domenica, maggio 27, 2018

Niente sovranismo


La battaglia di Legnano in un dipinto di Amos Cassioli

Andare a votare ancora non serve a niente, siamo tornati punto a capo, servi, colonia. Ma se da secoli siamo calpesti, derisi perché non siam Popolo, perché siam divisi, adesso siamo anche culo-sfondati da cent'anni di cattocomunismo, i cui frutti sono descritti nel post precedente e stasera ne abbiamo visto mirabile esempio.

Dai, per ora ci va bene che la "democrazia" ce la portano con lo strangolamento finanziario. Se quello non dovesse funzionare, ce la porterebbero coi bombardieri e ci toccherebbe anche fare i conti coi "partigiani di quartiere" che questa sera festeggiano. Non gli frega niente del Ministro dell'Economia o del Governo, gongolano perché al popolaccio infame viene tolta definitivamente la sovranità, ovvero la pretesa di determinare il proprio destino e anche quella di essere padroni della propria terra. Nei prossimi mesi ne vedremo di tutti i colori, a partire dal solito "governo tecnico" che non riferisce agli Italiani, crolli della Borsa, aumento vertiginoso degli sbarchi degli immigrati. Resta da vedere come si metterà il Parlamento, sono pessimista perché a Roma Franza o Spagna basta che se magna.

Edito:
Per le anime belle che si svegliano adesso e invocano lo stato di accusa per Alto Tradimento, suggerisco di andare in alto a sinistra e mettere nel campo di ricerca le parole "tradimento" e cosi facendo trovare alcuni post che scrissi ANNI FA sull'argomento. Perché è tutto di una banalità sconcertante.

2 commenti:

  1. Il "Franza o Spagna purché se magna!" risale a tempi non sospetti.
    Ed è assai più "universale" di quanto tu non pensi.
    La madre (tedesca) di mio figlio era assai critica con la classe media tedesca, ad esempio, troppo concentrata sul "magna".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho citato in testa la prova che non è un destino inevitabile. E' un comportamento condizionato.

      Elimina