giovedì, novembre 30, 2017

Sostenibilità

Una parola che va di moda. Vediamone uno dei pochi significati concreti:

Trovo questo altro articolo sul Corriere, a firma Gian Antonio Stella
«L’obiettivo di una sinistra di governo dovrebbe essere quello di rimuovere le ineguaglianze, non di difendere un sistema previdenziale iniquo piegato alla logica della sostenibilità finanziaria», ha detto Susanna Camusso in un’intervista a Roberto Mania. Rileggiamo: un governo non dovrebbe essere «piegato alla logica della sostenibilità finanziaria».
... non si poneva il problema nessuno. Basti per tutti la tesi del dicì Carlo Borra (NDR in Parlamento dal '63 al '76) dopo una stretta: «Purtroppo è rimasto inalterato il carattere fondamentalmente contributivo della pensione, mentre solo l’elaborazione di una pensione-base finanziata dall’intera collettività mediante il prelievo fiscale potrà consentire la realizzazione dell’obiettivo finale di una pensione pari all’80% dell’ultima retribuzione»
Sono interdetto. Il Corriere pubblica come se niente fosse i "segreti di Fatima" su cui si fonda tutta la Storia della nostra repubblichetta, inclusa la faccenda della "flessibilità" che andiamo chiedendo alla "Europa". La notiziona del giorno però non è questa, è il ritorno del Fascismo sullo sfondo del popolare caso di Cronaca Nera. Io mi porrei il problema degli obbiettivi della "sinistra di governo", in sostanza sembra che si riduca tutto nel "rimuovere le ineguaglianze", qualsiasi esse siano, non importa come, a qualsiasi prezzo. Mentire per esempio non costa niente.

(Consiglio lettura post precedente su "fake news" e "pensioni").
Devo ammetterlo, mi fa un po' male che il signor Stella sia pagato per scrivere sul Corriere le stesse cose che scrivevo io anni e anni fa, prendendo in cambio ogni sorta di insulto.

4 commenti:

  1. Cose che scrivevi gratis, aggiungerei

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non gratis, ero pagato in insulti.

      Elimina
    2. Comunque in generale il concetto di sostenibilità ha il suo senso. Ogni cosa deve essere sostenibile in rapporto alle risorse

      Elimina
    3. Nella vulgata si usa la parola "sostenibile" (vedi UCoso) senza essere in grado di definire il concetto, come un sinonimo generico di "buono". Nel caso in oggetto invece "sostenibile" significa banalmente "bilancio in pareggio".

      La parola "sostenibile" è abusata nell'ambito "pseudo-ecologista" per indicare metodi e tecnologie "new age" che per ragioni che non vengono spiegate, sono migliori (quindi buone).

      Per esempio, io costruisco un mega centro commerciale, ci piazzo sopra dei pannelli fotovoltaici e dichiaro che si tratta di un insediamento commerciale "sostenibile". Perché? Boh, perché invece di 100 in metano spendo 80 in metano e 20 in pannelli (che non appaiono dal nulla e che dopo tot anni vanno rimpiazzati e smaltiti).

      Ti spiego perché la signora Camusso afferma che il Governo non deve essere condizionato dal bilancio. Perché la proprietà privata è un crimine, quindi prima si manda lo stato in fallimento e poi si rimedia espropriando la Borghesia.

      Allora tu ti potresti domandare "ma al secondo giro come si ripiana il buco di bilancio, visto che la Borghesia è stata espropriata?". La risposta è che a quel punto i "diritti" saranno rivisti, mangeremo pantegane arrosto ma le mangeremo tutti, senza differenza di classe.

      Perché lo scopo non è fare stare meglio quelli che hanno meno, lo scopo è abolire le differenze. Mal comune mezzo gaudio, no? Ecco, bisogna essere malati di mente per pensare che si vero, eppure...

      Elimina