venerdì, febbraio 24, 2017

Tutte le strade portano a Roma


Via Consolare delle Gallie, Val d'Aosta.

Nessuno ripara le strade, consumi di asfalto a picco.
Uno dei segni distintivi della grandezza dell'Impero Romano era la costruzione delle strade, lungo le quali prima si spostavano le salmertie delle legioni in avanzata e poi transitavano persone e merci da un capo all'altro dell'Impero. Dopo il collasso, per secoli le strade romane continuoarono ad essere utilizzate in tutta Europa.

Quale migliore segno della decadenza dell'italia contemporanea del fenomeno descritto nell'articolo di cui sopra?

Ci raccontano che la priorità nazionale è la "banda ultra-larga" e il "digitale". Gli pseudo-ecologisti festeggiano. Intanto, mentre cade in rovina l'Italia, a Milano una multinazionale dello schifo come Starbucks, di cui non possiamo fare a meno perché siamo cittadini del mondo, pianta i banani in Piazza Duomo, per la gioia di fa questi comizi e di chi li applaude.

3 commenti:

  1. Le priorità in Italia sono un optional.....come i banani per es.


    (oddio che cosa assurda quella sceneggiata in piazza Duomo)

    RispondiElimina
  2. Le priorità ben di rado (mai?) vengono stabilite per gli scopi dichiarati. Diversamente non sarebbe possibile spiegarsi la pletora di spese apparentemente idiote (in realtà con finalità più o meno occulte) deliberate a sfavore di altre chiaramente indispensabili. Per di più in una situazione complessiva di ristrettezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Possiamo arzigogolare all'infinito ma la triste e ultima verità è che l'Italia è come la fanno gli Italiani. In questo blog cerco di mettere assieme i pezzi del proverbiale "quadrò d'insieme".

      Elimina