martedì, gennaio 30, 2018

L'Italia migliore vista dall'Italia migliorissima

L'Espresso - Perché Matteo Renzi è il più odiato d'Italia.
L'Espresso (cit.) "appartiene a GEDI Gruppo Editoriale S.p.A., società quotata in borsa e il cui maggior azionista e presidente è Carlo De Benedetti".
Questo Carlo De Benedetti.

Ora, la prima cosa che mi viene da pensare è quei poveri vecchietti sotto casa mia al freddo sotto la tenda del PD. Che non lo sanno nemmeno loro perché sono li, sono i reduci di quando sventolava la gloriosa bandiera rossa, adesso è bianca con un logo che non si capisce cosa significa. Poi mi viene da pensare alla povera Sara, che si metteva in ghingheri si imbacuccava per andare alla stazione ad acclamare il Renzi, sperando in un suo cenno di saluto. Anche lei senza sapere bene il perché, forse per il bisogno di uscire dalla routine e per avere la sensazione di fare qualcosa, di contribuire in qualche modo.

Poi però penso all'Italia e al fatto che sono costretto a vivere con le conseguenze del Renzi, del De Benedetti, dei vecchietti che sono in pensione da vent'anni, con le conseguenze dei "ben intenzionati" inconsapevoli come Sara. Prima mi girano le scatole e poi mi scoraggio.

L'insieme di scatole una dentro l'altra che è rappresentato dall'articolo collegato sopra è oltre la ragionevole speranza, è una condanna a morte definitiva ed inappellabile. Non è tanto la mancanza di alternative ma la ragione per cui mancano le alternative. Questi sono gli Italiani e non se ne esce.


Licenziato da De Benedetti, non ha raggiunto il target.
Per sua fortuna cercano venditori per il Folletto.

Nel frattempo, oggi vedo questi manifesti:


1984. Beata incoscienza. Una immagine vale più di mille parole.
Ma bisogna capirla, l'immagine e le parole bisogna leggerle.

15 commenti:

  1. Guarda non mi sono messa in ghingheri per Renzi, mi sono coperta come un omino Michelin perchè faceva freddo.
    Comunque mi reputo parte dell'Italia migliore e più mi guardo in giro e più ne ho conferme.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non fai che confermare il mio pessimismo. Sia che intorno a te ci sia la "parte peggiore", sia che tu abbia una percezione falsata di cosa sia quella "migliore".

      Io mi domando come fai a leggere l'articolo dell'Espresso, sapere di chi è l'Espresso, leggere la deposizione di De Benedetti in Procura e dopo tutto questo avere ancora il coraggio di "reputarti" la "parte migliore".

      Io non riesco nemmeno a misurare la differenza tra una Italia e l'altra, dentro il buco nero di paradossi e menzogne.

      Ah, ti faccio anche notare la ridicolissima storiella pre-elettorale secondo cui esiste il timore che gli Italiani sostengano un "uomo forte", di mussoliniana memoria. Cosa sarebbe il "Mr. Bean" della foto sopra se non la versione filtrata dalla parrocchietta di Rignano dello "uomo forte", il "rottamatore", quello che avrebbe fatto piazza pulita?

      Capirai, invece dell'orbace indossava la camicia bianca, invece dell'arringa dal balcone c'era la lavagna. Ma il meccanismo è uguale, quello che cambia è la stoffa. Questo invece di essere "rottamatore" si è rivelato un mediocre venditore. Adesso il padrone lo mette alla porta.

      Tranquilla Sara, vedrai che te ne trovano un altro.

      Elimina
    2. Potremmo anche non votare, Sara.
      Evidentemente non te ne rendi conto ed è questa la cosa più grave di tutta la faccenda.

      Elimina
    3. Infatti non ci hanno spiegato come funziona la nuove legge elettorale. Che lo sappiamo o no, che importa?

      Elimina
    4. Occhio Sara che così come a voler essere puri trovi sempre uno più puro che ti epura (come diceva un vecchio democristiano), a voler essere "l'Italia migliore" trovi sempre un'ITalia "più migliore" (addirittura 10 volte!!!) della tua
      http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2018-01-28/10-volte-meglio-partito-acchiappa-giovani-punta-2-milioni-voti-165039.shtml

      Precisazione... questo nuovo partito del link, già nelle premesse, mi sembra perfino peggio del PD. Lo citavo solo come fenomeno di costume

      Sandro '75

      Elimina
    5. Ci sono sempre i trucchi dell'aringa.
      Confondersi nella "massa" e l'aurea mediocritas che non attira l'attenzione. Siamo sempre il Paese de "franza o spagna basta che se magna".

      Elimina
  2. Scusa Lorenzo io non l'ho letto l'articolo, lavoro, studio, pago le tasse, faccio volontariato, pretendo da me stessa e non dagli altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento, Sara, mi fa cadere le braccia.

      Guarda che a me che tu lavori, studi, paghi le tasse, faccia volontariato e pretenda da te stessa NON IMPORTA NULLA.

      Invece mi importa che tu voti.
      Per votare devi pretendere dagli altri, quelli che eleggi a rappresentarti nelle due Camere del Parlamento, da cui poi discende tutta l'architettura dello Stato.

      Per votare devi anche informarti e metterti nelle condizioni di capire come funziona il mondo.

      L'articolo in questione ha una doppia o tripla valenza. Primo, sputtana "da sinistra" Renzi e il Renzismo. Secondo, lo fa da una rivista di De Benedetti, il grande amico personale che riceve(va) la signora a Boschi spesso a cena. Terzo, lo fa nella imminenza delle elezioni, da cui si pone il problema di chi sono i candidati dell'Espresso e perché.

      Infine, guarda che se ti ho citata è perché ti sei auto-definita la "Italia migliore" causa la tua militanza.

      Se ti auto-definisci "migliore" poi ti tocca necessariamente di motivare in cosa consiste questa superiorità.

      Elimina
    2. Senza disturbare il dubbio socratico, mia nonna diceva che chi si loda si imbroda.

      Mi viene un po' da ridere perché se io dovessi definire l'essere "migliore" oggi come oggi lo definirei per sottrazione, ovvero chi meno fa o più precisamente, meno si vanta di fare o di essere, meglio è.

      Elimina
  3. Si potrebbe ribattere che il Giornale, le TV private ecc. abbondano nella destra. Su Renzi, anche Silvio ha tentato di coinvolgerlo al suo scopo...sarà arrivato per prima De Benedetti ?

    Va bè ! scusami per il disturbo...

    A me personalmente importa sapere cosa proponi tu con i tuoi scritti a chi ti legge sul web.

    Oltre alle parole, indica una strategia credibile che vada oltre esse, e quale formazione politica-alleanza ritieni credibile in questo casino parolaio...o NO?

    Ciao, senza rancore.

    RispondiElimina
  4. I vecchietti sotto la tenda del PD sanno invece BENISSIMO perchè solo lì. Sono anni che ne faccio oggetto di studio.
    Le loro istanze fondamentali - primarie - assolute sono due:

    - superare i 90 anni (alle volte specificano anche esattamente l'anno di morte desiderato in base a dio solo sa quali calcoli)
    - proteggere la loro pensione

    Non esiste per loro NESSUN altro scopo. Non gli interessa "chi verrà dopo". Non gli interessano discorsi come il "meticciato", l'islamizzazione ecc. perchè:

    1) sanno che nell'arco di 10-15 anni andranno comunque al Camposanto e chi vivrà vedrà;
    2) il PD o la sinistra come la vuoi chiamare nelle sue infinite metamorfosi è tradizionalmente il partito che gli protegge la pensione e i diritti acquisiti
    3) non hanno spesso e volentieri la capacità intellettuale di fare analisi approfondite di tipo politico = gli mancano proprio i neuroni necessari

    aggiungo anzi che se gli viene detto che "gli immigrati pagano le nostre pensioni", non solo ci credono ma è musica per le loro orecchie. Nulla gliene strafotte dei migranti ma essi fanno parte del kit salva-pensione quindi tutto sommato ben vengano anche loro.

    Per quanto riguarda i meno anziani la linea è più o meno la stessa: salvaguardare qualcosa di personale.
    Il PD salvaguarda e coccola gli impiegati pubblici, ad esempio.
    Il PD raccoglie l'elettorato che nutre invidia sociale, un sottoprodotto dell'ideologia comunista ancora acceso.
    Il PD-pensiero inoltre attecchisce bene nella psiche femminile più portata alla tolleranza, al pacifismo, all'accoglienza (per lo meno a parole finchè il campo nomadi è ben distante da casa loro)

    Poi c'è la schiera degli 'antifa' i quali hanno inoculati più anticorpi antifascisti del necessario e votano PD perchè QUALSIASI altra corrente è "fascista"; (per loro anche il merlo nero che becca briciole sul balcone è fascista).

    Tu fai approfondite analisi e molte di esse sono ispirate e vere. Ma la stragrande maggioranza delle persone vota solo chi gli conviene per tornaconto personale.
    A dire il vero anch'io farei lo stesso: se il PD facesse in modo da decuplicare il prezzo delle nocciole siciliane (che produco) prenderei in considerazione l'idea di votarlo. Ma ammettendo apertamente che lo farei per tornaconto.
    Farei cioè l'opportunista, non l'ipocrita che cerca di passare per "una persona migliore".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ma il PD ti para il culo anche se non ci vai sotto la tenda a distribuire volantini. Forse è un modo per passare il tempo.

      Elimina
    2. Sul resto siamo d'accordo, purtroppo non riguarda solo i vecchietti ma la popolazione in generale. Molte delle mie conoscenze di ragazzo, che vivendo a Stalingrado sono sempre state "di sinistra", oggi sono impiegate nella P.A.

      Elimina