è stato il meccanismo della rimozione.
    Al quale, ultimamente, si è affiancato una specie di PNL per poareti ovvero nella frode delle parole usate con significato contrario alla propria semantica

    o - discarica aerea alias inceneritore spacciato come termovalorizzatore
    o - speculazione immobiliare spacciata come riqualificazione o valorizzazione del territorio
    o - sviluppismo e affarismo antiecologici spacciati come ecologia del fare
    o - crescita debitista come soluzione al debito e deficit
    o - azione bellica migratoria spacciata come ricchezza e opportunità gioiosa, variopinta, fantasiosa e multiculturale
    o - fregnacce per creduloni spacciate come diritti e politica antiausterità
    o - edilizia speculativa distruttrice, per sottrazione di risorse del sistema ferroviaria come etc. che pur di farla a prescindere non sanno se sia Velocità, Capacità, basta non chiamarla Trasformazione Altamente Edile

    Ieri alla radio ho ascoltato Padoan, povero, era infastidito da coloro che gli facevano presente che il debito sta aumentando.
    Ma voi non capite nulla con la vostra matematica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti questa non è la "era della informazione", è la "era della menzogna". Qualsiasi questione è coperta da uno strato sempre più spesso di menzogne, tanto che, come dicevo da te, molta gente vive nel -Mondo, il mondo alla rovescia, dove tutto è ribaltato.

      Elimina
    2. Il menomondo... :)
      Antipolitica,antiurbanistica, antiecologia... anti mondo!

      Elimina
  2. Ora vedrai quando la consulta si pronuncera'sul blocco dei contratti degli statatali!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, allora mettici anche quei 40 miliardi che abbiamo prestato alla Grecia e che non vedremo mai più.

      Elimina
  3. se ce ne fosse ancora bisogno queste cose ci ricordano che siamo nella nostra "BELLA" Italia

    RispondiElimina