mercoledì, febbraio 14, 2018

Riconoscere il disegno

Uno degli strumenti più efficaci che permise ai nostri antenati di avere successo fu la capacità di fare ragionamenti razionali sul mondo. Per esempio, notarono le impronte di un animale nel fango, le associarono all'animale che le imprimeva, dedussero che l'animale passava di li abitualmente e si proiettarono in avanti preparando un agguato.

I miei contemporanei stanno perdendo questa capacità. Un po' perché sono accuratamente disinformati e condizionati, un po' perché gli viene instillata l'idea dello "spontaneismo", ovvero le cose "capitano" di punto in bianco, senza una ragione, senza un rapporto causa-effetto. Per cui su Radio24Ore senti un "docente di diritti umani" sostenere che non esiste correlazione tra criminalità e immigrazione.

Su questo mio blogghettino che non legge nessuno io cerco di fare l'opposto, ovvero mostrare come le cose si ripetano dentro un disegno. Vi ripropongo alcuni esempi:

Il barcone affondato dei migranti-profughi-rifugiati, ripescato a spese nostre, che deve essere trasformato in un nuovo "museo dell'olocausto", ad imperitura memoria delle nostre colpe.

I "grandi leader" ci ricordano i temi dei "diritti", del senso che deve avere la "politica", i fortunati "eventi epocali", il volontariato.

Oggi ne aggiungo un altro, il peso delle semplici parole.
Anno di Grazia 2014, testo della convocazione delle manifestazione anti-leghista a Milano:
Milano ama i diritti, Milano è meticcia, ibrida, soggetta a contaminazioni continue: studenti e precari, lavoratori occasionali/stagionali, migranti campani, pugliesi, siciliani, eritrei, marocchini, peruviani...
Anno di Grazia 2017, articolo di Scalfari sull'Espresso:
... il meticciato, la tendenza alla nascita di un popolo unico, che ha una ricchezza media, una cultura media, un sangue integrato. Questo è un futuro che dovrà realizzarsi entro due o tre generazioni e che va politicamente effettuato dall’Europa. E questo deve essere il compito della sinistra europea e in particolare di quella italiana.
Anno di Grazia 2018, slogan utilizzato dalle "femministe" del corteo "antifascista" di Macerata:
Contro il razzismo e il fascismo armato, la risposta è il meticciato.
Ve lo spiego. La strategia di lavaggio del cervello utilizzata con questi slogan è quella di associare al concetto di Popolo e Nazione, quindi di "sovranità nazionale" e di Stato, il concetto di "fascismo", che le Prime Due Categorie della "sinistra" sono condizionate ad associare al "male assoluto", pur non sapendone praticamente niente. Poi, usando l'epica fasulla della "resistenza", con l'ulteriore mistificazione del detto e non detto sulla "resistenza comunista", si lusingano i minorati delle Due Categorie dicendogli che sono gli eredi dei mitologici "partigiani". Infine, gli si presenta il "meticciato" come l'alternativa astuta alla rivoluzione armata, la "lotta di classe" e lo "antifascismo", attuati diluendo geneticamente e culturalmente le basi di Popolo e Nazione. I minorati cosi non solo si sentono degli eroi della "resistenza" quando vanno in corteo a devastare i centri urbani ma associano quello che era il "nuovo uomo sovietico" al "popolo unico, ricchezza media, cultura media, sangue integrato" del pezzo di Scalfari. Quindi qual'è la risposta alla sempiterna minaccia del "fascismo"? Il "popolo unico", il meticciato. Cosa vogliamo noi (i partigiani)? Il meticciato.

Il giochino infantile si palesa quando le "femmine" della "sinistra" dichiarano di volere copulare con gli "stranieri" invece che coi fascisti. Credendo in questo modo di svilire e svuotare di senso l'idea di "difesa della razza" che secondo loro sarebbe la "razza" che il loro "meticciato" deve smontare, annullare. Non gli passa per l'anticamera del cervello che cosi facendo dichiarano che lo scopo reale della immigrazione è realizzare il meticciato, ovvero quello di cancellare la "razza" (passatemi il termine) che secondo loro non dovrebbe nemmeno esistere. E' un esempio colossale e paradossale di excusatio non petita. Essendo però le Due Categorie popolate di minorati, condizionati al comportamento meccanico, acritico, sono indifferenti ai paradossi.

Adesso, siccome siete abituati a pensare che le cose "capitano", per voi sono tutte coincidenze. Se io vi dico che dietro c'è una unica regia e gente pagata apposta per perfezionare gli slogan e le campagne di marketing e che questo va avanti dal famoso "sessantotto", voi mi direte che sono fissato con le "teorie complottistiche". Come vi posso rispondere? Che anche questa delle "teorie complottistiche" è uno slogan studiato ad arte come parte della propaganda. Perché altrimenti si potrebbe mettere in dubbio l'idea che sostengono le "grandi personalità" del link soprastante, quella dei "fenomeni epocali", indipendenti dalla volontà e dall'agire umano.

Peccato che non mi legge nessuno.

9 commenti:

  1. Oggi non ho una parola buona per nessuno
    La soluzione è una tanica di benzina con un accendino

    RispondiElimina
  2. Stasera si vede che non ci sono con la testa: per favore puoi chiarire chi sono le "Due categorie della sinistra" e il paradosso dell'accoppiamento con il migrante di colore ?
    Detto questo, mi sembra che certe dichiarazioni cretine da corteo ("con il senegalese si con il fascista no") siano destinate a rimanere tali. Come la presunta stra-libertà sessuale del 68: io non l'ho certo vissuto ma da fonti attendibili mi è stato detto che c'era MOLTO meno libertinaggio femminile di quanto dichiarato.
    Non lo so: questa disponibilità "assoluta" della femmina nei confronti del nero mi pare, per l'appunto, solo uno slogan. Almeno fino ad ora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Premessa: la parola "sinistra" viene usata in maniera del tutto impropria a causa di una mistificazione con cui i Comunisti si sono attribuiti l'egemonia sul creato. In realtà il termine storicamente fa riferimento ai rappresentanti del "terzo stato" (dopo nobiltà e clero) che sedevano nella parte sinistra dell'assemblea degli Stati Generali nella Francia pre-rivoluzionaria. Il "terzo stato" era la borghesia, termine che, sempre storicamente, indica le persone, di solito artigiani e mercanti, che vivono nel borgo addossato al castello del signore locale, invece che nei casolari sparsi nella campagna. La "destra", sempre storicamente, era invece la parte dove sedeva l'aristocrazia terriera, quello che in Gran Bretagna sono i "lord".

      La "sinistra" odierna, cioè il Partito Comunista e suoi satelliti, si compone di tre categoria. La prima è quella degli idioti assistiti, la seconda quella degli eterni adolescenti, mai cresciuti, la terza è quella dei funzionari e capoccia del Partito, che fanno carriera a scapito degli altri.

      Di paradossi ce n'è una infinità. In questo caso mentre si afferma la necessità del "meticciato" per combattere il Fascismo si afferma qual'è il vero scopo della immigrazione, ovvero il "meticciato", negando cosi che abbia necessità economiche (pagheranno le nostre pensioni) o che sia un "fenomeno epocale" (fuggono dalle guerre). A margine di questo paradosso ce ne sono altri più piccoli, come l'equivalenza tra il partigiano combattente e la donna che copula con l'immigrato o l'equivalenza tra Fascismo e Nazione.

      Il '68 non l'hai capito e te lo spiego: in realtà parte da li il Piano delle elite apolidi, quando misero a punto l'ideologia "liberal" cominciando dalle università americane e diffondendola tramite i "media" (musica, cinema, letteratura). L'ideologia "liberal" aveva lo scopo di soppiantare in quelli che allora erano i marxisti e i marxisti-leninisti, la ortodossia comunista con quell'insieme di "umanesimo" e di "buonismo" che col tempo si è consolidato nella propaganda attuale.

      Noterai che quando nel 1989 crolla il Muro, il PCI si converte rapidamente, cambiando nome e simbolo un certo numero di volte, passando dal Cossutta che riceve gli inviati del KGB e le valigie piene di dollari, al Veltroni "kennediano", appunto "liberal" e da li alla tristissima subalternità verso tutta la fuffa dei Clinton e degli Obama (più precisamente, verso i "think tank" e le lobbies, quindi le elite apolidi che hanno fatto eleggere o hanno provato ad eleggere i Clinton e Obama).

      Elimina
    2. Semplifico: quando la "femminista" di "sinistra" pensa di sbattere in faccia ai "fascisti" il fatto che lo prende in culo dagli immigrati per fargli un dispetto in realtà non fa che manifestare, palesare, qual'è lo scopo della "sinistra", ovvero quello che scrive Scalfari, come sopra:

      "un popolo unico, che ha una ricchezza media, una cultura media, un sangue integrato. Questo è un futuro che dovrà realizzarsi entro due o tre generazioni e che va politicamente effettuato dall’Europa. E questo deve essere il compito della sinistra europea e in particolare di quella italiana."

      Ovvero il compito della "sinistra" è ripopolare il più velocemente possibile l'Italia e l'Europa con immigrati per poi farli accoppiare con le donne autoctone e realizzare il "popolo unico".

      Questo, oltre ad essere un genocidio pianificato a tavolino, oltre ad essere lo scopo delle Fondazioni di Soros, è il contrario di quello che affermano subito prima e subito dopo, ovvero tutti gli altri slogan sulla immigrazione, da quelli "è inevitabile" a quelli "è nel nostro interesse" fino a "è colpa nostra se".

      Riguardo la ragione per cui una persona normale vorrebbe vivere nel Mondo Nuovo disegnato da Scalfari, bisogna entrare nella testa degli idioti assistiti (I categoria) e dei mai cresciuti (II categoria). In sostanza ritengono che tanto peggio, per loro sia tanto meglio, è una versione apocalittica del "mal comune, mezzo gaudio".

      Elimina
  3. il meticciato credo fortemente sia stato voluto. anzi più complottisticamente stabilito a tavolino.
    la sinistra partecipa felice, ma forse non riflette che in quel meticciato capiteranno anche i propri figli che di italiano ed europeo avranno poco e niente.

    poi posso anche sbagliare

    p.s.
    bel post

    buona notte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è bisogno di crederci, ce lo dicono in faccia. Basta non nascondere la testa sotto la sabbia.

      Elimina