venerdì, novembre 27, 2015

Tic tac, aspettiamo la sveglia

Basta ascoltare sermoni online degli imam più radicali. Per tutti, Usama El Santawy che, da presidente della comunità islamica di Cinisello Balsamo, spiegò al Fatto Quotidiano che «essendo i musulmani umiliati, non bisogna stupirsi se in cinquanta partono per la Siria, vanno onorati». Sono stati tredici i piani d’attacco (falliti) contro l’Italia dal 2001: otto dei quali su Milano...

Chiedo a Khalid Chaouki, il volto giovane migliore messo in campo dal Pd contro il radicalismo, perché nemmeno lui scindesse l’appartenenza a una religione dalla sfera pubblica, che è esattamente la conquista di due secoli di pensiero occidentale e liberale (il suo primo libro, nel 2005, raccontava «la voce di un giovane musulmano italiano»). «Era pochi anni dopo l’11 settembre, sentivo il bisogno di impegnarmi sul fronte dell’identità islamica. Ma in Italia l’identità è la cittadinanza».

Allievi sostiene: «Una parte di islamici ha intrapreso un percorso in qualche modo simile al Pci con i terroristi Br: da provocatori a compagni che sbagliano e infine a maledetti assassini. Molti sono arrivati alla terza tappa». Imam «fai-da-te».
Il Corriere:
I musulmani sono 1 milione e mezzo In mille «sotto osservazione

Un italiano, nato a Milano:
Usama el Santawy

Esiste un famoso aforisma che recita qualcosa come "non dite a mia madre che faccio il giornalista, le ho raccontato che suono il piano in un bordello". Per inciso, la separazione tra Stato e religione non è una conquista di "due secoli", cioè non viene dalla "sinistra" ma appartiene alla tradizione romana, che è stata metabolizzata dal Cristianesimo cosi come il Natale era la festa romana del sole invitto. La manipolazione delle coscienze arriva a cancellare l'ovvia constatazione che in tutti i Comuni italiani c'era la cattedrale, una piazza e un palazzo del potere civile, a seconda dei casi, della signoria o della Repubblica. Cosi come è nota a tutti (o almeno dovrebbe, visto che gli insegnanti ormai hanno la funzione di commissario politico) la disputa sempiterna tra re e imperatori e i Papi.

Riguardo i "maledetti assassini" del PCI scusate se rido, visto che la gente come Erri Deluca o Adriano Sofri ha costituito la classe dei "maestri di pensiero". Sono poi gli stessi che vedono negli immigrati un nuovo proletariato e nei terroristi i nuovi "resistenti", non da ora.

12 commenti:

  1. Khalid Chaouki, il volto giovane migliore messo in campo dal PD contro il radicalismo

    Mi chiedo cos'abbia fatto di concreto, costui, contro il radicalismo.
    E' sufficiente fare vedere la propria faccia diversamente somatica e dire due banalità ?
    Boh.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito aiuta anche essere antipatici.

      Elimina
    2. E poi niente. Se sei "diverso" sei automaticamente migliore.

      Elimina
    3. Eh già.
      Per via del debito che la ''società umana'' ha nei loro confronti.
      Il problema della ''società umana'' in cui siamo pure io e te, è che una cospicua parte dei ''cittadini'' pensano di avere un ''debito'' illimitato come un assegno in bianco verso costoro.
      Carenze nelle nozioni basilari, vedi aritmetica ... tabelline ... roba così.
      E molti di questi imbecilli la pagheranno cara.
      Mi sta solo un po' sul cazzo che rischia di pagare anche la gente in gamba.
      Aò.

      ===

      Elimina
    4. Ricordati la tre categorie:
      - idioti assistiti
      - eterni adolescenti ribelli
      - furbastri che fanno carriera sui primi due gruppi

      Elimina
  2. Mi è bastato vedere in quanti erano alle manifestazioni di sabato scorso, alla televisione era tutto uno zoomare per non far vedere che erano in quattro gatti (dicono 500 persone su un milione e mezzo che ne abbiamo in Italia, una bella partecipazione, non c'è che dire...)

    Poi le interviste ai vari Imam erano scandalose, tra chi condannava gli attentati di Parigi parlando con tono sommesso e guardando per terra e gli spavaldi che invece fissavano dritti la telecamera con dipinto sul volto il classico ghigno da presa per i fondelli.

    In Tunisia, dopo gli attentati del Bardo, il primo provvedimento che hanno preso è stato chiudere 80 moschee, noi qui le costruiamo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il nocciolo del problema non è la moschea in se, in teoria è uguale a una sinagoga o a un tempio dei Valdesi. Il nocciolo del problema è che mentre gli ebrei, i valdesi, i buddisti, i sikh, i buddisti, fanno le loro vite e non rompono le scatole al prossimo, i musulmani sono ostili. Sono ostili ovunque, nelle loro case e nelle loro moschee.

      Esempio:
      I Sikh di Novellara donano un’auto alla Croce Rossa
      I Sikh non appaiono mai nella cronaca nera, hanno i loro templi dove fanno le loro cose senza che nessuno si debba lamentare. Spalano la merda di mucca tutto il giorno eppure non dichiarano che i Sikh sono umiliati e quindi devono sgozzare Cristiani per vendetta.

      Per ovvie ragioni il PD non mostra deputati e nemmeno ministri Sikh, invece mostra deputati magrebini e ministri congolesi supponenti che vogliono cambiare l'Italia e gli Italiani.

      Elimina
  3. l'Islam ormai ci condiziona anche mella nostra vita quotidiana, guarda cosa succede nelle scuole non si è più LIBERI nemmeno di fare il Presepe o di cantare i canti di Natale... ormai siamo stati conquistati da questi INDIVIDUI e fra una decoaa d'anni il rapporto sarà 3 di loro contro 1 di noi e allora saranno cxxxi senza zucchero anche per il PC

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima di preoccuparci degli "individui", preoccupiamoci degli insegnanti, dei dirigenti scolastici e di chi li assume e gli da le direttive.

      Elimina