martedì, dicembre 04, 2018

Il Web muore nell'indifferenza generale

Tanto ormai per il "popolo" con la P minuscola esistono solo i furbofoni, i "social" e le "app". Quindi il fatto che si va verso un futuro controllato interamente da Google non interessa a nessuno. A chi deve interessare, se nessuno ha idea di cosa sto scrivendo?

6 commenti:

  1. Le monoculture sono SEMPRE pessime. Non sara' la rete a fare eccezzione.
    Edhe, quindi, se ne va. Opera era gia' stato fagocitato da Chromium.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. EcceZione. Si stra-parla di "rete" come si stra-parla di qualsiasi cosa. In realtà parliamo di un insieme di tecnologie che sono solo vagamente correlate. Il denominatore comune è sempre lo stesso, enti nazionali e sovranazionali asserviti alle Elite Apolidi Mondialiste, popolazione condizionata tramite il lavaggio del cervello, poca o nessuna percezione e comprensione del problema, quindi poca o nessuna reazione.

      Lo ripeto per l'ennesima volta, la cosiddetta "Europa" si preoccupa di qualsiasi cosa tranne che della propria totale subordinazione e sottomissione tecnologica. Non solo per quanto riguarda la capacità di ideazione e produzione ma anche per l'incompetenza e passività degli "Europei".

      D'altra parte, è come la faccenda delle "fake news", lo stesso identico strumento è Profeta del Signore o Voce del Demonio a seconda di come fa comodo e gli "utenti" sono o dei perfetti imbecilli o dei grandi genii per lo stesso motivo.

      Mi fanno tenerezza i "gilet gialli" che si ribellano confusamente al Piano di Annientamento delle Elite Apolidi. Troppo poco, troppo tardi.

      Elimina
    2. Si, appena letto il mio commento mi sono accorto dell'errore.
      Scritto di fretta, scusate.

      Elimina
    3. Ti ho corretto perché conosco gente che lo scrive cosi, sempre grazie al fantastico school system.

      Elimina
  2. Se nel transumanismo si propone la fusione tra uomo e tecnologia, il risultato transumano sarà un essere presumibilmente immortale che attinge a un serbatoio di Cultura virtualmente illimitato.
    Tale serbatoio sarà la rete. E Google il suo vettore unico.

    Le dottrine progressiste attuali basate sull'uguaglianza, sull'umanita fluida ecc. mirano a formare probabilmente una massa di individui che vivono alla giornata, governati da una élite privilegiata che (essa sola) beneficerà delle opportunità transumaniste e avrà il controllo delle leve della Cultura.

    I precursori delle élite transumaniste future sono quelle che oggi chiamiamo mondialiste. Destinate a spianare la strada.
    La massa restante dell'umanità vivrà alla giornata esattamente come prefigurava Lennon in Imagine: no religions, no frontiers, people living for today.
    Ancora una volta NON ci sarà uguaglianza, come sostenuto da Orwell in 1984: dopo apparenti rivoluzioni l'umanità si risistema come un giroscopio nelle tre classi, le Alte, le Medie e le Basse.
    Forse l'unica precisazione da fare é che non esisteranno le Medie.

    Pochi giorni fa Google annunciava la volontà di abolire gli stereotipi di genere.

    La sigla di presentazione del notiziario Euronews, noto per essere un'apoteosi di tutte le ideologie progressiste, da mesi rappresenta il legame stretto "Euronews-the Future", con un montaggio frenetico che spazia da stazioni orbitanti a robot a bio scienziati che curano qualsiasi cosa.
    Per finire con il messaggio: All Views = ogni punto di vista è legittimo.

    Sono tutte tessere sparse di un puzzle che sarà completo dopo che saremo trapassati.

    E a proposito di trapasso, qualcosa mi fa intuire che le élite attuali, nel timore di non fruire dei vantaggi transumanisti futuri, si faranno ibernare. Procedura notoriamente onerosissima e riservata a pochi eletti.
    Come sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il momento mi sembra di dovermi preoccupare della aggressione su tutti i livelli, etnico, culturale, politico, eccetera, diretta a dissolvere Popoli, Nazioni e Stati.

      Il Transumanesimo è un giro ulteriore.

      Elimina