martedì, giugno 12, 2018

Idioti e menzogne

Allora partiamo da presupposto delle Elite Apolidi della Trilateral, sul genere Soros.

Ecco, considerato questo, passiamo al fatto che gli orfani della Dittatura del Proletariato vedono nella immigrazione un'arma con cui abbattere finalmente l'odiata Borghesia. Non importa che l'immaginario della cosiddetta "sinistra" sia tutto un casino di percezioni distorte e unicorni che mette insieme cose disparate e spesso contraddittorie, l'importante è che si possa continuare ad avere uno scopo e un posto nel mondo.

Addiveniamo finalmente ai fatti. I fatti sono che:
1. l'immigrazione è reclutata in Africa promettendo ai giovani sfaccendati la vita del rapper che vedono su Internet, è organizzata dal punto di vista logistico dalle succitate Elite Apolidi che ne fanno uno strumento del Nuovo Ordine Mondiale, come chiaramente spiegato con banale semplicità qui. Gli immigrati non sono selvaggi, ognuno ha in mano il suo smartphone che funge da "finestra" sul mondo distorto a bella posta, vedono le stesse cose dei ragazzi italiani.

2. gli immigrati non fuggono da niente, gli è stato promesso il Paese dei Balocchi, ovvero un posto dove tutti sono ricchi, nessuno lavora e le donne bianche gliela sbattono in faccia. Il Saviano di turno piange per le condizioni a cui devono sottostare. Che però sono le stesse a cui devono sottostare i ragazzi nativi del paese di Saviano. Gli Italiani del Sud che non possono o non vogliono campare di sussidi devono emigrare. Nel passato ai loro antenati veniva promesso lo stesso che cercano oggi i giovani africani, prendete il bastimento e andrete in un posto dove tutti sono ricchi, nessuno lavora e le donne ve la sbattono in faccia. Poi anche loro si trovavano nei ghetti a campare di espedienti o sfruttati. Questa è solo una delle centomila contraddizioni tipiche della "narrazione".

3. gli immigrati non cercano di compiere la "traversata" sui "barconi" e non fanno "naufragio", da cui necessità di "soccorso in mare". Quello del "naufragio" è un trucco schifoso, cosi come la richiesta di asilo e i ricorsi, per forzare la mano, sia dal punto di vista della propaganda per gli sciocchi che da quello "legale", andando a distorcere lo scopo e l'uso di strumenti concepiti per contesti del tutto differenti. Invece chi organizza il viaggio degli immigrati si allontana di poco dalla costa sui gommoni, spesso prendendoli a traino cosi non si spreca un motore ogni volta, perché sono l'imbarcazione che costa meno ed è facile da usare e rimpiazzare, poi chiama col telefono i numeri che sono stati predisposti dalle varie agenzie, private e governative e quindi gli immigrati vengono caricati dalle navi-traghetto delle ONG, sempre finanziate dalle Elite Apolidi, che non li trovano per caso ma li vanno a prendere per sbarcarli in Italia. In alternativa, con la solita tecnica del contrabbando, gli immigrati vengono caricati su una nave-madre che poi cala i gommoni e ci carica sopra i migranti, in modo da spostarsi in una zona di mare differente, dove comunque è concordato l'appuntamento col "soccorso".

4. l'immigrazione, che è motivata dal profitto, è una violenza. E' qualcuno che ti impone la sua presenza in casa tua, con un mandante che lo istruisce (le Elite Apolidi) e dei fiancheggiatori che lo aiutano col piede di porco (la "sinistra" e il Vaticano). Non a caso in tutto il mondo l'immigrazione, che non si munisce di passaporto e visto, è un reato. Che è la ragione per cui si usano le navi invece degli aeroporti, dove ti chiedono i documenti. Qui ci imbattiamo in un'altra perversione, oggi ci vendono l'idea che quando un reato viene compiuto da un numero abbastanza ampio di persone, smette di essere un reato e diventa una "abitudine", un tratto culturale, quando non una cosa bella, virtuosa, auspicabile. Nessuno è illegale, niente è illegale. Facciamo l'esempio della fabbricazione di bambini nelle cliniche dell'ammore, con tutto il corredo di commercio abbietto di parti di esseri umani e sfruttamento del bisogno, bambini che poi vengono magicamente "materializzati" davanti alle autorità richiedendone il "riconoscimento" come "figli di due babbi" o di "due mamme", senza andare a vedere dove e come sono effettivamente stati generati questi bambini e di chi sono effettivamente parenti. E quali "diritti" sono stati negati a monte. Davanti al fatto che molti partecipano a questo commercio e ci sono belle cifre in gioco, ecco che diventa la "nuova normalità".

Lo so, sono cose che ho già scritto varie volte ma pare che sia necessario ripeterle.
Video - al netto dei concetti marxisti, il resto è semplice evidenza.
Video - come confermato da questo lapsus per cui la signora Boldrini si è mangiata le mani, la "migrazione" come STILE DI VITA.

Aggiungo che mai come in questi giorni appare chiaro chi sono i "progressisti" italiani e che l'Italia all'estero non ha amici. Cosa che di conseguenza dovrebbe fare pensare o ripensare a tante cose.

15 commenti:

  1. 1) rammento che dopo l'irruzione "squadrista" di quattro teste pelate in un centro pro-migranti di Como ci furono giorni di cortei schizofrenici inneggianti al pericolo fascista ecc.

    Dopo il dirottamento della nave Aquarius stracarica di risorse mi sarei aspettato mega cortei oceanici con striscioni "Refugees Welcome" di 20 metri per 5.
    Invece SILENZIO. Che fine hanno fatto quelle teste dei centri sociali, buone solo a consumare shampoo?

    2) Che voglia che mi è venuta di menare le mani. Che voglia.

    RispondiElimina
  2. La faccenda dei Centri Sociali scatenati appena prima delle elezioni è evidente, hanno capito che non funziona, anzi, gli toglie voti, quindi è partito l'ordine di stare buoni e zitti.

    Invece per la nave, mi sa che ti sei illuso in po' troppo in fretta, non è cambiato niente, ogni giorno si ricomincia da capo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece mi aspetto che cerchino di fare come ai tempi di Bersani, avvicinare il PD al M5S. Devono prima regolare i loro conti interni tra Renzi e altri pretendenti.

      Elimina
    2. In merito alla nave io sono invece pronto a scommettere che essa e i suoi passeggeri non sbarcheranno affatto in Italia.
      Tutti gli occhi dell'elettorato leghista sono puntati su quella nave. Il futuro di Salvini-ministro È su quella nave.

      Elimina
  3. > l'Italia all'estero non ha amici

    Beh, io non sarei così pessimista.
    Certamente la situazione è talmente grave che non è che si possano fare i te con pasticcini per damerini.
    Orban che già offrì a Gentiloni la proposta di collaborare alla difesa dei confini europei, venendo sfanculato da quello scafista di stato, è tornato alla carica con la stessa proposta.

    Il vento sta girando e il regime progressista, massmigrazionista inizia ad avere falle, a perdere altri paesi.
    Il prossimo giro importante sarà in Europa, iniziare a smantellare la camicia di forza normativa, direttiva atta ad inibisce qualsiasi resistenza allo tsunami migratorio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sai perché Orbàn è ancora al mondo? Perché l'Ungheria ha meno di 10 milioni di abitanti e non conta nulla, come se non ci fosse.

      A parte che Orbàn non vuole nemmeno gli Italiani tra i coglioni e lo capisco perché sotto il Po io costruirei un muro e un campo minato, averlo dalla nostra parte non ci aiuta.

      Il vento sta girando?
      Io ho visto scritte "Padania Libera" su tutti i muri e mi ritrovo ancora il Sala che accoglie immigrati e sposa i gay, a reti unificate. Mi hanno anche ciulato ba bicicletta nel box, per dire.

      Elimina
    2. Ma ti ricordi come era solo qualche mese fa?
      Ci sono alcuni lustri di lavoro di frantumazione, di annichilazione d'Italia da riparare.

      Orban, a ragione, sa che i magiari non vogliono invasori e ne rispetta la volontà.

      Elimina
    3. Uè, si vede che dormivo. Non capisco cosa ci sia di diverso oggi rispetto a un mese fa, un anno fa, dieci anni fa. Mi sembra tutto esattamente uguale se non peggiore.

      La faccenda della nave "respinta" è solo una commedia creata e amplificata dai "media". A fini pratici non è cambiato nulla e infatti tutte le altre navi, ONG, commerciali e militari, continuano a raccogliere e sbarcare immigrati come niente fosse.

      Orban è irrilevante. I "magiari" sono irrilevanti. Noi abbiamo qui Soros, Scalfari, Debenedetti, il PD, ecccetera, poi abbiamo fuori Germania, Francia, la UE, l'ONU, eccetera.

      Non vedo ragione di festeggiare.

      Elimina
    4. Il blocco é contro le navi delle ong, e questa è la faccenda più importante, perché quelle sono le navi taxi targate Soros.
      Si fossero bloccate anche le navi militari italiane, Salvini si sarebbe messo dalla parte del torto.
      Solo il magistrato di Catania finora aveva fatto qualcosa contro le navi ong sequestrandole di tanto in tanto. Qui si è andato oltre.
      Finalmente!

      Elimina
    5. Ripeto, guarda che gli sbarchi continuano, non si sono interrotti.

      Elimina
    6. Ho capito: cercano di screditare la Lega rievocandone il secessionismo, che risaliva al pre-Salvini.
      É solo una carnevalata di quattro scemi sotto le bandiere di chi è da decenni abile ad arruolare scemi.
      Facciamoci solo quattro risate sopra.

      Elimina
    7. Lorenzo, tu pensi che una metastasi come quella attuata da lustri di sinistrazione del paese, possa essere curata in pochi giorni?

      Elimina
    8. No io penso che siamo molto oltre il punto di non ritorno, ovvero che oltre al peso e alle dimensioni della macchina istituzionale - burocratica - giudiziaria che ci opprime, la perversione e la mutilazione delle coscienze sia cosi profonda e grave che non ci sia forza concepibile che possa anche solo rallentare il "progresso", per non parlare dell'ipotesi fantastica di invertirlo.

      Elimina
    9. Guarda che le conferme più dolorose le trovo nel tuo blog. Perché andare a leggere i deliri dei "compagni" per me è come ascoltare i discorsi della gente in fila alla Coop, niente di nuovo. Invece vedere quanti e quali riflessi condizionati affliggono la gente senza che questa nemmeno se ne renda conto, quello mi da la dimensione reale della tragedia.

      Elimina