lunedì, aprile 23, 2018

Cinquantatreesimo compleanno

Fuck U, Fuck U and Your Sister 2 Edition.

Stamattina ho preso la motoretta e me ne sono andato per conto mio, visto che se esiste un proverbio sensato è "meglio soli...", segue reportage. La località di partenza questa volta è Pasturo in Valsassina, 640 m. (dove mi hanno pelato 6 euro per 2 michette, un etto di bresaola e 3 bottigliette di minerale) per salire a Pialeral, 1400 m. e da li verso una valletta sotto il Grignone più in alto. Due note: i paesi sul fondovalle sono mezzi abbandonati ma sulle pendici delle montagne si costruisce a più non posso, oggi ho camminato in mezzo alle case di una città distribuita. Una cosa che mi ha impressionato, a parte l'opera ciclopica di costruire strade ovunque, di solito con una rete di ferro e una colata di cemento, è la tigna con cui vengono recintate tutte le proprietà. Tonnellate di cavi d'acciaio di tutte le dimensioni, chiodi, bulloni, graffe. Tutto ormai è a misura di automobile, non comincio nemmeno a lamentarmi dei problemi che incontro andando a piedi e in bicicletta. La cosa peggiore per chi va in moto sono le gallerie. Per cento motivi ma ne dico uno banale: prova a toglierti gli occhiali dentro una galleria buia mentre guidi la moto.

Freddo in alto con la neve.
Mancano le due marmotte, troppo difficile.
Putroppo il lettore non apprezzerà la magia di quasi trenta foto scattate completamente alla cieca, perché non ci vedo, con un Nokia 2700 classic.




























Ripeto, due megapixel senza guardare. Pft, quelli con la reflex mi fanno le pippe. Non c'è nemmeno una foto che faccia veramente cacare, ce ne solo alcune che sul momento avevano un qualche significato ma adesso non ricordo cosa volevano rappresentare. Forse qualche dettaglio che causa bassa risoluzione è andato perso, oppure causa cecità è andato fuori dalla inquadratura.

Ah, le foto non sono in ordine, sono mescolate a caso.
Informazione: ci sono in giro dei cartelloni che danno informazioni varie sui luoghi. In uno di questi ho scoperto che i "laghetti" non sono naturali perché li la roccia (che per inciso contiene dei fossili tipo pesci) è calcarea e fa passare l'acqua. Quindi le pozze sono tutte artificiali (quello della foto ho guardato e ha un telo di plastica sul fondo) e servivano in origine per abbeverare gli animali. Pare che comunque siano preziosi perché ospitano rane e altri piccoli animali delle montagne.

10 commenti:

  1. Buon Compleanno!

    PS: cinquaNta-etc (ti è sfuggita una n nel titolo!) :D
    Veneranda età :D
    È un bel numero primo, dai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Google, nonostante i fantastiliardi, se ne frega di Blogger e quindi se correggo il titolo poi mi rimanda un errore "pagina non trovata". Quindi pace, lo lascio cosi.

      Per qualche ragione del fatto che sia numero primo mi importa sega.

      Elimina
  2. Buon compleanno, in ogni caso
    P.

    RispondiElimina
  3. Auguri.

    Ormai le strade non sono nemmeno a prova di automobile ma di carro armato..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi domanderei quale modello "socio-economico" fa si che per obbligo o per divertimento la gente formicoli in giro tutto il giorno in automobile.
      Un'altra cosa ovvia è che il "traffico pesante" non può stare nelle stesse strade, nello stesso momento. Vedere due autotreni che si sorpassano sulla Valassina è presagio di sventura.

      Elimina
  4. Scusa l'ignoranza, ma la citazione "fuck U" eccetera é presa da un film? Qual è il suo significato ?

    RispondiElimina
  5. Buon compleanno in ritardo mio coetaneo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Classe di ferro arrugginito.

      Elimina