giovedì, febbraio 15, 2007

Come sopravvivere nel mondo reale

Cito la fantastica scriscia di Dilbert per l'ennesimo esempio di vita reale: ecco come ci si deve comportare per sopravvivere in azienda.



Traduzione: Wally chiede a Dilbert come va il suo progetto. Dilbert gli risponde "un mucchio fumante di "fallimento". Notare che Wally e Dilbert sono colleghi "ingegneri".


Traduzione: Il manager chiede a Dilbert come va il suo progetto. Dilbert gli risponde "bene". Notare che il manager di Dilbert non ha praticamente nessuna idea del lavoro di Dilbert.

Ovviamente se (come me putroppo) fate l'errore di rispondere sempre allo stesso modo, sarete forse "coerenti" ma ne sperimenterete anche le conseguenze e cioe' essere definiti come soggetti "negativi". Quando parlate con qualcuno in azienda, sopratutto se persona non-tecnica, la risposta obbligata deve essere sempre "yeah, figata, numeri uno" o similare. Vale per QUALSIASI cosa. Se lo dice Dilbert potete fidarvi.

Nota: se poi riuscite anche a farvelo piacere avete buone speranze di diventare commerciali o anche manager e presidenti dell'azienda.

2 commenti:

  1. Oddio! Esattamente il contrario di quel che ho fatto oggi.
    Ho scritto al megadirettore galattico che il progetto stava navigando verso un iceberg e chi dovrebbe governare la nave sembra chiudere gli occhi e aumentare la velocità.

    RispondiElimina
  2. Hai fatto uno sbaglio. Preparati alle conseguenze inevitabili.

    RispondiElimina