mercoledì, gennaio 10, 2018

A riprova che il Papa non parla per caso

Ovvero che esiste una strategia planetaria: Liberi di partire, liberi di restare. Esattamente quello che sostiene il Grande Filantropo, Soros. Non si preoccupano nemmeno più di nasconderlo, vedi...
la campagna "Liberi di partire, liberi di restare": "È un progetto – ha sottolineato Galantino - sul quale la Chiesa italiana ha investito 30 milioni di euro dell’8 per mille, da aggiungersi a quelli che ogni anno, intorno ai 100 milioni, vengono spesi per questo.
Perché aggiungendo alla fine "perché la gente possa evitare di partire" cambia tutto no? Fatemi capire, se questi sono "liberi di fare quel cazzo che gli pare" coi soldi dell'otto per mille, perché io sono costretto a subire? Perché io non sono libero di vivere tranquillo a casa mia e, lo ripeto, casa mia, non casa di Monsignor Galantino o di Soros. Ma si, cosa lo scrivo a fare. Se gli Italiani non si sono ancora svegliati, non si sveglieranno mai più.

Votate questi personaggi, che se non spendono i vostri soldi per le campagne "liberi di fare quel cazzo che gli pare", li spendono per comprare aziende strafallite come l'Unità oppure delle banche "amiche" (cit. "la sera del 22 dicembre il Governo, tramite decreto legge, ha istituito un fondo di 20 miliardi per subentrare nell'azionariato di banche italiane in difficoltà") come MPS, banche che hanno i famosi "crediti inesigibili" perché hanno prestato i soldi agli "amici" di cui all'articolo. Un caso clamoroso di "insider trading" ma a livello governativo, roba che negli USA ti mandano a Guantanamo e qui finisce coi magistrati che chiudono tutto dicendo "ma si, che volete, sò ragazzi...", gli stessi magistrati "fustigatori dei costumi" che impostano processi infiniti per le "signorine" delle "cene eleganti" o i "rimborsi spese" del Trota.

Edit, aggiunta da Repubblica:
In Procura, De Benedetti dichiara di non aver appreso, nei suoi colloqui, informazioni "price sensitive", ma soltanto genericamente di un intervento sulle Popolari in un tempo indeterminato, per volontà del governo. Sia Renzi sia Panetta confermano di aver incontrato De Benedetti, ma riferiscono che "all'imminente riforma delle banche Popolari dedicarono cenni del tutto generici e che non fu riferito a De Benedetti nulla di specifico sui tempi e sullo strumento giuridico dell'intervento".
Nota che da quando De Benedetti da ordine al suo mediatore finanziario di predisporre il "basket" alla approvazione del decreto che impone alle banche popolari di trasformarsi in società per azioni passano quattro giorni. Quello che si dice "genericamente in un tempo indeterminato". Oggi provavo a prenotare una visita, minimo un mese, quello si è un "tempo indeterminato". La Procura archivia, non sia mai. Amen.

14 commenti:

  1. Stiamo assistendo a un attacco a fondo alla proprietà privata. In teoria la violazione di domicilio è ancora reato (grave) e lo sarebbe anche la violazione del nostro territorio. Affermando però che il diritto di immigrare è un diritto umano stiamo fondando un nuovo diritto, mentore Rousseau: la proprietà è un furto. L'Italia non è il paese degli Italiani ma di tutti quelli che, per un motivo o per l'altro, vogliono venirci a vivere. È un discorso fascista e razzista o disumano affermare che ciò non è possibile, semplicemente per l'impenetrabilità dei corpi? L'Italia è già superpopolata, l'ideale sarebbe la metà dell'attuale popolazione, anche meno. Poi io in casa mia ci faccio entrare chi voglio, e l'Italia è la nostra casa. Le frontiere saranno pure un colabrodo attualmente, ma persino la Merkel ha detto che l'integrità territoriale è sacra e non è giusto quel che ha fatto quel cattivone di Putin che si è pappata la Crimea (in realtà se l'è ripresa, quello scemo di Kruscev l'aveva regalata all'Ucraina senza chiedere il parere dei Russi). Insomma, esistono ancora 192 o 193 Stati con frontiere riconosciute e eserciti per difenderle. Per la prima volta nella storia universale un esercito, quello italiano, va a prendere gli invasori e se li porta (ce li porta) a casa e se ne vanta pure. Persino il Vaticano ha un piccolo esercito molto buffo, con archibugi e alabarde, ma menano davvero e non fanno entrare nessun estraneo in quello staterello. Prima o poi requisiranno le nostre seconde e terze case, e ci potrebbe pure stare, ma poi vorranno anche la prima e confischeranno i nostri averi in banca (operazione elegante e comodissima con l'abbandono del contante e l'obbligo di avere un conto corrente).
    Galantino è sicuramente ateo, come Bergoglio, ma i preti vogliono contare, è normale, umano. Ancora non ci siamo liberati dei preti e della Chiesa, con tutto che l'Europa è ormai e definitivamente secolarizzata, scristianizzata, agnostica, atea, areligiosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono più livelli.
      A livello del "militante" della "sinistra", tutto questo è ancora la continuazione della guerra partigiana che gli hanno raccontato. Non gli importa niente degli Africani, è solo uno dei centomila pretesti per abbattere la "democrazia liberale/borghese" e realizzare il Paradiso del Popolo.
      A livello dei dirigenti della "sinistra", bisogna eseguire le direttive e le direttive sono quelle del Nuovo Ordine Mondiale nel quale non c'è più posto per Popoli e Nazioni. Gli Africani sono uno degli strumenti con cui imporre questo piano, il famoso "meticciato" di Scalfari.
      A livello delle elite apolidi e mondialiste, le migrazioni sono un'arma come un'altra. Questa è una guerra che sono intenzionati a vincere, anzi, probabilmente l'hanno già vinta.

      La Chiesa fa parte di tutto questo, ormai i discorsi della signora Boldrini sono indistinguibili da quelli degli alti prelati.

      Elimina
  2. Ormai è un martellamento continuo, giornaliero, dobbiamo farcene una ragione, ci si mettono pure gli artisti, in questo caso un certo Fabio Viale, scultore.
    Cliccare sull'immagine al centro per vedere tutta la Pietà di Michelangelo rivisitata e corretta. Sì, certo, "e se non piangi di che pianger suoli?". Ma non posso piangere su tutti i mali del mondo. Il mio prossimo è quello della porta accanto, non posso farmi carico di tutti i "dannati della Terra" (Franz Fanon).
    http://www.ilgiornale.it/news/spettacoli/valutare-autori-base-loro-prezzo-criterio-migliore-1481474.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente di nuovo, è come il Papa che straparla di Giuseppe e Maria profughi.

      Elimina
  3. Dai che la prossima sparata sarà che sono anche "liberi di delinquere senza farsi un giorno di galera". Ops, aspetta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cominciamo col dire che, come per le malattie, che sei tu che gliele fai venire, lo stesso vale per il crimine, sei tu che li costringi perché non li accogli nei modi dovuti. Poi, in ogni caso, l'equivalenza immigrato uguale criminale è un trucco propagandistico dei populisti e dei sovranisti che instillano le paure immotivate per i loro loschi fini. Guarda come si vive bene nella Milano dell'accoglienza, guardandola dall'alto del grattacielo degli emiri...

      Elimina
  4. Attenzione anche a un piccolo dettaglio: nell'articolo in questione si ricorda che il 14 gennaio è la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato ( certo certo, sto già aprendo il divano letto IKEA )...

    "migrante" E "rifugiato" = sappiamo che sapete che il 95% dei deportati sono migranti economici ma a noi ciò non interessa, dovete farvi carico anche di questi che in realtà non avrebbero diritto alla protezione internazionale.

    Mi rallegra, in coda all'articolo suddetto, il codazzo di commentatori fascisti e xenofobi che non sono ancora entrati nello spirito caritatevole suggerito dal monsignore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se dovessimo fare la lista dei paradossi contenuti nel modo in cui cercano di vendere alla gente la faccenda dell'immigrazione, non al finiremmo più.

      Il fatto nudo e crudo è che si tratta di una guerra contro i Popoli europei e che gli immigrati sono una delle armi utilizzate. Del resto non c'è molto altro da dire dopo avere letto la dichiarazione di Scalfari sul "compito della sinistra europea".

      Elimina
    2. Nell'ultima settimana sono stato preso da un insolito raptus: guardare decine e decine di video sulla faccenda dei migranti, però solo video pubblicati da altri paesi europei - ovviamente in inglese.

      Si scoprono tre cose:
      - come ne abbiamo le palle piene noi, le hanno tutti gli altri, ma proprio tutti
      - la distribuzione dei commenti è del tipo 9 a 1 contro l'immigrazione/pro immigrazione
      (diversi anni fa questa distribuzione era meno asimmetrica)
      - l'opinione pubblica in nazioni storicamente umanitarie e accoglienti come la Svezia sembra radicalmente mutata

      Tuttavia la quasi totalità dei documenti si sofferma sui problemi causati dai migranti in loco = una volta arrivati in territorio europeo.
      Solo una ridottissima percentuale di autori cerca di indagare cosa c'è dietro, chi muove le navi, chi dirige il servizio di taxi.

      Un ragazzotto svedese è allora andato a Catania a filmare le navi delle ONG al porto e a cercare di capire il background della deportazione.

      Manco avesse filmato postazioni militari della Corea del Nord...
      Guardati questi - ho scelto i più brevi:

      https://www.youtube.com/watch?v=B1oxLudlS0U&t=53s

      https://www.youtube.com/watch?v=zq2TqxCUfd4

      https://www.youtube.com/watch?v=pf6fvhizaE8

      Elimina
    3. La cosa che tutti hanno paura di guardare è che l'immigrazione non è affatto spontanea ma è organizzata e finanziata dalle elite apolidi.

      Sopra di noi, sopra i governi, sopra qualsiasi cosa.

      La seconda cosa che hanno paura di guardare è che si tratta di una guerra che ci viene portata sia da fuori che dall'interno, perché la "sinistra", la "chiesa", la "finanza", eccetera, sono, più o meno consapevolmente a seconda della scala gerarchica, al soldo delle sopracitate elite apolidi.

      Oltre le masse di poveretti a cui è stato rovinato il cervello a forza di propaganda.

      Elimina
    4. Anche sul Fatto c'è uno scollamento.
      Ci sono i prediconi moralisticheggianti filo massmigrazionisti dei vari intellettualoidi e una parte consistente, se non maggioritaria, di commenti durissimi, assai critici sulla creazione in corso della polveriera multietnica/islamica.
      Ci sono i vertici e poi il resto del monto.
      Prego leggere Il giuoco delle perle di vetro, di Hesse. Castalie tanto parassitarie quando moralisticheggianti.
      Che Thor le strafulmini insieme con le relative milizie di utili idioti.

      Elimina
    5. Allora... la Chiesa spende centinaia di milioni per "liberi di partire, liberi di restare", qualsiasi cosa significhi.

      Oggi sentivo alla radio che i vescovi italiani protestano per l'invio del contingente di soldati italiani in Niger perché secondo loro non vanno ad addestrare i locali ma a bloccare il "corridoio" dei "migranti". I vescovi, seguendo la strada tracciata dal Papa, vogliono invece la "massima misericordia" per i migranti e quindi la "accoglienza".

      Io non so, come è possibile che esista ancora gente che non vede che è tutto organizzato e che c'è un preciso disegno geopolitico di ingegneria sociale su scala planetaria.

      Quanto ai cretini che nella immigrazione ci vedono il proseguimento della "lotta partigiana", non è nemmeno colpa loro, sono stati storpiati.

      Elimina