martedì, ottobre 06, 2015

Brainwashing

Voglio un profugo a casa mia
«Ha iniziato mia figlia», racconta Claudia: «Portava a casa ogni tanto qualche ragazzo del centro di accoglienza di Muzzano con cui facevamo lunghe chiacchierate.
Ebbe, chi non vorrebbe una figlia che porta a casa qualche ragazzo del centro di accoglienza.

14 commenti:

  1. Risposte
    1. @ UUIC : per leggere l'articolo del Corsera on-line, bisogna essere abbonati.

      +_____+

      Elimina
    2. Io non sono abbonato a niente eppure lo vedo. Non è che per caso tu provi con il furbofono e c'è un qualche filtro per i furbofonisti?

      Elimina
    3. Possibile.
      Riproverò con il Pc ...

      Elimina
    4. Adesso, sullo smartphone lo vedo.
      No ...
      propendo per una pagina non caricata, a causa della cattiva connessione.
      Il server non esegue un'adeguata diagnostica di tali inconvenienti, e non ti restituisce altro che il disclaimer del copyright, senza alcun messaggio d'errore.

      Lupus in fabula ... sulle connessioni lente e la necessità di pagine più leggere ho scritto un post qualche ora fa, che pubblicherò stamattina.

      ;)

      ===

      Ok.
      La notizia è quella dell'attivista terzomondista stuprata da uno di coloro che ha assistito, e i suoi compari le hanno chiesto di non fare denuncia.
      =
      Quando soggetti mossi dal cinico interesse pecuniario ( immagino i responsabili della non-?-profit ) incontrano soggetti borderline che agiscono un altruismo ''senza pelle'' ( la ragazza stuprata ) ...
      succedono queste cose.
      Oppure, sono tutti invasati di una Missione Superiore : fare scoppiare la società e la demografia, facendo scempio di ciò che rimane di 0039.

      ===

      Elimina
    5. L'ultima che hai detto.

      Per le connessioni "mobili" torna in auge un vecchio trucco che si usava coi modem dial-up, cioè fare passare tutte le richieste da un proxy server che a quei tempi era di solito interno al provider, in modo da pescare il più possibile dalla cache del proxy invece che inoltrare le richieste fino a destinazione e comprimere quello che si poteva comprimere.

      Mi risulta che Google abbia un servizio analogo ma non so dire se è attivato per default sui sistemi Android. So che esiste come estensione per Chrome sui PC.

      In ogni caso se parliamo del Corriere non è tanto questione di "pagine leggere", è che dentro la pagina del corriere c'è di tutto, tipo una cinquantina di librerie JS che non so cosa facciano. Anche quella è una moda, come tante. Leggevo tempo fa che i programmatori si sentono frustrati dalle limitazioni di HTML+CSS quindi preferiscono un meccanismo di librerie JS che una volta caricate consentono di ridefinire il markup language come qualcosa di più programmabile. Giriamo sempre attorno alle stesse scemenze, tanti anni fa tutti pensavano di usare Flash per la stessa ragione, con lo stesso risultato.

      Elimina
    6. https://developer.chrome.com/multidevice/data-compression

      Elimina
  2. " lunghe chiacchierate "... povera mamma

    RispondiElimina
  3. Gente da obbligare alla ripetizione dell'intero iter scolastico, partendo dall'asilo nido : non sa fare 1 + 1, gli esce 3 ... 4 ... 5 ... 10 ... 100 ...

    ( lo sappiamo ).

    ===

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. Cosa c'è da sapere? Basta leggere, Sara.

      A parte l'evidente propaganda martellante stile "1984", c'è tutto un sottobosco di svitati e fanatici, come le famiglie delle due dementi che sono andate a fare le "volontarie" in Siria e per le quali, dopo che i tagliatori di teste hanno restituito loro la cortesia nei modi che gli si confanno, ci è toccato pagare il riscatto.

      Elimina
    2. Le due volontarie in Siria se la sono spassata con i loro amichetti laggiù, e li hanno aiutati nel piano di un criminale finanziamento dallo Stato italiano ai terroristi invasati.
      Mai visto gente rapita che torna ingrassata - ! - e in ottimo stato di salute da una prigionia, tra l'altro loro stesse hanno detto d'essere state trattate bene ( traduco : mangiare, bere, chiavare ).

      ...

      Sara è una persona buona.

      Elimina
    3. Non lo sapremo mai. Tutta la faccenda è stata avvolta dalla disinformazione e poi è stata prontamente oscurata. In ogni caso possiamo scegliere tra una storia di pazzia semplice o una storia di pazzia criminale.

      Elimina
  5. io vorrei che mi portasse a casa una bella ragazza del centro d'accoglienza non si sa mai

    RispondiElimina