sabato, febbraio 10, 2018

Ancora sul servizio militare

Ripensandoci, mi è tornato in mente un episodio.
Qualche mese dopo essere stato assegnato alla caserma dove avrei trascorso la maggior parte del tempo, un certo giorno, non ricordo cosa stessi facendo, mi chiamano in camerata, dice che dobbiamo prendere lo zaino e schierarci nel piazzale. Corri di qui, corri di la. Ci schieriamo, cioè ci disponiamo su due righe. Arriva il tenente, che noi avevamo a che fare solo con sergenti, sottotenenti, tenenti e, raramente, capitani, tutti gli altri ci ignoravano.
Il tenente fa, gigioneggiando sullo stile di Clint Eastwood: "pronti a muovere in cinque minuti, cazzo!"

Allora, ci caricarono sui camion per andare a cercare un aeroplano caduto sui monti. Però a parte la vicenda, io, che all'epoca non avevo diciottanni ma ne avevo ventisei, pensai tra me e me, ancora me lo ricordo, "siamo un esercito di straccioni".

La prima cosa che saltava all'occhio era l'abbigliamento e le dotazioni. L'unica cosa nuova, nel senso che te ne davano due all'inizio, perché semplicemente si distruggeva nel corso dell'anno, era la divisa di cotone che mettevamo ogni giorno e gli scarponi. TUTTO il resto era usato, non solo zaini, cinturoni, giberne, elmetti, eccetera e dove dico "usato" intendo usato da decenni ma anche parti dell'abbigliamento, per esempio gli impermeabili, che in teoria avremmo dovuto avere nuovi ma che invece erano quelli dei soldati congedati prima di noi e sul destino del materiale nuovo posso solo fare delle ipotesi. A me avevano dato una giacca a vento stracciata che avevo provato a ricucire da solo la sera in camerata. Faceva cosi schifo che il tenente mi mandò in magazzino a sostituirla, come se fosse colpa mia e il maresciallo (vedi alla voce ipotesi) me ne diede un'altra, sempre usata e lurida, tanto che la dovetti portare a lavare, che però probabilmente era appartenuta ad uno che stava in ufficio. Poi le taglie, su tre soldati due avevano divise, scarponi, berretti, eccetera, troppo grandi o troppo piccoli.

In teoria avremmo dovuto essere equipaggiati per uscire dalla caserma e stare in giro qualche giorno. Peccato che nessuno mettesse nello zaino tutte le cose che servivano, per esempio il ricambio di vestiti, calzini. Nella maggior parte dei casi gli zaini erano vuoti o c'era dentro della carta o cose cosi, io ero uno dei pochi scemi che dentro aveva messo una busta con un cambio, la giacca a vento, i pantavento e una coperta. Ci avevano dato anche il sacco a pelo e altre cose per il "campeggio", io le avevo ispezionate, il mio sacco a pelo era ovviamente usato, sporco, meglio non sapere di cosa e la cerniera era rotta, per fortuna non l'ho mai adoperato. Nessuno controllava, nessuno se ne preoccupava e se provavi a farlo presente, ti rispondevano qualcosa come "guagliò, nun scassà 'o cazze".

I camion su cui salivamo erano dei mezzi rottami, capitava spesso che si rompessero per strada. Non avevamo in dotazione nessuna arma, per ovvie ragioni. Per i servizi "armati" come le guardie passavamo a prenderle di volta in volta dall'armeria. Fucili, come già detto in precedenza, che erano vecchi di trenta, quarant'anni e che avevano più che altro una funzione simbolica. Notare che le munizioni erano altrettanto ovviamente contate e ce le aveva in dotazione solo il più alto in grado in quel momento, che spesso e volentieri, dato che quei servizi erano una rottura di scatole, era un semplice graduato di truppa, ovvero un caporale. Si faceva un sacco di "autogestione", ci crediate o no. Vi spiego cosa significa in concreto. I soldati devono andare da A a B con un camion e hanno il fucile ma i proiettili ce l'ha il caporale dentro una scatola che tiene nella cabina del camion di cui è anche capomacchina, cioè deve controllare l'autista. Mettiamo che arrivino dei terroristi e vogliano rubare le armi, in teoria il caporale dovrebbe aprire la scatola, tirare fuori i quattro caricatori quattro, usarne uno nel suo fucile dare gli altri tre a tre soldati, facendosi rilasciare da ognuno ricevuta scritta (anche alla riconsegna, ovviamente) e opporsi eroicamente ai terroristi, tutto di testa sua. Che poi mi sa che al tempo delle BR è anche capitato almeno una volta. Ora, è ovvio che lo scopo vero era di non dare niente in mano ai soldati, i quali di conseguenza non avevano in realtà nessuna funzione militare ma paradossalmente, siccome nessun sottufficiale o ufficiale voleva essere della partita, si addossava al caporale la poca o tanta responsabilità concreta.

Avevamo le radio, che nessuno ci aveva spiegato come usare. Coi walkie-talkie te la cavavi ma con quelle più grosse erano abbastanza cavoli, mi avessero almeno dato un manuale. Un'altra cosa palese era il grado di scolarità estremamente basso. In tutti, nei militari "di carriera" ma anche nei soldati di leva, tanto che nella mia caserma quelli con un diploma o un curriculum universitario si contavano con le dita di due mani e venivano immediatamente assegnati a garantire la "autogestione" di cui sopra. Ora, il livello di scolarità basso aveva due conseguenze. La prima, immediata, è che tu non puoi mettere in mano ad un analfabeta un macchinario complicato, la seconda è che guardando i soldati attorno a te capisci cosa è VERAMENTE l'Italia, ovvero quali sono le "risorse umane" su cui possiamo (potevamo) contare.

Vi racconto un altro esempio classico.
I primi tempi, che non ero ancora smaliziato, mi assegnarono di corvè a pulire l'ingresso e il piazzale dell'adunata con un carrello che conteneva un bidone e un paio di ramazze. Il piazzale era abbellito da alcuni abeti che ovviamente scaricavano le foglie. Io portai il carretto sul piazzale e cominciai diligentemente a spazzare avanti ed indietro. Dopo un paio d'ore, che avevo già le vesciche alle mani, si apre una finestra dell'ufficio comando, si affaccia IL GENERALE e mi chiama. Io corro li, saluto, mi presento e lui mi fa il cazziatone perché non vuole vedere un soldato stare tutto il giorno a ramazzare il piazzale. "Comandi, signorsì", saluto, la finestra si chiude e io prendo il mio carretto e trotterello dietro l'angolo dell'edificio, mi siedo e aspetto la sera. Più avanti, diventato "anziano", non fui più assegnato a servizi del genere ma se mi fosse capitato avrei fatto un giretto di dieci minuti sul piazzale con la ramazza in mano e poi sarei andato diretto a nascondermi in qualche angolo.

Quindi, per me l'esperienza del servizio militare è stata prevalentemente una scocciatura perché per un anno non ho avuto nessuna privacy e ho dovuto fare la cacca accucciato su una turca, stando attento a farla alla mattina alle sei cosi era relativamente pulita, perché alle otto ci avevano già cacato almeno venticinque persone, ho dormito poco e male. Ma è stata anche una esperienza triste perché nell'immediato mi sono reso conto che le Forze Armate erano una finta, una cosa tanto per fare, una commedia tipo gli armigeri che inseguono vanamente Zorro con strepito di ferraglia, nessuno ci credeva davvero e poi mi sono anche reso conto che erano l'immagine dell'Italia con cui poi avrei dovuto convivere, una sezione della "società".

Ancora, mi domando se quando si parla di un certo argomento lo si fa a ragion veduta o tanto per fare.


Ah, un'altra cosa.
Il primo mese, al CAR, ti spiegavano i rudimenti, per esempio come smontare il fucile e solo quello, niente altro. Quindi non devi toccare niente altro. Non ti spiegavano perché o quando bisogna smontare il fucile, perché tanto lo preleverai e lo riconsegnerai in armeria, firmando la ricevuta, senza doverlo adoperare mai davvero. Il fucile si smonta perché deve essere pulito quando lo usi e lo porti in giro. Quando poi andavamo in polveriera e stavamo due o tre settimane sotto la pioggia, al ritorno i fucili erano dei catenacci arrugginiti, non solo perché nessuno li puliva ma anche perché a nessuno avevano spiegato che se ci entra l'acqua dentro un fucile che hanno portato in giro per quarant'anni, si arrugginisce. Vi chiederete perché non li fanno inossidabili. Bè, adesso li fanno di alluminio o di materiali compositi per alleggerirli però le parti in acciaio non sono inossidabili per via della lega metallica che deve avere certe caratteristiche.
Un'altra cosa divertente è che non ci hanno mai spiegato come fare quello che gli Americani chiamano "zeroing", cioè impostare gli organi di mira delle armi perché sparino dritto e come eventualmente impostarli per regolare l'alzo in base alla distanza e il "windage" per compensare il vento traverso. Quindi quando andavamo al poligono o il fucile era già impostato dall'armeria oppure sparavamo due metri sopra o due metri sotto la sagoma.

Bah.
Adesso sapete perché deragliano i treni o le navi sbattono contro le isole.

5 commenti:

  1. Secondo me hai sbagliato a scegliere il corpo degli alpini, dovevi entrare nella Folgore (se avevi i requisiti, non lo so). L'equipaggiamento era migliore, ricevevi un addestramento diverso e ti facevi pure qualche lancio gratis :D. Poi, se vogliamo parlare della proposta di reintrodurre la leva come in quegli anni, anche io non sono molto d'accordo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'equipaggiamento era esattamente lo stesso. Non cambia molto se ai paracadutisti davano giberne un po' più nuove.

      L'addestramento non saprei dire. Da un punto di vista tecnico, paracadutisti ed alpini sono due cose diametralmente opposte. I paracadutisti, che in sostanza sono fanteria leggera, servono per le incursioni, per creare lo scompiglio dietro le linee nemiche e per occupare temporaneamente un obbiettivo strategico, per essere immediatamente rilevati da truppe di rinforzo, dato che non hanno ne l'armamento ne l'autonomia per sostenere a lungo un contrattacco. Gli alpini invece erano concepiti per operare in quasi autonomia, perché ogni brigata (ai miei tempi erano quattro) aveva dentro la varie componenti necessarie ma con funzioni prevalentemente difensive, ovvero occupare, trincerarsi e tenere una certa posizione, idealmente i passi alpini e le cime soprastanti, contro forze attaccanti che si dava per scontato fossero preponderanti. Negli alpini non contava tanto l'ardimento, l'impresa eroica, quanto la tenacia da animale stupido, per cui invece dei "lanci" da un aereo si doveva tirare in qualche modo sulla cima di una montagna un obice di qualche tonellata, oppure rimanere rintanati in un buco tra sassi e ghiaccio per settimane.

      Riguardo re-introdurre la leva, ripeto, si tratta di capire di cosa si parla. Come ho detto nel post precedente, l'esercito israeliano è largamente composto da militari di leva, che però ci rimangono tre anni.

      Se invece si tratta di una specie di "campeggio" che dovrebbe insegnare ai "ragazzi di oggi" a rifarsi il letto e a pulire un gabinetto, oltre ad essere una idea un po' velleitaria, direi che è anche estremamente improbabile che ottenga lo scopo voluto.

      Elimina
    2. A riprova, ecco un link. Le divise sono identiche, a parte il berretto, le armi le stesse, BM59 (detto FAL), le MG col bipiede, gli elmetti di lamiera del regio esercito con sopra la calottina di tela (noi non la usavamo perché era di un colore che non si mimetizzava con niente).

      A margine, dubito che ci si lanciasse con addosso un MG e il munizionamento, quindi quelle robe dovevano venire giù nel solito "contenitore ottimista", nel senso che nel mondo reale cade a 10km dai soldati a cui serve.

      Elimina
    3. Una roba assurda era il telo tenda coi paletti.

      Lasciando da parte il solito colore "mimetico anni cinquanta" che come ho detto era tra il rosso e il giallo ocra e chiazze verde pisello, che non so in quale ambiente si confonde, di certo non in montagna, doveva servire, una volta abbottonato, a formare una tenda sotto cui dormire. Forse in un prato di trifogli in maggio può funzionare ma nessuno si prenderebbe la briga di montarlo, in tutti gli altri casi al più poteva servire da poncho.

      Elimina