martedì, marzo 08, 2016

Se abbocchi, ben ti sta

Gentile cliente,

Stiamo eseguendo un backup completo del database per il conto.
Tutti i proprietari di carte di credito che hanno sottoscritto
con UniCredit devono confermare i dati personali registrati
nel nostro sistema.Segui il link sottostante, e sarete reindirizzati
ad una pagina protetta dove è necessario confermare i dati personali registrati.
Selezione naturale.

8 commenti:

  1. Ma dici che qualcuno ci casca?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando io ho cominciato con Internet, si trattava di una cosa per pochi appassionati che necessariamente avevano un ruolo attivo, cioè contribuivano i contenuti e costruivano le tecnologie. Adesso è un gioco per le masse ma queste masse sono educate solo come consumatori passivi, come abbonati a servizi.

      Quindi si, secondo me la maggior parte della gente non ha idea di cosa significhi l'espressione "stiamo eseguendo un backup completo del database", ne sa cosa sia "una pagina protetta". Per non parlare della ulteriore devastazione causata dai furbofoni che semplificano ulteriormente tutte le operazioni, rendendo l'utente ancora meno consapevole della natura delle cose.

      Elimina
    2. Su migliaia di persone qualcuno ci casca di sicuro altrimenti queste mail non avrebbero tanto successo...

      Elimina
  2. La mia (personalissima, quindi senza pretesa di possibile universalità) soluzione è quella di rifiutare l'uso del mezzo informatico per qualsiasi cosa che possa avere anche una minima ricaduta vitale. Se un determinato servizio potenzialmente pericoloso è disponibile solo per le vie digitali, scelgo di rinunciare a quel servizio (e il fornitore di quel servizio sceglie di rinunciare ai miei soldi).
    In merito ad alcuni servizi forzatamente digitali imposti dall'ambiente lavorativo, invece, adotto la strategia di impiegare esclusivamente gli strumenti messi a disposizione dal "datore di lavoro" -- oneri, onori e responsabilità restino di chi impone, non di chi deve adeguarsi suo malgrado. Tra l'altro, il "datore di lavoro" che impone l'uso di un certo strumento, è tenuto a fornire lo strumento stesso e a occuparsi della sua idoneità all'impiego, il che include la protezione dalle possibili intrusioni informatiche. E' altresì tenuto a fornire adeguata formazione per il personale.

    Ad ognuno il suo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo.
      Il guaio è che oltre le "mode" con cui si vende fuffa a gente inconsapevole, vedi il motto "vuoi fare xyz? c'è una app", in certi casi ti costringono.
      Il caso classico è lo sportello bancario. Hanno ridotto al minimo gli addetti alle casse e quindi gli anziani come mia mamma sono costretti alle attese come all'ospedale per tutti i pagamenti. La cosa diventa ancora più difficile se per qualche motivo devi fare operazioni frequenti, come capita con le piccole aziende.

      Chiudo dicendo che un qualsiasi dispositivo connesso ad Internet PER DEFINIZIONE non può essere "protetto", ne dall'uso poco accorto ne dalla "intrusione". Chi promette il contrario o non sa oppure mente sapendo di mentire.

      Elimina
    2. Tanto per capire in che direzione andiamo:
      Paghi con la faccia

      Elimina
    3. Io invece sono dell'idea che non si può remare contro il progresso. Quello che si deve fare è cavalcarlo in maniera consapevole e non lasciandosi trascinare passivamente dalla corrente altrimenti si finisce di sicuro per annegare in qualche gorgo.

      Elimina
    4. Giulio, il problema è tutto nella definizione di "progresso". E' abbastanza ovvio che non tutti i cambiamenti sono per il meglio. Per esempio io sto "progredendo" verso la vecchiaia e se potessi, remerei con tutte le forze contro questo progresso. Dipoi, capisci che "consapevole" è in contraddizione con "subire". Se tu subisci passivamente un certo evento, non solo è difficile che tu sia consapevole dello stato delle cose ma se anche tu lo fossi, non farebbe nessuna differenza perché non puoi modificarle.

      Ora, Internet e l'informatica in generale si stanno avvitando in una involuzione palese, gli strumenti divengono sempre più "mirati" all'utilizzo passivo ed inconsapevole mentre allo stesso tempo diventano sempre più pervasivi. La ragione è banalmente economica. Invece di preoccuparsi di cosa possono fare le persone con certi strumenti e tecnologie, ci preoccupiamo di collegare in rete il cesso con le lampadine del soggiorno e si vende questa cosa inutile, ridicola e perfino controproducente come un "progresso" necessario e irrinunciabile.

      Elimina