giovedì, dicembre 29, 2016

Dialoghi italiani

Buongiorna signora Ministra.

Buongiorna a lei.

Senta, lei ha dichiarato di avere conseguito una laurea ma a noi non risulta.

Non accetto queste polemiche strumentali, si tratta di una refusa, voleva dire che ho conseguito una diploma di scuola superiore.

No, mi scusi, non risulta nemmeno la diploma.

Basta con le attacche personali, parliamo di programme, di riforme. Dopo le medie ho fatta una corsa di estetista alle serali, va bene?

Veramente no, signora, non capiamo perché le è stata data la incarica di Ministra della Istruzione, Università e Ricerca Scientifica se non ha nemmeno una diploma.

Per le merite acquisite nella Guerra Partigiana.

Ma se l'unica cosa che ha fatto è stata la rappresentante sindacale!

Ma si, è la stessa cosa.

------------------------

Grande posto l'Italia. Posto perché non si dice Paese o Nazione, siamo mica populisti. Un posto dove chi va, chi viene e tutti fanno un po' come cazzo gli pare. Per esempio, abbiamo sostituito il Caro Leader Sua Eccellenza Illustrissima Matteo Renzi, eccolo in una foto di repertorio:


Ho sbagliato a personalizzare... dannazione Goose!

Con Geppetto:


L'Italia deve contare su diritti umani e decisioni globali...

E NESSUNO CI HA FATTO CASO!!
Tutto continua a rotolare come prima.

17 commenti:

  1. Ma rotola senza strisciare (nel qual caso non c'è praticamente attrito e continua ad libitum o quasi) o rotola e striscia, in modo che la torsione indotta dalla forza d'attrito dinamico nel transiente agisce in modo da ricondurre il tutto a rotolamento senza strisciamento?

    Ma alla fine fa differenza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro tu sai che io so, la differenza è che rotola verso il basso, su un piano inclinato. Se strisciasse, ci sarebbe almeno la speranza che l'attrito rallenti o arresti la caduta, si potrebbe provare a buttare sabbia, colla, che ne so. Invece rotola e salta sopra tutti gli ostacoli.

      Elimina
    2. Hm. Allora bisogna sperare che almeno il fondo non sia un baratro...

      Elimina
    3. No non c'è, il piano è di lunghezza sufficientemente grande. Il guaio è che mentre rotola, il grave si consuma, quindi si sbriciolerà molto prima di arrivare ad un baratro qualsiasi.

      Io vorrei sapere come fa la gente a ingoiare cose come questa: Corriere - banche e l'Unità

      Da cui la recente faccenda del fallimento di fatto di MPS, rilevata dallo Stato, quindi da noialtri.

      Ci vuole un altro Diluvio.

      Elimina
  2. Dai che forse facciamo centro con il prossimo premier...
    http://www.ilgiornale.it/news/politica/mosse-sinistra-candidare-boldrini-premier-1346689.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita, ci manca Alien Presidente del Consiglio!

      Ogni giorno mi ritrovo a pensare quanto sia incredibile che certi fenomeni da baraccone esistano veramente. Non solo esistono, non sono nemmeno chiusi nel baraccone per la morbosa curiosità del pubblico pagante, anzi, sono "leader", a cui si accodano masse di alghe e protozoi.

      Boh, deve essere tutta una beffa degli Dei.

      Elimina
    2. Frattanto piego il ginocchio e elevo una prece al Trota, squartato sulla pubblica piazza per la laurea comprata in Albania e 50 euro di benzina addebitati al Partito. Prego rivedere il video del Corriere collegato sopra sui debiti del PCI/DS/PD trasferiti allo Stato.

      Elimina
  3. ...siamo messi come il porco...
    povera Italia, come direbbe la mia SuperNonna!

    RispondiElimina
  4. le migliori frasi di Osho, pagina comica romana di facebook, ha pubblicato questa battuta: (Napolitano che domanda alla ministra) "ma armeno l'asilo l'hai fatto?".

    dico che di questi tempi è una domanda piu' che valida.

    seriamente! temo che non ne verremo piu' fuori, sian sempre piu' impantanati nel peggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza ripercorrere la Storia a partire dai tempi di Dante, che scriveva le stesse cose nel Trecento, la Repubblica è fondata sulle balle, sulle menzogne.

      E' lo strato di menzogne che si sono accumulate nei decenni che ci schiaccia e per "venirne fuori" bisogna riconoscerle come tali in modo da scavare ed affacciarci alla luce di un concetto che in Italia è ignoto, la "responsabilità", ovvero essere chiamati a rispondere personalmente delle cose che si dicono e si fanno.

      Elimina
    2. hai ragione e mi trovi in accordo....
      ma il problema e far funzionare questo pensiero in un paese come il nostro estremamente corrotto e privo di decenza.

      Elimina
    3. La "corruzione" esiste ovunque. In Italia si aggiunge la idea cattolica del "perdono" per cui puoi sempre contrattare una "assoluzione" dopo avere commesso il fatto e la idea comunista che sia sempre colpa degli "altri".

      Si ottiene questo mix terrificante di doppiezza, per cui si finge amore e si pratica odio.

      Onestamente, io non penso che sia possibile "venirne fuori". Basta vedere cosa pubblicano i giornali, le idee che diffondono, per constatare che andiamo nella direzione opposta.

      Elimina
  5. Quando l'ironia si fa sarcasmo (anzi, sarcasma)... più che meritato, peraltro. Distruggere deliberatamente e strumentalmente il linguaggio d'un popolo è etico quanto nuclearizzarne la capitale della Nazione.

    P.S. Non ho usato "Nazione" per caso.

    RispondiElimina
  6. Ciao Lorenzo, spero che tu passi un buon fine anno e che il nuovo ti porti le cose che desideri. Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fine anno l'ho passato dormendo. Stamattina sono andato a fare una passeggiata (freddo boia) e adesso sono qui a scriverti. Credici o no, non desidero più niente, sarei contento di ridurre al minimo gli eventi avversi.

      Grazie per gli auguri, buona cose anche a te.

      Elimina
    2. Lorenzo: Credici o no, non desidero più niente, sarei contento di ridurre al minimo gli eventi avversi.

      Conosco quello stato d'animo. Mi è stato detto che denota uno stato depressivo. Occhio.

      A onor del vero devo aggiungere che in certe culture orientali è invece considerato uno stato molto desiderabile "ad elevato tasso di spiritualità".

      Uno decide a chi vuol dar credito o, in alternativa, non dà credito a nessuno e ragiona "in proprio".

      Elimina
    3. Come se si potesse scegliere.

      Elimina