domenica, marzo 05, 2017

Un articolo che spiega tante cose

Ma per capire bisogna leggerlo senza le fette di salame sugli occhi. Il fenomeno non è di oggi e non è ovviamente limitato all'Italia, come dimostra il caso del Messico contro Trump. Oggi alla radio sentivo che non so quante aziende italiane, per esempio Ferrero con Nutella, hanno installato stabilimenti in Messico per produrre le merci che poi vengono commercializzate negli USA. Ora, si può sostenere che una azienda deve essere libera di "stare sul mercato" come crede, però non è ammissibile che la stessa azienda chieda di essere sostenuta dallo Stato quando delocalizza, addossando allo Stato anche gli "oneri sociali" derivanti. FIAT anyone?

K-Flex apre all'estero e chiude in Brianza, coi soldi pubblici.

Che la "sinistra" sia l'alfiere della "globalizzazione" contro "populisti" e "sovranisti" mentre nello stesso tempo pretende di "difendere i lavoratori" è solo uno degli innumerevoli paradossi a cui ormai la gente è cosi assuefatta da non accorgersene nemmeno.

3 commenti:

  1. Processo in atto da ormai una dozzina di anni, ossia lo smantellamento di una buona parte del tessuto industriale e manifatturiero, sfruttamento di fondi pubblici per le delocalizzazioni e dumping salariale. Gli attori in gioco li conosciamo tutti: politici pronti a vendere pure la loro madre alle multinazionali e classe imprenditoriale che non si fà scrupoli di usare anche i soldi dei pensionati sui libretti postali per costruire aziende dall'altra parte del globo. In Svizzera, dove sono tutti scemi, le aziende che vogliono delocalizzare devono corrispondere una indennità pari a x anni di stipendio (ora non ricordo bene quanti) ai dipendenti che vengono licenziati, altro che usare i soldi dello stato. In Italia invece si punta solo a fare terra bruciata, nessuno si sogna nemmeno di mettere i sigilli ai cancelli di queste aziende e sequestrare tutto (sarebbe il minimo da fare).

    Poi scusa ma mi viene da ridere quando vedo Di Maio che si presenta fuori dalle fabbriche sull'orlo della chiusura. Avevamo proprio bisogno dell'ennesimo politico che và in mezzo agli operai per raccogliere consensi sulle disgrazie degli altri. Finche gli Italiani non impareranno ad accogliere questa gente e i sindacalisti a SBADILATE SUI DENTI non cambierà mai nulla.

    RispondiElimina
  2. Un esempio di citrocapitalismo (o di citrosocialismo, sono l'uno la metà simmetrica, duale dell'altro ovvero la stessa cosa).
    Arraffo i soldi pubblici per farmi i miei cazzi privati.
    I mariuoli affermano che "Siamo imprenditori e andiamo dove il mercato ce lo chiede, dove c'è lavoro". Si sono dimenticati di un piccolo particolare: che i liberi imprenditori in un libero mercato non pigliano neppure un euro di contributi pubblici.
    Liberi con i soldi pubblici.
    In effetti non male, dal loro punto di vista.

    RispondiElimina
  3. Vi invito a leggere gli editoriali alla voce "economia" di Corriere e Repubblica. Citando la signora Clinton a proposito degli elettori di Trump, voi due siete dei "miserabili".

    RispondiElimina