mercoledì, settembre 09, 2015

Juventus e Moggi

La Corte di Cassazione ha espresso il suo giudizio su Moggi e di riflesso per l'azienda che lo stipendiava:
Per i supremi giudici, Moggi ha commesso sia il reato di associazione per delinquere, sia la frode sportiva «in favore della società di appartenenza (la Juventus)», ed ha anche ottenuto «vantaggi personali in termini di accrescimento del potere (già di per sé davvero ragguardevole senza alcuna apparente giustificazione)».
Cassazione, Moggi
Eppure è stata costruita tutta una retorica della invidia, della cospirazione, della persecuzione e del martirio...

8 commenti:

  1. E pensare che io ero Juventina da piccola!

    Quando pensavo che lo sport (o meglio, il calcio) a quei livelli fosse ancora autentico, pulito, sportivo...

    You-Know-Who

    RispondiElimina
  2. e meno male che su una cosa la pensiamo uguale al 100%

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe interessante che tu mi mostrassi il mio errore nelle altre, invece di invocare la Madonna e i Santi.

      Elimina
  3. Il sistema calcio è un paradigma di cosa succede in una realtà quando su di essa metti quantità straordinarie di

    o - soldi
    o - potere
    o - attenzione mediatica
    o - fama

    Se fosse pallamano o pallanuoto non cambierebbe molto.
    Se sopra un diamante ci scarici 40 quintali di letame, il diamante non lo vedi più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. UomoCoso, distribuire "pane" e provvedere i "giochi" sono il vecchio trucco per accattivarsi le masse. E fino a qui niente di nuovo.

      A me del "calcio" importa poco o niente. La cosa notevole invece è l'ennesimo caso di "trasfigurazione della realtà", in cui persone che vivono di raggiri, truffe, sopraffazione e mafiette sono trasformati in "eroi popolari", aziende che speculano sui bassi istinti delle masse e che fanno sfoggio apertamente di politiche amorali, diventano "chiese". Tutto questo veicolato dagli onnipresenti "media".

      Un ulteriore considerazione è che se questi meccanismi paradossali esistono per il "calcio", figurarsi per le altre questioni.

      Elimina
  4. Era abbastanza chiaro fin dall'inizio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fosse come dici tu, nello stadio di proprietà della Juve non ci sarebbero esposti anche gli scudetti revocati causa "associazione a delinquere" e "frode sportiva", Moggi non avrebbe continuato a partecipare a trasmissioni TV come "opinionista", eccetera.

      Elimina
  5. se ce ne fosse stato bisogno è la dimostrazione che in Italia i delinquenti la fanno sempre franca... neanche un mesetto di carcere o il sequestro dei beni per riparare in minima parte al maltolto... credo dipenda sempre dalla bravura degli avvocati.

    RispondiElimina