martedì, aprile 25, 2017

La merda in testa

Ennesimo esempio di quanta merda ha la gente nella testa e del livello infimo della "informazione". Oggi leggo titolone "Trump invia sottomarino nucleare verso la Corea".

Allora, per il popolino bue, gli USA hanno una quarantina di sottomarini nucleari, divisi tra il tipo "lanciamissili" e "attacco". I sottomarini lanciamissili sono quelli che portano un arsenale nucleare e costituiscono il famoso "deterrente", i sottomarini da attacco sono quelli che dovrebbero attaccare le navi e i sottomarini avversari.

La premessa fondamentale in entrambi i casi è la segretezza, la capacità di muoversi senza essere localizzati, ovvero nessuno deve sapere dove sono in ogni momento i sottomarini. Cosa significa in concreto? Che la notizia di cui sopra non ha alcun contenuto reale. Nessuno, tranne gli alti comandi, sa dove si trovano e dove si trovavano in passato i sottomarini nucleari americani o di qualsiasi altra Nazione. Il presidente Obama potrebbe avere collocato dieci sottomarini presso la Corea e nessuno lo saprà mai, Trump potrebbe non avere posizionato nemmeno un sottomarino presso la Corea e nessuno lo saprà mai.

Nota a margine: quando si muove un gruppo di navi che include una portaerei, è normale che tra le navi di scorta ci sia almeno un sottomarino d'attacco, la cui funzione è appunto quella di localizzare ed eventualmente attaccare i sottomarini avversari che minaccino la portaerei. Rispetto alla minaccia che il gruppo di navi può portare ad una certa Nazione, ovviamente il sottomarino d'attacco preoccupa solo le navi, la portaerei coi suoi aerei e i missili da crociera imbarcati sulle navi invece possono bombardare a centinaia di chilometri nell'interno. Come ho detto, il sottomarino lanciamissili opera solitario, furtivo e serve solo come deterrente nucleare.

Ora, leggo che la signora Boldrini, tanto per fare vedere che serve a qualcosa, dichiara che Facebook deve rimuovere tutte le pagine inneggianti al Fascimo. Ecco, il problema dei nostri giorni è che la gente non è capace di gestire gli strumenti che la tecnologia gli mette a disposizione. La distanza tra lo strumento e chi lo usa o chi lo subisce si allarga ogni giorno. I capoccioni tutto vogliono tranne che la gente padroneggi gli strumenti.

Mistificazione e distorsione del linguaggio, leggo a proposito delle elezioni in Francia: "le politiche anti-europee e razziste". Ovvero, chiunque sia contrario alla idea di Europa come soviet e alla idea del "Governo Mondiale", chiunque sostenga l'idea che un Popolo deve essere sovrano, autonomo nella sua terra, è ipso facto razzista, ovvero sostiene che gli esseri umani sono divisi in razze superiori e inferiori.

Il popolo bue ingoia tutto.

8 commenti:

  1. mi stupisco io stessa di quando ti condivido in questo post.

    RispondiElimina
  2. A discredito della Le Pen ho sentito dire pure che rappresenta la Francia "cattolica".
    Essere cattolici oggi e'un disvalore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è quello del discernimento, del pensiero che osserva la realtà e con scienza e conoscenza gli aspetti critici che è incompatibile con tutte le religioni, tradizionali, come quella cattolica e nuove come il marxismo/comunismo o altri ismi.

      Elimina
  3. Se essere cattolici significa essere seguaci del bergoglione direi che è vero, essere cattolici oggi è un disvalore grave. Se invece il cattolico odierno misconoscesse apertamente e vivacemente il bergoglione potremmo discuterne. Ma non mi capita di sentire spesso dei cattolici prendere aperta e sonora posizione contro il bergoglione e le scemenze che diffonde, particolarmente "in alto".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bergoglione è un francescone coerente con le sue credenze.
      Indichiamo il dito ma la luna è la religione.

      Elimina
    2. Appunto, infatti "non mi capita di sentire spesso dei cattolici prendere aperta e sonora posizione contro il bergoglione e le scemenze che diffonde".

      Elimina
  4. Bergoglio è la prova vivente (purtroppo) che non si può combattere il globalismo, l'europeismo, la globalizzazione, senza essere tacciati di arretratezza e provincialismo: bisogna sempre arrendersi alla volontà dei "poteri forti", anche se, questi, sono distruttivi per l'uomo. Chi dissente viene emarginato, punito (come fa il perito chimico argentino) contro i suoi critici...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vedo due fenomeni annidati.
      Il primo è la presa che le "elite apolidi" hanno sul mondo, controllano i governi, le grandi corporation, la finanza e infine la "opinione pubblica" tramite il lavaggio del cervello.

      Il secondo è che la "sinistra" ha sostituito il mito dello "operaismo" con una sorta di "umanismo" che mantiene il "nemico di classe" e tutti i rituali degli anni '70. Il "paradiso dei lavoratori" diventa il "paradiso degli ultimi, dei diseredati, di chi fugge" eccetera.

      Le "elite apolidi" usano la "sinistra" con la sua prassi di colonizzare i salotti e i bordelli, le scuole e i tribunali, le macchinette del caffe e le bocciofile, come manovalanza per il lavaggio del cervello che abitua la gente ad ingoiare le cose più assurde, siano queste la liberalizzazione delle droghe, i "matrimoni" di minerali e vegetali, le cliniche del dottor Mengele, la cittadinanza a tutti e quindi a nessuno, la soppressione degli Stati nazionali e della sovranità popolare, eccetera.

      Assere bollati come pazzi criminali o ignoranti mentecatti quando si dissente è antica tradizione comunista. I dissidenti sovietici finivano al manicomio perché la teoria era che solo un pazzo poteva rifiutare il benessere e la felicità donati dal marxismo-leninismo.

      Oggi, dato che il lavaggio del cervello è capillare e onnipresente, dati gli strumenti tecnologici e le abitudini, il conformismo è assoluto. Nelle cose grandi e piccole, oggi per esempio notavo che quasi tutti hanno un tatuaggio.

      Elimina