martedì, luglio 04, 2017

Ancora sullo Stato e il Bilancio

Sicilia, il buco di bilancio lasciato da Crocetta mette a rischio i conti pubblici nazionali.
Mentre da Repubblica mi informano, se fossi stato ibernato per vent'anni, che gli immigrati pagheranno le nostre pensioni. Ma delle "prestazioni" erogate da INPS solo un terzo sono di natura pensionistica. L'articolo cita alcune di queste "prestazioni" in carico all'INPS, tipo "Bonus mamma domani","Ape sociale e Ape volontaria", il nuovo contratto di prestazione occasionale, "PRESTO", le visite fiscali nel pubblico impiego, e dal 2018 il "nuovo Reddito di Inclusione". La Cassa Integrazione: "siamo di fronte a un sussidio prolungato che riduce in modo continuativo il costo del lavoro di alcune imprese".

Una Nazione fondata sulle balle.
Che soffre per la "rivoluzione liberale" e le "politiche del rigore".

Edit: Fischia il vento, infuria la bufera...

Edit: detto meglio di quanto possa fare io.
Vergogna vergogna vergogna.

19 commenti:

  1. http://www.corriere.it/economia/17_luglio_04/boeri-chiudere-frontiere-migranti-costerebbe-38-miliardi-bcb27ab6-609d-11e7-b845-9e35989ae7e4.shtml

    RispondiElimina
  2. Allora, io non conosco il signor Boeri ma tempo fa mi hanno detto che il "saggio" attacca il ciuccio dove dice il padrone. Cito Wikipedia:

    "È stato consulente del Fondo monetario internazionale, della Banca Mondiale, della Commissione europea e del governo italiano, nonché senior economist all'OCSE dal 1987 al 1996. È inoltre research fellow del CEPR, del William Davidson Institute dell'Università del Michigan, del Netspar dell'Università di Tilburg e dell'IZA - Institut zur Zukunft der Arbeit (Istituto per il Futuro del Lavoro) a Bonn. È membro del Consiglio della European Economic Association. Ha collaborato con il quotidiano Il Sole 24 Ore, La Stampa e poi la Repubblica. Con il contributo di altri economisti, tra i quali Pietro Garibaldi, ha fondato i siti lavoce.info (rivista online su cui si confrontano le opinioni sull'economia italiana e internazionale) e Voxeu.org, ed è direttore scientifico del Festival dell'economia di Trento."

    E questo ci dice che, oltre a non essere un pirletta qualsiasi come me, il signor Boeri frequenta certi ambienti che sono quelli dove si decidono i nostri destini.

    Ma la cosa fondamentale è questa:
    "Il Consiglio dei Ministri del 24 dicembre 2014 lo ha nominato presidente dell'INPS."
    Ovvero il signor Boeri, correggetemi se sbaglio, è li a parlare dell'INPS perché è stato incaricato dal Governo Letta e il signor Letta, il quale spero non sia stato eliminato come nella Russia staliniana dopo lo "stai sereno" del Caro Leader sua Eccellenza Renzi, era il più giovane ministro della Repubblica, con incarico alle "politiche comunitarie" (boh) nel Governo D'Alema.

    Il mio ragionamento è che una persona che è "consulente del Fondo Monetario Internazionale" e che è stato incaricato da un Governo della attuale "sinistra", molto difficilmente ci dirà qualcosa di negativo sugli immigrati ma al contrario ci ripeterà cose già sentite, tipo:
    1. immigrazione fenomeno naturale
    2. gli immigrati sono risorse che sostengono l'economia e lo stato sociale
    3. l'accoglienza è un dovere

    Perché fa parte del suo lavoro, plain and simple.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' come il Papa, fa il suo lavoro quando ti dice che gli immigrati ti stanno facendo un favore, brutta merda che non sei altro:
      "Papa Francesco all'Ansa:
      La presenza di tanti fratelli e sorelle che vivono la tragedia dell'immigrazione è un'opportunità di crescita umana, di incontro e di dialogo tra le culture, in vista della promozione della pace e della fraternità tra i popoli."
      Non solo ti pagano la pensione ma ti fanno crescere umanamente, te cosi gretto e meschino e promuovono la pace e la fraternità tra i popoli, che te sei li con gli F-35 pronto a bombardare.

      Certo, una persona sana di mente chiederebbe al Papa come mai gli immigrati non rimangono a casa loro e la sua risposta sarebbe "perché tu vai li a bombardare le loro case e a rubargli il frutto del loro lavoro, la terra, eccetera, come hanno fatto i tuoi antenati per secoli". Merdaccia.

      Il copione.

      Elimina
  3. Boeri e Bergoglio frequentano senza dubbio certi ambienti che sono quelli dove si decidono i nostri destini. Sono pedine di quel destino, che però non sia decide in mano loro. L'impero apolide dello Scudo Rosso ricorre all'arma della distruzione totale dei suoi alleati perché sa di correre per la prima volta un pericolo mortale, e non lo nasconde nemmeno più. I giochi in Syria non procedono come USIS vorrebbe. Hanno probabilmente fatto un errore piuttosto grande nel sottovalutare l'avvrsario, nel pensare che il domino Siria->Iran->Russia potesse essere fatto cadere più facilmente tramite morte e distruzione, staterelli fantoccio e rivoluzioni colorate. Invece il blocco avversario si è compattato più del previsto, i russikies giocano bene la carta dell'attesa e intanto lavorano su alleanze che non potranno essere tollerate dall'élite, vedasi l'incontro tra Putin e Xi di due giorni fa. Lo Scudo Rosso sembra non essere nemmeno riuscito ad impedire l'atomica in mano ai nordcoreani, vedasi notizie di oggi. Incubo di ogni tempo del patto atlantico, un blocco eurasiatico sarebbe l'ovvia fine del petro$ e l'ovvio inizio di una guerra che non avrebbe pietà, sappiamo bene gli armamenti in gioco. Nel campo di battaglia europeo allora forse sarà meglio disporre di soldatini coloro carbone a difendere l'Impero. Sperando che tutto questo sia una visione e non reali preparativi a quello che sanno essere in arrivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho la pretesa di conoscere o capire le strategie a quella scala.

      Vedo solo il mio pezzettino di mondo e da quello posso indovinare cosa c'è sopra e cosa c'è sotto, come illuminare un bosco con una torcia tascabile.

      Boeri e Bergoglio non sono pedine, se non sono re e regina, sono alfieri o cavalli. Le pedine sono qualche livello più in basso, tipo il sindaco del mio Comune o l'articolista di Repubblica o Espresso.

      Sono cose che mi preoccupano ma sono comunque abbastanza lontane da me, le percepisco come una minaccia incombente ma vaga.

      Invece le cose che mi atterriscono sono quelle che vedo nella vita di tutti i giorni, le persone che incontro. C'è in giro un livello di follia e di ignoranza, manifesto negli automatismi, in tutto quello che è dato per scontato, che più ci sbatto il muso e più mi sembra inconcepibile.

      Infine, non è bello vivere con davanti solo due possibili futuri, la balcanizzazione dell'Italia e dell'Europa o il regresso rassegnato verso le favelas del Terzo Mondo.

      Elimina
    2. Una cosa sulla Russia e Putin.

      Ai Russi piace Putin per la stessa ragione per cui agli Italiani del primo Novecento piaceva Mussolini: il tenore di vita medio in Russia è aumentato moltissimo mentre Putin governava.

      La cosa incomprensibile è che mentre qui le cose vanno a rotoli o in Grecia, che è uguale al Meridione italiano, la gente guardi a persone che propongono come soluzioni quelle che sono una grossa parte dei nostri problemi. Per me che in Italia e in Grecia si sia pensato che Tsipras e Fankulakis fossero i profeti mandati a portare il Popolo fuori dal deserto è inconcepibile, paradossale, fantastico. Ricordo ancora quando qui erano tutti eccitati "dobbiamo trovare lo Tispras italiano!". E siamo ancora li, con i "convegni" da cui il post precedente quello della gita.

      Boh. E' tutto uno scherzo.

      Elimina
    3. Sai, io non riesco a guardare il mio orticello senza pensare a sapere come funziona l'agricoltura in senso lato. Il degrado e la favelas sotto casa mi piace sapere che origine abbiano, inquadrare l'ordine e il desiderio dei miei padroni. Son fatto così, attratto dai massimi sistemi. Sarebbe bello poterlo combattere anche, questo degrado e questo nemico, ma il livello di follia raggiunto è tale che la disconnessione tra quello che succede e quello vogliono farci pensare è totale, insanabile. Un crack del paradigma è quello che si attende. Sai perfettamente che prima che qualcosa possa andare nuovamente bene, tutto debba passare per il tragicamente male. Ma il substrato ideologico dell'occidente è ancora troppo permeato dalla svolta impressa dalla rivoluzione francese prima e dai vari internazionalisti e progressismi poi, utilizzati come stupido cavallo di troia per i loro progetti dagli imperatori dello Scudo Rosso (Rotschild, ma credo ti fosse chiaro).
      A proposito, interessante questo libro:
      https://www.goodreads.com/book/show/23017824-no-global---l-irresistibile-ascesa-dell-antagonismo-anarchico

      Elimina
    4. Si, tu puoi speculare ma, stante il fatto che non hai accesso alle informazioni e che le cose che ti vengono comunicate sono artefatte, per me è un po' un esercizio futile, preferisco limitarmi alle cose che so. Tra l'altro anche li non posso fare (quasi) niente, dato che sono solo io contro una moltitudine.

      Elimina
  4. Vi chiedo scusa, caro amico @Lori e sconosciuto @Andrea, se le mie parole possano sembrarvi offensive, ma sul Dr. Boeri e su quanto ha recentemente denunciato agli Italiari ( e cioè che l' Inps, senza i contributi dei lavoratori stranieri che operano nel nostro paese è destinato al fallimento ), io trovo elementi inequivocabili di verità ! E badate bene, non perchè io abbia la sfera di cristallo, o perchè ne sappia più di voi due, ma semplicemente perchè ho rivisto la storia della Germania di qualche anno fa : alla caduta del muro, si ritrovarono, la Germania di Bonn, ricca e prosperosa, mentre la Gemania Comunista era ridorra in condizioni miserrime ! Ebbene, come fecero i capi tedeschi preposti nelle istituzioni germaniche ??? Regolarizzarono i Curdi e i Pakistani che lavoravano a pieno ritmo nel territorio tedesco ( principalmente nella Germania Ovest ), e, assorbendo i contributi Inps versati da costoro, ripareggiarono, in poco più di un anno il gap non solo contributivo, ma anche politico esistente fra le due nazioni ! Quindi, è vero come asserite voi che il Dr. Boeri è stato posto a Presidente dell' Inps dal Governo Renzi e dalle Autorità finanziarie mondiali, ma è soprattutto vero che solo regolarizzando i lavoratori stranieri ( che attualmente lavorano al nero ), si potrà evitare il crac a breve dell' Inps, con gravissimo danno sia per l' Italia che per l' Europa !
    Bruno De Angelis

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le tue parole non sono offensive, sono tristi.

      Per queste ragioni:
      1. quando l'impero romano era prossimo al collasso, gli imperatori inviavano carri d'oro con sopra le loro sorelle ai capi barbari. Non mi sembra che dare via il culo per cercare di conservare lo status quo di chi è sull'orlo del baratro sia una idea geniale. Ovvero, scambiare stipendietti e pensioncine in cambio dell'annientamento etnico, culturale e della dissoluzione della Nazione e quindi dello Stato.

      2. il ragionamento del signor Boeri, che poi è solo l'eco ennesima del ritornello che riecheggia da vent'anni sui "lavori che gli Italiani non vogliono fare" e sul "pagheranno le nostre pensioni", è fallato per due ragioni.
      2.a, non considera perché non fanno capo all'INPS i costi del traghettare gli immigrati e i costi del vitto, alloggio e assistenza sociale e sanitaria degli immigrati.
      2.b, parte dalla ipotesi assurda che se il lavoratore straniero scomparisse il suo posto rimarrebbe vacante, cosa che contraddice il fatto che in Italia abbiamo quasi il 12% di disoccupazione, oltre che centinaia di migliaia di cassaintegrati sine die.

      Infine, gli immigrati non sono tutti uguali. Quelli che vengono dall'Europa dell'Est non soggiornano nei centri di accoglienza e non bivaccano nelle stazioni, cacando nelle aiole. Oltre il fatto che quasi sempre è gente con un mestiere.

      Circa il fatto che il signor Boeri sia stato incaricato dal governo Letta, è storia, sei libero di andare a verificare.

      Elimina
    2. Circa il "crack" dell'INPS è INEVITABILE ed è cosi dagli anni '70.

      Il meccanismo è progettato per fallire, dato che le pensioni NON SONO PAGATE con le somme accantonate durante la vita lavorativa, cioè i "contributi" ma sono pagante con LA FISCALITA GENERALE, ovvero con le imposte ordinarie. Tutto l'INPS è una grande commedia, una finzione, che viene tenuta in piedi da Governo e Parlamento perché a questo punto nessuno ha il coraggio di dire che è tutta una finta. L'INPS esiste come la RAI e come qualsiasi azienda pubblica SOLO perché lo Stato continua a ripianare i buchi di bilancio, col risultato che sappiamo, ovvero crescita incontrollata del Debito.

      Anche ignorando i punti sopra elencati, tutto quello che puoi fare è rallentare l'inevitabile collasso. Ma siccome io conosco un signore, ex dipendente delle Ferrovie, che è andato in pensione a 39 anni col metodo retributivo, è ovvio che il concetto stesso della "pensione" e della "contribuzione" è una frottola.

      Elimina
    3. De Angelis, leggi il post sopra questo, va.
      Poi torna a ridirmi il discorso di Boeri.

      Elimina
    4. Che dirti ??? Mio carp amico, hai ragione su tutto, ma ti faccio notare :
      1)=Gli antichi Romani ( che poi sono i miei antenati ... essendo io un Romano de Roma ), è vero che schiavizzavano i Popoli conquistati, ma è altrettanto vero che, ove questi avessero pagato a Roma le tasse dovute, i conquistatori lasciavano i capi dei Popoli annessi a fare ancora i capi, li lasciavano liberi di conservare, oppur no, le loro tradizioni, i loro costumi, le loro religioni ... e così, nei millenni, queste tradizioni autoctone e queste religioni si sono conservate integre fino a noi ;
      2)=in Germania, è grazie ai contributi pagati dai lavoratori Curdi ( soprattutto da questi ), e da tutti gli altri lavoratori ( Pakistani, Spagnoli, Italiani ... ), una volta fattoli emergere dal mare vasto del "lavoro nero", se la Germania è diventata in breve tempo UNA e INDIVISIBILE, crescendo quindi fino ad essere LA LOCOMOTIVA D' EUROPA !
      Come vedi, mio caro @Lorenzo, non tutti i mali vengono a nuocerci ! ^_^

      Elimina
    5. La prima cosa è palesemente falsa.
      In tutte le terre annesse a vario titolo all'Impero veniva applicata la assimilazione agli usi romani, le città diventavano tutte uguali e il latino diventava la lingua convenzionale e il greco la lingua degli intellettuali. Le "tradizioni autoctone" NON si sono affatto conservate, sono state cancellate, tanto che di alcuni popoli non sappiamo (quasi) niente, come dei Celti e dei Traci. Quelle che sono arrivate fino a noi sono le lingue e le tradizioni POSTERIORI all'impero romano, cioè quelle delle tribù germaniche che si sono imposte e hanno sostituito la loro lingua e i loro costumi a quelli romani. Ovvero, in Gran Bretagna c'è il vallo di Adriano ma non c'è rimasto niente delle genti che abitavano l'isola all'epoca, abbiamo invece la storia delle successive invasioni sassoni e scandinave. Se vuoi fare una similitudine, è quello che sta succedendo a noi con gli USA, siamo costretti a sostituire la nostra lingua con la loro e i nostri ragazzi scimmiottano i modelli di comportamento che gli vengono imposti dai "media".

      Il secondo punto lo ripeti e mi fai ridere, la Germania l'hanno fatta i Curdi e i Pakistani. Peccato che io in Germania ci sono stato e questa frottola mi rimbalza. Con gente come te è inutile ragionare, siete dei fanatici irrazionali.

      Elimina
    6. Ti faccio un favore a non pubblicare altri tuoi commenti, credimi.

      Te sei uno che "mi fa notare" quanto non sa di cosa parla. Non serve che tu me lo faccia notare.

      Sei un romano che non sa nulla della storia di Roma. Che poi non è colpa tua, dipende dal fatto che come la maggior parte degli Italiani ha trascorso un certo numero di anni parcheggiato in una scuola con degli insegnanti terroni che a fatica sapevano leggere e scrivere e alla fine ti hanno spedito fuori con un "pezzo di carta" e buonanotte.

      D'altra parte, abbiamo un Ministro dell'Istruzione e Ricerca Scientifica che non ha nemmeno un diploma di Scuola Superiore, per dire. Manco il "pezzo di carta". Giustamente, direi.

      Il risultato è che il 70% degli italiani notoriamente è un analfabeta funzionale. Poi votano, senza sapere e senza capire una fava.

      E si bevono tutti i racconti fantastici che gli vengono propinati come se fossero fotografie della realtà, poi si bevono il contrario e va bene uguale.

      Elimina
  5. Sei un mentecatto inguaribile, e vaneggi, delirando e sparando fregnacce !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, pubblicato il tuo commento, contento?
      Cosi chi legge si fa una idea del tuo potenziale.
      E questo è uno dei più semplici.

      Te l'avevo detto che li cancello nel tuo interesse, specie da quando hai fatto l'errore imperdonabile di firmarti Bruno De Angelis.

      Elimina
    2. Intanto io ho ribattuto alle cose che mi hai "fatto notare" dicendoti che non sai di cosa parli. Nel caso della Storia, non posso che rimandarti alla letteratura, documentati. Nel caso della Germania, io ci sono stato proprio in corrispondenza degli anni in cui si attuava la Unificazione e la faccenda dei Curdi e dei Pakistani è una fandonia, non servono discorsi complicati, vai a vedere il PIL della Germania è il doppio di quello dell'Italia con 1/3 in più della popolazione. Significa che il PIL pro capite è molto più alto, ovvero che ogni "tedesco", che sia immigrato o autoctono, produce più ricchezza di quanto faccia ogni "italiano", immigrato o autoctono. Inoltre, l'incidenza del prelievo fiscale sul PIL è la metà, significa che ad ogni "tedesco" rimangono molti più soldi in tasca una volta pagate le imposte e questo a sua volta significa che in Italia la Spesa pubblica spreca gran parte delle finanze.

      Eppero, io sto delirando.

      Elimina