lunedì, giugno 27, 2016

Finalmente mi spiegano la Brexit

Riprendendo il fenomeno del post precedente, ecco un altro articolo che capita per caso sul Corriere (e lo ripeto, il Corriere):
Brexit, Onfray: «L’Europa viene spazzata via? È tutta colpa delle élite»

In sostanza, il problema è il Capitalismo. La soluzione quale potrà mai essere, se il Capitalismo è il problema? Ovvio, come dice Veltroni sotto, "... il coraggio di progettare una nuova società". E come dovrà essere questa "nuova società"? Altrettanto ovvio, "... giustizia sociale, equità, opportunità, diritti".

Quindi, ricapitolando, finalmente capisco. Quello che non funziona nella Unione (Sovietica) Europea è il vecchio malefico Capitalismo e quello che dobbiamo fare è lasciare che la "sinistra", nella persona dei leader illuminati, fisicamente, moralmente e intellettualmente superiori, progetti e realizzi una "nuova società".

Gli ignorantoni che si ostinano a non adeguarsi, a non facilitare, a protestare, ad incazzarsi perché si vedono espulsi da casa propria da milioni di immigrati, che vedono tutte le certezze e le tradizioni (famiglia, casa, lavoro, salute) demolite per fare posto alla "nuova società", in realtà non sanno cosa vogliono e i leader della "sinistra" glielo spiegano. Se non basta, glielo impongono a forza. Vogliono meno Capitalismo e più "giustizia sociale".

Finalmente tutto mi è chiaro. Grazie Corriere.

Pensare che ci sono dei mafiosi in galera solo per avere ammazzato delle gente quando altri sono in giro a rispondere a queste interviste del Corriere.

domenica, giugno 26, 2016

Delirio una mattina di Giugno


Quando la Dittatura del Proletariato era una necessità storica


Oggi col Caro Leader e altre necessità storiche

Ecco perché sta andando tutto a rotoli:
Veltroni: "Democrazia in pericolo, sinistra dia subito risposte"

Esiste un "giornale" che pubblica questa scarica di menzogne e paradossi.
Esiste una persona che ha impostato tutta la sua vita su queste ed altre menzogne e paradossi.
Un giornale che non dovrebbe vendere una copia, chissà come e da chi viene finanziato.
Una persona che dovrebbe vivere in un eremo, nascosta al mondo a fare penitenza, invece è chiamata a fare sfoggio di conoscenze che non ha, di saggezza che non possiede, di un qualsiasi valore o peso per via di "meriti" acquisiti sbagliando e mentendo in ogni singoli pensiero ed azione.
Esistono milioni di Italiani che non riescono a vedere la differenza tra la causa di un problema, il problema e la soluzione del problema, le cose sono sovrapposte oppure disposte in un ordine casuale.

Il signor Veltroni in questa indispensabile intervista, che mi chiedevo proprio ieri "chissa cosa pensa il compagno Veltroni", oscilla tra "sono arrivato adesso col disco volante, non c'ero e se c'ero pregavo tanto tanto intensamente assieme al Papa per la salvezza delle vostre anime" e "non era tutta merda quella che abbiamo fatto mangiare agli Italiani per cent'anni, era cioccolata fondente".

Su una cosa ha ragione però: ogni volta che viene mostrato come esempio e guida un Veltroni, qualcuno come me si imbestialisce.

Corriamo a fare gli "Stati Uniti d'Europa", ah le risate, non va più di moda la "Unione (Sovietica) Europea", corriamo sennò viene il baubau della Terza Guerra Mondiale. La faranno quelli del gay pride o quegli altri in fila all'Apple Store. O i pizzaioli magrebini. Ah no, ci sono i "populisti". Ogni giorno sotto casa mia sfilano i "populisti" in uniforme con tamburi e gagliardetti. Un attimo ad organizzare la Marcia su Roma.

Meno male che c'è la "sinistra" di Veltroni.

******

Risponde il Corriere:


Quando la Dittatura del Proletariato era una necessità storica


Oggi col Caro Leader e altre necessità storiche

Napolitano: «Un azzardo sciagurato. Ora avanzare verso l’integrazione»
Ma va? Dai...

venerdì, giugno 24, 2016

Piccolo commento sul referendum britannico

Faccio presente che in Italia non sarebbe stato possibile perché la Corte Costituzionale, che pure si sostituisce al Parlamento quando gli pare, vieterebbe il referendum in quanto i trattati internazionali sono una di quelle materie che non possono essere sottoposte alla "consultazione popolare". Ovvero, un ministro italiano può sottoscrivere un trattato (gli serve la firma del Presidente) che gli Italiani non hanno la facoltà di annullare.

Per completezza, cito:
... alcune materie sono sottratte dal secondo comma dello stesso art. 75 della Costituzione dall'azione dell'istituto (il referendum abrogativo, ndr). La disposizione costituzionale cita espressamente "le leggi tributarie e di bilancio, di amnistia e di indulto, di autorizzazione a ratificare trattati internazionali".

Nelle intenzioni originarie la "sovranità popolare" in Italia si esprime attraverso le due Camere del Parlamento, ovvero l'Organo Legislativo. Oggi come oggi però è evidente come il Parlamento sia del tutto secondario al Potere Esecutivo, ovvero il Governo, di cui si limita a convertire in legge i decreti e al Potere Giudiziario, che legifera tramite le sentenze. Tanto che la riforma costituzionale proposta dal Caro Leader abolisce sostanzialmente una delle due Camere e punta ad aumentare il più possibile il potere dello Esecutivo, tra le altre cose sottraendolo al gioco di maggioranze e opposizioni parlamentari con una legge elettorale maggioritaria che sarebbe andata bene al bisnonno Benito.

lunedì, giugno 20, 2016

La signora Boldrini va in Libano

Mentre la signora Boldrini sta visitando i "rifugiati" in Libano, io vi raccomando di guardare questo documentario:
La Guerra in Libano, 1982 - Parte 1/3

mercoledì, giugno 15, 2016