martedì, settembre 01, 2015

La Resistenza e il Partigiano di Quartiere nel 2015

Lasciamo perdere il fatto che l'epopea della Resistenza è un racconto artefatto scritto e riscritto nel dopoguerra allo scopo da una parte di reinventare gli Italiani e dall'altra di creare il mito dell'Italia fondata dal Partito Comunista.

Lasciamo perdere il fatto che Milano è la città dove Vendola è venuto a fare il suo celeberrimo discorso e che ha eletto Giuliano Pisapia, due volte deputato per Rifondazione Comunista, alla carica di sindaco.

Io mi domando e chiedo, perché (secondo Repubblica) si scatena la "rivolta dei cittadini" e vengono "coinvolti comitato per l'ordine e la sicurezza, Prefettura e Questura" per una manifestazione di Casa Pound mentre nessuno si rivolta quando la manifestazione la fanno sedicenti "No-Expo", con la partecipazione straordinaria dei Centri Sociali e dei Black Block, col risultato che il centro di Milano viene messo a ferro e fuoco?

Perché la "manifestazione dai connotati neofascisti" è "intollerabile" mentre la guerriglia scatenata dai soliti noti è una simpatica nota di esuberanza giovanile da guardare con riprovazione istituzionale ma nostalgica comprensione?

Domande retoriche ovviamente.
I Milanesi sono imbecilli.

P.S. pare che a Milano ci sia un assessore alla "coesione sociale".
Prego riflettere sul concetto.

16 commenti:

  1. il vero problema è che con casa pound dialogano e fanno liste in comune forze politiche che aspirano alla guida della nazione come la lega di Salvini, i centri sociali (che andrebbero chiusi tutti, beninteso) non se li fila nessuno politicamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesco, il tuo commento mi risulta assolutamente incomprensibile.

      La democrazia prevede che chiunque possa raccogliere le firme necessarie e presentare una lista alle elezioni. Il fatto che questo qualcuno stia antipatico alla "sinistra" non è condizione sufficiente per eliminarlo fisicamente o per rinchiuderlo in manicomio su ordine di un fantomatico "comitato per l'ordine e la sicurezza".

      Nello stesso tempo mi scrivi che i Centri Sociali andrebbero chiusi e che nessuno se li fila politicamente, quando la seconda cosa è ovviamente falsa ed è la ragione per cui non solo i Centri Sociali non vengono chiusi ma godono della sostanziale impunità. La questione è di una semplicità assoluta, immaginati se Casa Pound o analogo praticasse regolarmente azioni di guerriglia urbana, vandalismo e scontri con la Polizia.

      Nessuno se li fila politicamente? Luca Casarini fa parte della Presidenza di Sinistra Ecologia e Libertà, lo stesso partito a cui appartiene il Presidente della Camera dei Deputati e indovina un po' da dove arriva l'idolo decaduto Tsipras.

      Oceani di ipocrisia.

      Elimina
    2. È vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista.

      In deroga all'articolo 48, sono stabilite con legge, per non oltre un quinquennio dall'entrata in vigore della Costituzione, limitazioni temporanee al diritto di voto e alla eleggibilità per i capi responsabili del regime fascista.

      Elimina
    3. Francesco, eppure ogni tanto mi dai l'impressione di riuscire a mettere in fila due idee.

      La ragione per cui Casa Pound, Forza Nuova e tutti i movimenti analoghi, a partire dal MSI di antica memoria, non sono disciolti in forza di legge è che la Costituzione garantisce la libertà di pensiero e di espressione.

      Quindi, il semplice richiamarsi ad idee più o meno riconducibili al Fascismo NON BASTA per potere invocare gli articoli che hai citato. Dovrebbe essere ovvio, dato che se cosi non fosse, la questione sarebbe stata risolta molto, molto tempo fa.

      Quando si dice "riorganizzazione del disciolto Partito Fascista" si intende la cosa in senso letterale, cioè ripristinare il programma, le pratiche e le strutture del Partito Fascista esattamente per come era.

      Quindi, se io e te fondiamo il Movimento Tre Palle e diciamo che siamo "fascisti delle tre palle", non succede niente (a parte che probabilmente ci tengono d'occhio) perché NON stiamo riorganizzando il Partito Fascista per come era ma stiamo facendo un'altra cosa e la facoltà di poterla fare pubblicamente è garantita dalla Costituzione.

      In ogni caso, questa ripetizione a pappagallo che hai fatto di cose che non hai pensato tu, non risponde alla domanda.

      Posto che per un motivo qualsiasi sia legittimo "rivoltarsi" contro Casa Pound, non mi hai spiegato perché i milanesi non si rivoltano contro SEL, contro i Centri Sociali e contro tutte le loro iniziative, che nel migliore dei casi sono ridicole ma nella maggior parte dei casi finiscono in quello che gli Americani definiscono "when the shit hits the fan", cioè la merda dentro il ventilatore.

      Elimina
    4. SEL ????? e che hanno fatto quelli di SEL che sono più innocui di un bradipo ?

      Elimina
    5. See, domani. Te sei cugino di Wolverine, solo che invece di avere gli artigli di adamantio, ci hai la capoccia.

      Elimina
  2. Ma infatti, giro per Milano e non faccio altro che vedere gente in rivolta contro la manifestazione di CasaPound, è incredibile, veramente, non si parla d'altro.

    RispondiElimina
  3. Lorenzo ma perche'se ti fa schifo Milano non emigri?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché, come dico sempre, la migrazione prevede la risoluzione di un certo numero di problemi logistici. Devi potere (nell'ordine) conservare il calore corporeo, bere, mangiare e dormire. Nel mio caso sono sopraggiunte complicazioni mediche e chirurgiche.

      Elimina
    2. Una bella isoletta greca?

      Elimina
    3. Sulla isoletta greca non ci vogliono vivere nemmeno i Greci, per la stessa ragione per cui le nostre campagne sono spopolate. Poi come dicevo, io ho dei problemi di salute che al momento non me lo consentirebbero in ogni caso.

      Elimina
    4. Se avessi la macchina del tempo tornerei all'estate dopo la maturità e prenderei a calci nel culo me stesso per farmi andare a vivere negli USA, quello si che avrebbe un senso. Ma che isolette greche a rimettere in scena un film di Salvatores.

      Elimina
    5. Faccio notare che una classica obiezione dei filomassmigrazionisti (intendo tutti coloro che non si oppongono con determinatezza allo tsunami migratorio) è:
      > se non vuoi essere "immigrato", emigra

      Uso "immigrare" in forma transitiva e la frase sta per "se non vuoi che le masse umane che ti invadono e ti rendono sempre più scadente brutta stipata orribile la vita emigra".

      La cosa buffa è che 'sta frase che assume il concetto della giustezza della violenza degli invasori e del crimine del difendersi da essa riflette un pensiero completamente razzista, bacato, asimmetrico quindi ingiusto.
      Perché un invasore ha il diritto ad invadere fino al punto di "buttarmi fuori da dove vivo" ma io non ho il diritto di prendere l'invasore e ributtarlo da dove viene?

      Francamente non lo capisco se non pensando ad una forma religiosa che detta comportamenti assurdi e che non possono essere discussi.
      Si arriva quindi alla famosa setta marxista etc etc. di derivazione dal cristianesimo e dall'ebraismo.

      Elimina
    6. Ma no, la logica te l'ho già detta eoni fa, i compagnucci stanno ancora combattendo la guerra civile e dal loro punto di vista (essendo malati di mente) se tu emigri significa che un "nemico di classe" è stato tolto di mezzo.Gli immigrati sono un'arma, te lo ripeto. Bisogna solo capire se i compagnucci si prestano al "Piano" delle elite sovranazionali senza rendersene conto, oppure se i loro dirigenti, quelli che scandiscono gli slogan, gli "studiosi" come D'alema, sono banalmente prezzolati.

      Elimina
  4. Perché la "manifestazione dai connotati neofascisti" è "intollerabile" mentre la guerriglia scatenata dai soliti noti è una simpatica nota di esuberanza giovanile da guardare con riprovazione istituzionale ma nostalgica comprensione?

    Perche' la moda e' che la manifestazione dai connotati neofascisti e' out, e chi disapprova trova di default il plauso della massa, mentre i centri sociali sono in, anche se ti fanno guerriglia urbana e magari si drogano e spacciano (ma fanno tanta bella musica alternativa), quindi loro son ragazzi, si devono esprimere anche se in modo un po' violento.

    Mi sento molto anziana e démodé a scrivere queste cose, ma sono proprio convinta che sia vero.

    You-Know-Who

    RispondiElimina