domenica, luglio 09, 2017

Nel 2018 sarà operativo il Global Compact


Louise Arbour, funzionario imperiale
La rappresentante speciale per le migrazioni del Segretario Generale Onu.
Nel 2018 sarà operativo il Global Compact per favorire gli ingressi legali per motivi di studio, lavoro e ricongiungimento familiare di chi non ha diritto allo status di rifugiato.

Nella indifferenza generale, eccovi la presentazione ufficiale:
Our Action Platforms bring business leaders, civil society, Governments and the UN together to shape the future of action on the Global Goals.


Il Global Compact sarà operativo nel 2018

Mi ricordo tanti anni fa quando dicevo che c'era un Piano, un disegno preciso dietro i "fenomeni epocali" mi davano del matto con la stagnola sulla testa. Eccovelo qui, con tanto di fischietti e campanelli. Io vi disprezzo tutti e vi direi che vi meritate tutto quello che vi capiterà, a voi e ai vostri discendenti. Se non fosse che nel poco tempo che mi resta, verrò macinato anche io nello stesso tritacarne.

Il disastro etico, politico, sociale ed economico.
Cosa ci dice la rivelazione del settimo segreto del piccolo pastorello Renzi, immediatamente nascosta dalla Chiesa nei sotterranei?

Che LO SANNO quali conseguenze ci saranno PER NOI a seguito dei "Global Goals", LO SANNO che l'Italia e gli Italiani SARANNO MACINATI.
Non sono solo scemi, tonti, naive, pazzi. No no, ci stanno portando al macello in tutta coscienza, consapevoli e lo stanno facendo CONTO TERZI.

Per quanto mostruoso sia che un Popolo venga portato al macello dai suoi "leader", c'è una logica. In certi racconti di Fantascienza arcaica arrivano gli alieni e propongono ai governanti un patto per cui li lasceranno in vita a comandare i pochi umani risparmiati se si presteranno a facilitare l'invasione e lo sterminio della propria specie. La cosa veramente inconcepibile è che le masse si avviino suonando i pifferi e i tamburelli, contente, soddisfatte, verso il macello. Sempre al netto del fenomeno da cui al post precedente che dietro le apparenze e le convenzioni c'è quasi sempre ben altro. Leggevo una lamentela sulla "sconfitta elettorale del PD". Ma questi cosa cazzo hanno in testa, davanti al "Global Compact" sono qui a pensare al fottutissimo PD, invece di accatastare sacchi di sabbia alle finestre. Merdine.

Siamo finiti e saperlo non è un bel vivere.
Nota di colore: come si dice in inglese "società civile"? Si dice "civil society". Anche le espressioni farlocche, vane, che sembrano solo un po' sciocchine sono in realtà parte del "global". Le menti vengono condizionate su scala planetaria e ormai sono cosi sicuri del fatto loro che ci viene è tutto spiattellato davanti.



Se avete un bloggettino, se usate gli aggeggi dei furbofoni, opponetevi.
Ora e sempre Resistenza. Ironia della Storia. Ma anche no.

9 commenti:

  1. Favolosa ironia. Un piano per la distruzione di un/vari popolo/i, che avrà come risultato la distruzione definitiva dell'Impero che questi popoli lo componevano.
    Si illudono a pensare che questi nuovi soldati vinceranno la guerra che stanno preparando. Chissenefrega per noi che non ci saremo dopo, ma tant'è.
    Sai perfettamente che si scrive Global e si legge "West": gli avversari si fanno sempre più forti, e la disperazione e la fretta sembrano aumentare nel quartier generale dell'Impero. Sappiamo non essere buone consigliere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avresti dovuto rispondere "red five, standing by"

      Elimina
    2. Non sentire quelle voci che ti danno mille croci
      Che ti vogliono indifeso
      Che ti vogliono già arreso
      Che non ti hanno venduto
      Che non ti hanno mai creduto
      https://www.youtube.com/watch?v=5F_kitMzkRU

      Elimina
    3. Correzione, "che ti hanno già venduto".

      C'è una cosa che mi separa da quella ideologia/prassi, io mi sono auto-costruito e quindi ho una visione se vogliamo "aristocratica", da "Lancillotto" dell'essere più che "ardito" inquadrato in una milizia.
      Inoltre i miei riferimenti storici sono più nel Medioevo che nell'età classica, più Roncisvalle che Termopili, per una questione di prossimità temporale e anche "morale" (a parità di finzione).

      Non so se riesco a spiegarmi.

      Elimina
    4. Come per altro si dovrebbe indovinare dal nome e dal titolo del blog che si rifà all'epica di Tolkien antecedente gli Anelli.

      Elimina
    5. Messo male per iscritto. Infatti è "che ti hanno già venduto".
      In ogni caso, ideologia e prassi sono proprio il punto debole dell'Impero. La visione dello Scudo Rosso è numeri, armi e nichilismo. L'anticristo di Benedetto Croce. Carlo Magno o Leonida che siano, senza una tale figura, come organizzare la Resistenza?

      Elimina
    6. Non ci sarà nessuna resistenza organizzata.

      Ognuno di noi deve decollare ogni giorno col suo aeroplanino per lanciarsi contro la stazione da battaglia imperiale difesa da tutta la flotta di corazzate e incrociatori. Con la doppia difficoltà della lotta cosi impari da essere ridicola e la frustrazione di combattere una guerra civile.

      Oggi siamo DOPO le Termopili, siamo DOPO Caporetto, il fronte è crollato molti anni fa e adesso i compagni, scagnozzi delle elite apolidi, dilagano. L'Italia è già finita e l'Europa è già finita, solo che nessuno se ne rende ancora conto.

      Adesso può essere solo guerriglia e non perché pensiamo di invertire il danno ormai fatto, quanto perché non esiste alternativa.

      Elimina
    7. Aggiungo che tra le altre considerazioni è ovvio che la "destra", raccontata ad ogni piè sospinto come il "bau bau" degli idioti, NON ESISTE.
      Non ho voglia adesso di ripercorrere il significato storico dei termini "sinistra" e "destra".
      Banalmente, tutto quello che ci viene scaraventato contro non incontra nessuna opposizione proprio perché non esiste una ideologia e una prassi che possano essere antagoniste. Da cui, ognuno di noi agisce da solo.

      Elimina
  2. Intanto, la situazione continua a peggiorare e, come dico sempre, ci avviamo felici e contenti verso la guerra civile.

    RispondiElimina