martedì, ottobre 10, 2017

Altra gita ai Piani di Artavaggio

Rieccoci, ai primi di Luglio salimmo con Giuseppe ai Piani di Artavaggio.

Ci siamo tornati questo sabato ottobrino, io in maniche corte e Giuseppe col triplo strato. Gita raccomandata a grandi e piccini, c'è una strada in leggera pendenza da Passo Culmine (ma parcheggio inesistente) o la funivia che parte da Moggio. Differenza di colori tra le stagioni. Anche questa volta ringrazio Giuseppe per tutte le foto, tanto più che stavolta si è tirato dietro la reflex.











Nota a margine: nel rifugio dove abbiamo pranzato ai tavoli servivano due signorine rumene, una delle due era vestita da "cowgirl" mentre lo stereo passava musica country senza soluzione di continuità.

30 commenti:

  1. Perché senza soluzione di continuità?
    O "in continuazione"?
    Comunque belle foto, bravi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era un flusso ininterrotto di nenie "country", come se fosse una unica nenia indistinguibile. Che poi a parte la cameriera rumena vestita da carnevale non c'era nessun altro elemento in tema. Niente di male, solo che mi dicono che io sono nazista col mio integralismo.

      Elimina
    2. A margine, non sai la fatica a trovare qualcuno che voglia passare un giorno all'aria aperta.

      Elimina
  2. Belle foto però ne manca una con la tua espressione mentre ascolti il country guardando le rumene.. :D

    RispondiElimina
  3. Qui sui Nebrodi in sicilia si sono portati avanti: la stessa identica situazione, solo che il rifugio si chiama "barracca". Ci sono le rumene, e anche belle in carne. Sai, quel "sovrappeso" che non dispiace -
    Ma il valore aggiunto sta nel fatto che dopo il pranzo e il bicchiere di amaro, se tiri in disparte il proprietario e ti metti d'accordo, quello ti combina un appuntamento con la donna di tuo gradimento nella tale casetta di campagna in contrada tal dei tali all'ora x.
    Più o meno con una trentina di euro te ne esci.
    Niente male.
    Non ancora provato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo tuo commento a me rovina la poesia ma a qualcun altro la fa venire.

      Elimina
  4. Risposte
    1. Le ha scattate Giuseppe, come le precedenti.

      Io un po' sono pigro e un po' ho problemi con la vista.

      Se venissi dalle nostre parti, tempo permettendo, puoi anche aggregarti. Ma lo so che anche te sei ammaliata dal centro di Milano.

      Elimina
    2. Quando posdo porto Slim lungo i sentieri anche se sono gite meno impegnative delle tue.

      Elimina
    3. Sto aspettando Giuseppe per andare a fare un giro alle pendici della Grignetta (montagna più piccola sita a fianco della Grigna). Roba per famiglie, niente di impegnativo.

      Elimina
    4. Scusa se cambio argomento, magari mi mandi un messaggio, ma perchè mi hai tolto dal blogroll?

      Elimina
    5. Posso scriverlo qui.
      Non ho tolto solo te, ho tolto tutti tranne i blog strettamente tecnici.

      La ragione è che non condivido la non-moderazione dei commenti, dove chiunque può scrivere qualsiasi cosa. Io sono della idea che non solo si deve moderare nel merito dei contenuti, ovvero che non tutte le "opinioni" hanno pari dignità o, per usare una espressione abusata, meritano uguale "rispetto" ma che sopratutto non è ammissibile che si cerchi di azzittire la gente tirando fuori cose che non hanno niente a che fare coll'argomento in questione.

      Se vuoi ti faccio un esempio concreto: a me non da nessun fastidio se mi danno del cretino motivando la affermazione con un ragionamento. Si tratta di vedere cosa è vero e cosa è falso, cosa giusto e cosa sbagliato. Invece non posso accettare che qualcuno si inventi che mia madre percepisca una pensione che non percepisce o che mi si dica che non posso "sparare" su qualcosa o qualcuno (es. dire che gli studenti italiani sono semi-analfabeti) perché sono brutto, sono uno sfigato, che vado a troie, eccetera eccetera.

      Siccome quanto detto sopra è LA PRASSI di un certo tipo di "utenti" e siccome questa prassi viene o tollerata o addirittura incentivata, preferisco non avere un rimando nel mio blog a questi fenomeni.

      Ti torna la spiegazione oppure no?

      Elimina
    6. Hai tolto anche il blog per dare i cani in adozione!
      Comunque come spiegazione non mi piace, quel commento l'ho tolto dietro tua indicazione, ma non ti ho mai censurato, forse il mio è uno dei pochi blog dove ancora scrivi, presumo che se ci passi così di frequente è perchè ti interessa, altrimenti lo eviteresti.

      Elimina
    7. I cani in adozione.
      Nella mia ingenuità pensavo di avere a che fare con persone "normali" intenzionate a mitigare un problema. Ho capito che invece le stesse persone sono la causa del problema di cui si propongono poi come soluzione. Inoltre, più mi documento sul concetto contemporaneo di "cane" e più mi convinco che sta diventando un succedaneo dei nostri simili, cosa che rappresenta una perversione che si inquadra nel contesto generale dei cambiamenti da cui il Mondo Nuovo.

      I commenti.
      Sara, forse non mi sono spiegato. E' INTOLLERABILE che io debba chiederti di fare una cosa che tu dovresti fare di tua sponte perché è tuo dovere e perché è la cosa giusta da fare. Tra l'altro, se/quando mi trovassi nella condizione di dovere essere "moderato", per me sarebbe solo giusto e normale, coerentemente.

      Il fatto che io commenti nel tuo blog non significa affatto che concordi ne con altri che commentano ne, sopratutto, col fatto che tu NON MODERI i commenti, come sopra.

      Infine, a proposito della "censura".
      Premesso che tutti sbagliano, tutti possono avere cinque minuti per vari motivi, tutti hanno aspetti positivi e negativi.
      Non si tratta di censura, si tratta di METODO.
      Come ho detto oppure ho cercato di dire, se io scrivo a proposito degli scacchi è INAMMISSIBILE che si replichi a proposito di tua/mia/sua madre. Una replica del genere non mira a controbattere ad una tesi con un'altra tesi, mira ad azzittire la persona con uno strumento quanto più laido possibile.

      Facciamo un esempio: i talk show. Immaginati di essere la Berlinguer che invita Renzi e che ne so, la Meloni ad un dibattito. Renzi dice "secondo me bisognerebbe istituire una tassa sulle biciclette rosse" e la Meloni replica "tua moglie ti fa le corna". Cosa ci sta a fare la Berlinguer? Serve per "dirigere" il dibattito allo scopo di contenerlo entro certi limiti e possibilmente allo scopo di approfondire le parti più significative e evitare le cose meno interessanti.

      Elimina
    8. Ripeto, non temo affatto la tua censura. Diamo per scontato che se me lo merito, è giusto che succeda e poi, come dici, mica sono costretto a subire.

      Invece temo il fatto che non si percepisca la differenza tra argomentare e tirare fuori "tua moglie ti fa le corna". O peggio, che dia la licenza di caccia a certi "frequentatori" in modo che questi sollevino il titolare dalla incombenza di moderare il blog.

      Mi dicevano tempo fa che se tu scrivi un blog vuoi che vengano a commentare quelli che la pensano come te. Per me è assolutamente demenziale. Io scrivo "piove governo ladro" e mi trovo commenti tipo "bravo!", "è proprio vero", "piove, governo ladrissimo", eccetera. Insomma una scarica di leccaculo, a cui magari poi io rendo il favore andando a leccare culi nei loro rispettivi blog.

      Comunque, non sei tu in particolare il problema, come dicevo, è una PRASSI e fa ridere vista la tarantella sulle "fake news" e le proposte di controllo para-governativo stile Corea del Nord dei contenuti disponibili sul Web (che poi noi siamo i fossili dei blog ma la gente intende twitter, facebook eccetera). Il fatto che sia la prassi significa che è meccanicamente ripetuto in tutti i blog, è la norma.

      Io contesto e al momento posso solo fare cosi.

      Elimina
    9. Lorenzo vai a dare il ramato!
      Anzi no, adotta un cane, così lo porti in giro e magari trovi la fidanzata e smetti di essere acido.

      Elimina
    10. Ecco, questo è un tipico commento di quelli di cui dicevo sopra. Adesso voglio credere che tu l'abbia scritto per fare dell'ironia.

      Avevo scritto una replica nel merito ma mi auto-censuro perchè non voglio maramaldeggiare.

      Elimina
    11. No, davvero! Un cane e una fidanzata.

      Elimina
    12. Allora me lo tiri fuori con le pinze.

      Prima scrivevo che l'idea contemporanea del cane è quella del succedaneo della persona. Adesso applica questo concetto non su di me, che NON possiedo (nota possedere che nega l'idea di adottare come figlio) un cane, applicala su di te, che invece ce l'hai.

      Elimina
  5. va bene le belle ragazzre rumene, ma almeno avete mangiato bene ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un problema.
      Una volta i "rifugi" erano posti si ristoro alla buona e trovavi polenta e salsiccia, formaggio, qualche insaccato.
      Adesso si stanno trasformando in alberghetti e cercano di fare cose più complicate, spesso con risultati mediocri, cioè il livello della trattoria qualsiasi. Quando cominci a leggere "menu prezzo fisso" o "self service"...

      Mi accusano di essere un integralista ma capisco che ognuno cerca di guadagnare e per allargare la clientela devi accontentare veramente chiunque, anche quelli che vogliono i frutti di mare e non scherzo, come puoi vedere qui.

      Elimina
  6. Dopo la maturità feci un breve periodo di lavoro al rifugio Nicola.

    RispondiElimina
  7. Che foto spettacolari
    Ma uno dei due ritratti nell'ultima sei tu?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo pubblicare la gita di sabato con altre foto di un posto che si trova dalla parte opposta della valle rispetto a questo. Io sono a destra ma adesso non ho la barba e ho i capelli più corti.

      Elimina
    2. Se non me lo avessi detto non lo avrei capito che il dx eri tu

      Ma sono pessima nel riconoscere i visi, sorry :)

      Elimina